Per Barthes

12 marzo 2010
Pubblicato da

di Valerio Magrelli

[in occasione della pubblicazione di Riga 30 – Roland Barthes a cura di Marco Consolini e Gianfranco Marrone, marcos y marcos editore, (ne abbiamo parlato qui) Marco Belpoliti ci regala una poesia di Valerio Magrelli che si trova nel volume, che verrà presentato domani.]

Suites inglesi

           A Roland Barthes
           maestro di solfeggio

Ero andato a incontrarlo da studente
per una tesi, e invece chiacchierammo
solo degli spartiti che portavo con me.
Suonava al piano Bach e la corrente
di quel «ruscello» lo sospinse via
fra mulinelli e anse.
A che serve suonare?
Un’obbedienza cieca,
un’arte marziale: l’ascesi,
e in fondo il suono che si leva uguale,
il Sempre-uguale,
nell’ostinata speranza,
se non di un lenimento,
di un mite risarcimento musicale.

Tag: , , , , ,

2 Responses to Per Barthes

  1. made in caina il 12 marzo 2010 alle 18:40

    mi fa sorridere la rima “tesi”- “ascesi”

  2. xenia il 14 marzo 2010 alle 04:33

    anche a me fa sorridere. tuttavia, magrelli scrive bene. il morto che campeggia più in alto, invece, no. una merda. mi riferisco a simone cattaneo.
    e dire che la parola dall’aldilà, nel tragitto, qualcosa guadagna, di solito.



indiani