Articolo precedente
Articolo successivo

Castello in movimento

[La Festa di Nazione Indiana si svolge all’interno di una serie di eventi che si susseguiranno nei prossimi mesi al Castello Malaspina di Fosdinovo. Vi allego qui sotto il programma. G.B.]

Castello Malaspina di Fosdinovo
maggio-settembre 2010
Seconda Edizione

Seconda edizione per CASTELLO IN MOVIMENTO, la manifestazione che si tiene da fine maggio a fine settembre 2010 nel Castello Malaspina di Fosdinovo, monumento simbolo di quella zona della Toscana racchiusa tra le coste del Tirreno, le colline della Lunigiana e le Alpi Apuane. E’ ideata dalla giovane coppia, Pietro Torrigiani Malaspina e Maddalena Fossombroni, che abita e gestisce il Castello, memoria storica del luogo e sua continuità nel presente.

Il Castello, sin dal XIV secolo, è stato non solo palazzo, sede di prestigio della famiglia Malaspina, ma anche luogo di ospitalità per poeti e artisti. Dante Alighieri è il primo grande testimone di questa tradizione, una tradizione che Alberto Malaspina consolidò facendo diventare il Castello meta di riferimento dei poeti provenzali. Castello in Movimento nasce dall’idea di restituire al Castello Malaspina di Fosdinovo la sua parte viva, di farne un luogo di produzione e d’incontro fra artisti di varie discipline.
Prende avvio, così, il programma di residenza per giovani artisti italiani, unico sul territorio nazionale: il Castello come luogo caro a chi pensa – come lo definiscono i suoi ideatori – dove può nascere un rapporto di familiarità e di affezione fra gli ospiti e il contesto. E’ un invito a diventare parte del luogo e della sua storia. Il programma coinvolge tre discipline: scrittura, arti visive e teatro. A conclusione di ciascun periodo di residenza saranno organizzati incontri aperti al pubblico per mostrare i lavori degli artisti nati durante la loro permanenza al castello.

Le residenze iniziano a maggio, tra il 27 e il 30, con la scrittura Vittorio Bongiorno, Gianluca Colloca, Omar Di Monopoli, Luca Ricci, Gianluigi Ricuperati e Carlotta Vissani hanno accettato l’invito a creare un racconto in ventiquattr’ore. [in concomitanza con la Festa! Faremo delle letture publbiche dei loro racconti! G.B. ].

A giugno le residenze si aprono all’arte e al teatro. L’artista Emanuele Becheri, classe ’73, dal 19 al 27 di giugno, realizzerà un lavoro che rimarrà nella collezione del Castello. La compagnia teatrale Kinkaleri preparerà qui lo spettacolo che debutterà a fine luglio al Festival di Lunatica.

Gli ospiti di luglio saranno ancora scrittori e blogger – Alessandro Zannoni, Rosario Palazzolo, Massimo Maugeri, Luigi Romolo Carrino, Gian Paolo Serino, Sacha Naspini, Luigi Bernardi, Francesco Forlani, Barbara Baraldi, Alessandra Buccheri, Enrico Pandiani, Enzo Carcella – mentre a settembre sarà la volta della musica – lo stage del Berklee College of Music di Boston e del Folkwang Hochschule di Essen che si concluderà con uno spettacolo aperto al pubblico.

Tutte le iniziative sono in sintonia con lo spirito dei suoi proprietari, per affinità intellettuale e artistica, e tracciano una mappa che, da maggio a settembre, costituisce una sorta di festival/rassegna.

Castello in movimento è promossa dal Castello di Fosdinovo con il patrocinio del Comune di Fosdinovo, della Provincia di Massa Carrara, dell’APT di Massa e Carrara, della Comunità Montana della Lunigiana, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carrara.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Penso che vado a cambiare l’idea di vacanza. Normalmente vado in luglio nella mia famiglia. Cambiero per andare in agosto e potere venire a Fosdinove in luglio intorno al mio compleanno.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le ripetizioni

Gianni Biondillo intervista Giulio Mozzi
Ne "Le ripetizioni" c’è un episodio di reviviscenza della memoria che si dimostra fallace. Mario, il protagonista, ricorda perfettamente una cosa falsa: è una metafora della letteratura? Vero e falso non hanno significato, sono solo scrittura?

Ci vogliono poveri, Momar

di Romano A. Fiocchi
La scelta della forma ‘romanzo’ e la collaborazione di due autori dalle origini culturali differenti è la formula ideale per coniugare caratteristiche altrimenti in contrasto tra loro, come ad esempio il rigore della ricostruzione storica degli anni Settanta – periodo in cui si svolge la vicenda – con la semplicità quasi primordiale del linguaggio.

Ciao ciao Clarissa

di Francesca Ranza
A Clarissa non importa di uscire bene in foto e la giornalista è preoccupata, molto preoccupata: con questo atteggiamento menefreghista non andrà da nessuna parte.

Parlare col culo

di Daniela Besozzi
Daniela ironizzava spesso sull’ipotesi che io fossi affetta dalla sindrome di Tourette, ma io vi giuro che la mia mente è sana. La ricerca scientifica congettura che la coprolalia sia un indizio di sincerità.

Sotto il cielo del mondo

Gianni Biondillo intervista Flavio Stroppini
Uno dei temi fondamentali del tuo libro è la paternità. Quella all'apparenza negata ad Alvaro, il tuo protagonista, quella che dovrà vivere lui, essendo il tuo romanzo una lettera indirizzata alla figlia che verrà. Credi che oggi sia necessaria una ridefinizione del ruolo paterno?

Al centro del mondo

Gianni Biondillo intervista Alessio Torino
Al centro del mondo che racconti nel tuo "Al centro del mondo" c'è la provincia, sempre meno intercettata dalla letteratura contemporanea: è una scelta estetica o anche politica?
gianni biondillo
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Ha vinto il Premio Scerbanenco (2011), il Premio Bergamo (2018) e il Premio Bagutta (2024). Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: