Nasce Absoluteville

Absoluteville , come suggerisce il nome, non è semplicemente un blog, è innanzitutto un progetto, una città in continua evoluzione dove si fa e si ragiona di letterature, di poesie, di arti, nella speranza che questo ragionare e questo fare siano terreno di incontro per tanti scrittori, lettori, e chissà anche non lettori.

Absoluteville nasce come una speranza nel modo in cui la intende Ernst Bloch: non una disposizione spontanea, ma qualcosa che richiede esercizi di apprendimento, un continuo sforzo a partire dai ‘possibili’ e non dal ‘reale’. Ecco perché vogliamo che esordisca e si conservi nella forma mutante di progetto, la prefigurazione di una città in potenza, vitale, aperta, popolata da autori, lettori e non lettori che non temano il confronto, che anzi lo prediligano.

Per questa ragione Absoluteville è insieme molte cose e molte attività: questo sito web, il festival internazionale di poesia di Monfalcone Absolute Poetry, un’associazione dedicata alla realizzazione di eventi, siano essi festival, rassegne, convegni, dibattiti, poetry slam, performance.

Nello specifico, in questo nuovo sito web abbiamo deciso di raccogliere sotto il comune marchio di Absoluteville varie attività: lo storico blog di poesia absolutepoetry, riproposto con tutto il suo archivio sotto forma di e-zine, una nuova serie di blog d’autore che affronteranno argomenti specifici intorno alle letterature e alle poesie del mondo, un nuovo canale video, il programma/archivio costantemente aggiornato del festival.

Absoluteville inizia la sua attività come un cantiere, come una piccola ville piena soprattutto di entusiasmo, di energia, di progettualità, ma come ogni città (è la nostra speranza) presto potrà ingrandirsi e accogliere tutti coloro che la vorranno abitare e riempire con le loro voci, magari rendendola sempre più luogo d’incontro e di confronto: quello che riuscirà a fare, è indubbio, dipenderà dall’energia di chi vorrà abitare questo cantiere, e far crescere questa città come la sua città.

Intanto il Festival Absolute Poetry prosegue a Monfalcone (nel 2010 la quinta edizione) sotto la direzione artistica di Lello Voce e la cura artistica e scientifica di Luigi Nacci e Gianmaria Nerli.

Per gli altri progetti, come si dice, il cantiere è ancora aperto…

Lello Voce, Luigi Nacci, Gianmaria Nerli

francesca matteoni

Sono nata a Pistoia nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia con persone di ogni età e racconto fiabe in varie occasioni da sempre. Insegno storia della magia e della medicina, religioni comparate e altri corsi presso alcune università americane a Firenze. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Ho curato libri collettivi ispirati al fiabesco e scrivo saggi su riviste cartacee e online, fra cui Nuovi Argomenti e L'Indiscreto. Della mia vita accademica, principalmente all'estero, si trovano articoli e questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). Insieme ad Azzurra D’Agostino ho curato l’antologia Un ponte gettato sul mare. Un’esperienza di poesia nei centri psichiatrici, nata da un lavoro svolto in Sardegna. I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. A lunedì alterni mi si può ascoltare su Fangoradio, con la trasmissione Sàivu. Abito in periferia, vicino a un corso d'acqua, con un gatto. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/ 

Tags:

  2 comments for “Nasce Absoluteville

  1. 27 Maggio 2010 at 16:36

    Interessante

  2. jan
    28 Maggio 2010 at 10:52

    Io ammiro i curatori che hanno costruito un sito piuttosto complesso usando (fin dai tempi di absolutepoetry) il software SPIP.

Comments are closed.