Articolo precedentecarta st[r]ampa[la]ta n.24
Articolo successivoAlla leggèra

Beckett for dummies

uno stralcio di articolo di Vittorino Andreoli ricopiato da Piero Sorrentino

Nella celebre commedia Aspettando Godot di Samuel Beckett attorno a un tavolo preparato per una cena ci sono delle persone che aspettano l’ultimo commensale, Godot, un personaggio che nessuno conosce e che nemmeno è sicuro arrivi: un mistero che però tiene tutti in sospeso. Il tempo viene consumato in questa attesa e nelle ipotesi più strane su chi egli sia e se effettivamente stia per giungere. E talvolta si sente un rumore che sembra annunciarlo. E non si consuma il pasto, si digiuna tra ansie e impazienza e alcuni si seccano poiché si tratta di uno stile al limite della maleducazione e allora bisognerebbe reagire, e incominciare senza di lui. Ma se poi arriva ed è un personaggio importante?

(Vittorino Andreoli, “Paura e un’eterna attesa: se la società è al minimo”, Corriere della sera, 19/7/2010)

Print Friendly, PDF & Email

12 Commenti

  1. E sì che Vittorino Andreoli è anche autore teatrale. Nel 2005 la BUR Rizzoli gli ha pubblicato “Un posto in platea. Trame teatrali”, un volume di 795 pagine con pièce in italiano e in dialetto. Ciao Piero, buona estate!

  2. ah ah comicissimo grazie! Indovina chi viene a cena dal convitato di pietra, aspettando Beckett! ma andreoli è l’alberoni della psichiatria o alberoni è l’andreoli della sociologia? Uno che ha impostato il suo look sullo scienziato pazzo dei fumetti, dai…

  3. Ignoranti! E’ la trama di “Aspettando l’angelo sterminatore che viene a cena”, un capolavoro del ‘900, di Samuel L. Jackson Beckett.

  4. andreoli è un mito che si autoguistifica…ma al corriere nessuno di coloro che hanno avuto per le mani l’articolo l’ha letto prima di pubblicarlo?

  5. I miei ragazzi hanno messo in scena “Aspettando Godot” dove Vladimiro ed Estragone erano alla fermata del bus; la fermata a un certo punto si anima di altre figure, ciascuna viveva l’atesa a modo suo; qualcuno discute, fa un gran caldo e qualcuno si sente male; a un certo punto arriva il bus, e tutti si accalcano per salire, una volta entrati tutti, li vediamo pigiati ai finestrini; l’autista chiude le porte quando un uomo in doppio petto blu arriva; tutti a quel punto cercano di scendere, l’uomo con un gesto elegante della mano, invita l’autista a riprendere la corsa.

  6. Questa è la versione di Waiting for Gordot scritta dal Samuel Beckett protagonista di Quantum leap nell’episodio A momentary lapse of treason

  7. Per come stano le cose, essere un’autorità culturale riconosciuta nel circo editoriale, è una aggravante di colpa, non certo una qualità.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nostalgie della terra

di Mauro Tetti Ogni cosa vissuta o immaginata continuava a ingannarmi trascinandomi dabbasso in qualche buco sconosciuto della vita. Sentimento...

Nota di lettura su “Unità stratigrafiche” di Laura Liberale, Arcipelago Itaca, 2020.

di Carlo Giacobbi
La morte, dunque. E la si pronunci questa parola, se ne indaghi anzitutto il significato letterale-biologico, se ne prenda atto: questo pare essere l’invito del dettato poetico dell’autrice, il motivo della sua ars scribendi.

Su «Quando tornerò» di Marco Balzano

di Antonella Falco
Un romanzo di grande impatto emotivo. Mediante una scrittura asciutta, ma nello stesso tempo calvinianamente “leggera”, racconta la fatica di vivere

Sporcarsi le mani con Dostoevskij

di Claudia Zonghetti
Questa è la sfida per i traduttori attuali e futuri di Dostoevskij: sporcarsi le mani con la pasta sonora e sintattica della sua lingua plastica e veemente

L’odore dell’arrivo

(Per gentile concessione della casa editrice Ferrari Editore, che qui volentieri ringrazio, pubblico uno stralcio del nuovo romanzo di...

In principio fu il male

    Pubblichiamo qui di seguito un estratto dell'ultimo libro di Davide Gatto, In principio fu il male, Manni, 2021. Il capitolo...
Print Friendly, PDF & Email