Frecce contro

Curatori e autori dell’antologia di poesia Frecce verso l’altro (Marcos y Marcos, 2010) abbiamo chiesto ospitalità a Nazione indiana, per far vivere il nostro progetto oltre i limiti imposti da una storia che si colloca ai confini della realtà.

Tra i progetti destinati alla creatività giovane finanziati dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), uno in particolare, Italia Creativa, ha unito i Comuni di Parma e Firenze per la promozione di un concorso letterario consacrato alla prosa, l’altro alla poesia e ad una serie di attività correlate. Premio: la pubblicazione dei testi prescelti in due antologie, effettivamente pubblicate da Marcos y Marcos.

Marchio e titolo comune alle due imprese: Borntowrite. D’accordo, può non piacere a tutti: il progetto di narrativa con base a Parma si esprime anche attraverso una rivista dal titolo più simpaticamente ‘lunatico’, quello di “la luna di traverso”, il progetto dedicato alla poesia, con base a Firenze si è portato egregiamente per sei edizioni come Nodo sottile. Ha contribuito in questi anni a far emergere nel panorama della poesia italiana alcune giovani voci, e molte hanno poi dimostrato la capacità di percorrere un proprio percorso poetico, il progetto si è insomma ritagliato un suo spazio a lato di imprese maggiori ed affini come il Quaderno di poesia italiana di Franco Buffoni. Ora, il brand in inglese è cosa da pubblicitari nostrani ma, insomma, dài, se funziona per sbloccare il progetto, procediamo pure, abbiamo pensato. Nati siamo nati, scrivere abbiamo scritto, andiamo avanti.

Intanto si è fatto il lavoro, intanto i libri si sono stampati (le nostre Frecce e l’antologia di racconti, Trenta secondi di universo), si sono fatte le presentazioni. Ci sono state parole alate sulla gioventù e sulle energie creative. Abbiamo ascoltato: le alate parole fanno parte del nostro bagaglio culturale. Soltanto c’era un problema. L’ANCI non può promuovere pubblicazioni a scopo di lucro: e un libro se va in libreria si vende. Cortocircuito, bravi e cari saluti. E poi, lo sapete, no? Che i libri non è che vivono perché vanno in libreria? Non sarete così ingenui.

Infatti non lo siamo. Questi libri adesso noi li facciamo vivere. Pensavamo anche che soluzioni si potevano trovare (per esempio vendere i libri e devolvere il ricavo in beneficenza), ma tocca fare da sé.

In queste situazioni si distinguono le persone di buona volontà. Ne abbiamo discusso, curatori e autori e abbiamo trovato più di un aiuto:

– Marcos y Marcos, dimostrando grande sensibilità, ci ha passato il pdf con i testi secondo l’impaginazione definitiva delle antologie: i pdf si possono ora scaricare sul sito di Born to write (www.borntowrite.it).

– gli amici di “AbsoluteVille” accolgono una selezione dei testi dei nostri poeti (con “post” a scadenza quindicinale, vedi su www.absolutepoetry.org)

– gli amici di Nazione indiana accolgono questa nostra lettera/manifesto, e ringraziamo voi che leggerete, commenterete, magari ci criticherete, insomma, ci darete delle idee.

Rimane però un nodo da sciogliere. 400 copie dell’antologia sono state inviate al Comune di Parma. La loro gestione è affidata naturalmente all’assessorato al Benessere e alla Creatività Giovanile. Aspettiamo da settimane che le facciano uscire dal magazzino per girarle agli autori. Provvederemmo noi a una sorta di volantinaggio postale autogestito. Potrebbero però anche ricordarsi, all’Assessorato, che il finanziamento accordato dall’ANCI prevedeva anche una voce di spese per la diffusione delle antologie (e Ufficio stampa). Se si ricordassero, spedirebbero loro il libro a operatori, come si dice, del settore. Noi siamo pronti ad aiutarli. Li aspettiamo tra le persone di buona volontà.

i curatori: Elisa Biagini, Fabio Zinelli

gli autori: Andrea Cirillo, Carlo Cuppini, Fabrizio Ganugi, Alessio Luise, Isabella Di Biase, Novella Torre, Silvia Zamperini.

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Da “Note di servizio per Franco Fortini”

di Luca Lenzini Il nucleo di convinzioni allora acquisite e la nuova prospettiva che si forma a partire da un punto di vista di parte, costituisce la base mai più revocata dell’esistenza e dell’attività intellettuale di Fortini, la bussola cogente e definitiva dell’uomo e dello scrittore.

Da “Spostamenti”

di Carlo Sperduti
Mangi una cosa se ti ostacola. Per questo il cibo è il nemico. Un tuo sillogismo all’indietro. Ora però non vedi la cosa in terrazzo­. Il tuo cotone si è impigliato a mezz’aria.

La sineddoche israeliana e la contestazione studentesca

di Andrea Inglese Il comportamento del governo di Israele, e dei governi che lo sostengono, ci fornisce un’immagine che va ben al di là della specificità del conflitto israelo-palestinese. Questo comportamento è da leggere come sineddoche di una situazione più ampia, sia sul piano politico che culturale.

Scritture subalterne nella letteratura meridionale contemporanea

di Fabio Moliterni Per studiare la letteratura meridionale contemporanea sarebbe necessaria un’indagine a tutto campo: un lavoro critico, collettivo e condiviso, la cui urgenza sociale e politica si misura soprattutto oggi, nella temperie un po’ asfittica della critica letteraria e accademica.

Il cassetto segreto. Conversazione con Costanza Quatriglio

di Daniela Mazzoli 10.000 volumi, 167 periodici, 827 tra fascicoli, cartelle, raccoglitori, buste contenenti articoli, manoscritti, carteggi, fotografie. 12 scatole...

Vigilanza nera, ascolto bianco. Considerazioni critiche sull’antirazzismo europeo

Andrea Inglese
Guardare la storia della tratta atlantica e del colonialismo europeo da vicino non è più facile nel secondo decennio del XXI secolo che nell’ultimo del XX secolo. L’oblio, l’ignoranza, la semplificazione sono innanzitutto dei meccanismi di protezione. C’è una storia di sofferenze e di crudeltà estreme, di disumanizzazioni e disumanità inconcepibili, che vorremmo tagliare fuori dalla nostra identità collettiva di europei bianchi.
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Il rumore è il messaggio, Diaforia, 2023. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Stralunati, Italo Svevo, 2022. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: