Articolo precedenteChina
Articolo successivoTalee: un’idea per librai rizomatici

LA CRICCA

di Franco Buffoni

“Un giorno tutto questo sarà tuo”,
Aveva l’aria di dire “Figlio mio”
Indicando l’infilata di sale
Lo scalone il loggiato, il padiglione.
Apparteneva allo stato con uso alla provincia
In comodato cinquantennale
Ma ne parlava male
Dei dipendenti-servi,
Impiegati scansafatiche
Incapaci di cogliere il disegno globale
“E poi nel padiglione in fondo al parco
Il mio studio privato”
Arrivarci? “In bicicletta”. Inventariata.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. CANTO DI UN EREDE VAGANTE DELLA COLLEZIONE C.B.
    (controcanto per Franco Buffoni)

    Ma il peggio viene
    quando ti dicono è tuo ma con riserva
    ci mettiamo il bollino di sequestro
    perchè è così che l’arte si conserva
    però consolati ti lasciamo l’estro
    che le tasse son tue senza eccezione
    e li sei libero di andartene in malora
    senza timore dell’uso capione
    Poi diranno è fallito? Alla buon ora
    aveva troppo è una giusta punizione
    però che razza di generazione!
    Eri giovane fiducioso e forte
    ora sei ricco soltanto di grane
    e te le porterai fino alla morte.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Da “Parte comune”

di Jacopo Masi
Alcuni testi tratti dal volume "Parte comune", Ancona, Italic, 2021.

Luigi Ballerini, teorico e critico della poesia

di Giorgio Patrizi
Questo saggio è tratto da Il remo di Ulisse. Saggi sulla poesia e la poetica di Luigi Ballerini, a cura di Ugo Perolino, Marsilio, 2021.

XV Quaderno di poesia italiana contemporanea

Franco Buffoni Prefazione “Come si riconosce una poesia?” si chiede Antonella Anedda presentando in questo volume la silloge Diritto all’oblio di...

Mi piacciono molto i documentari di Netflix

di Andrea Inglese
I documentari più belli di Netflix sono le storie di successo, le storie vere di successo, ma raccontate...

Su «Campi d’ostinato amore» di Umberto Piersanti

di Alberto Bertoni
Capita, nella storia d’un poeta, che un unico libro ne condensi temi, implicazioni storico-letterarie e Leitmotive formali

Da “Il tempo che trova”

di Pierluigi Lanfranchi
Didascalia per un quadro di Mark Rothko Occhio che passi, fissa questa tela, tuo autoritratto fedele, mia stele tombale. Ascolta bene ciò che dice: non c’è nient’altro, solo superficie.
franco buffonihttp://www.francobuffoni.it/
Franco Buffoni ha pubblicato raccolte di poesia per Guanda, Mondadori e Donzelli. Per Mondadori ha tradotto Poeti romantici inglesi (2005). L’ultimo suo romanzo è Zamel (Marcos y Marcos 2009). Sito personale: www.francobuffoni.it
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: