Articolo precedenteRITRATTI DI FAMIGLIE
Articolo successivoQuesto mercoledì al Cerizza

Due volte a Milano

il 17 e il 18 (e 19), a Milano, due occasioni per incrociarci, leggere, ascoltare, fare comunità (e la rivoluzione con le bombe di carta!).

Alla Camera del Lavoro e al Cox18.

Il 17 Dicembre:
CGIL Milano, Casa della Carità, in collaborazione con Radio Popolare
Vi invitano
CANTO PER MILANO
Piazzale antistante Camera del Lavoro – Dalle 18 alle 21.30

Abbiamo detto molte volte che Milano si è persa. Che ha perso il suo spirito accogliente, che a Milano si vive male. Che non ci si conosce e non ci si riconosce più. Che al deserto del centro corrisponde la desolazione delle periferie. Che da Milano le aziende ed i cittadini, se possono, scappano.
Abbiamo pensato ad un destino ineluttabile, una deriva competitiva di individualismo e solitudine. Milano livida e sprofondata per sua stessa mano.
Ma sappiamo che Milano è luogo di storie vive. Persone, esperienze, associazioni, lavoratori, artisti. Milanesi e stranieri – ma chi è milanese e chi è straniero? – che rappresentano valori e possibilità, tessuto vivo di questa città.
Alcune di queste storie vogliamo raccontarle in piazza. Per cercare un senso comune, vedere i volti di chi le interpreta, ricostruire relazioni, legami, solidarietà. Per ridirci da che parte vogliamo stare, come augurio corale per il prossimo anno. Futuro presente.
Vin brulé e un Fondo di Legalità.
Si brinda e si mangia con il catering della Casa della Carità.
Chiediamo a chi partecipa di contribuire con un dono in denaro perché vogliamo creare un fondo per sostenere le spese legali dei cittadini milanesi che a cui è stato negato un diritto e vogliono intentare una causa per vederselo riconoscere. Pensiamo agli insegnanti di sostegno negati, ai decreti di espulsione immotivati, alle molte violenze gratuite che segnano questa città. Un altro modo per non abbassare la testa ed esserci. A Milano.

Condurrà Massimo Cirri e promettiamo i funghi per scaldarci, dovesse piovere o nevicare abbiamo il salone della camera del lavoro.
Saranno con noi:
Gianni Biondillo, Ferdinando Bruni, Piero Colaprico, Lella Costa, Lucia Castellano, Sandrone Dazieri, Elio de Capitani, Susanna Magistretti, don Massimo speriamo con Gad Lerner, Loris Mazzetti, David Riondino, Onorio Rosati.

Il 18 e 19 Dicembre:

3 Commenti

  1. Ciao Gianni, ti vorrei mandare una email personale, mi contatti per cortesia via email? Grazie. Fratus

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

E tu splendi

di Gianni Biondillo Giuseppe Catozzella, E tu splendi, Feltrinelli editore, 2018, 231 pagine Anche questa estate, come ogni anno, Pietro e...

A caccia nei sogni

di Gianni Biondillo Tom Drury, A caccia nei sogni, NNeditore, 2017, 232 pagine, traduzione Gianni Pannofino C'è un'America, nel cuore dell'America,...

Il club dei bugiardi

di Gianni Biondillo Mary Karr, Il club dei bugiardi, edizioni e/o, 2017, 413 pagine, traduzione Claudia Lionetti L'intera opera di Mary...

Uscire di casa, entrare in città (1 di 2)

(Condivido la prima parte di un testo pubblicato ieri su L'Ordine - inserto culturale de La Provincia di Como...

Testimoni involontari del tempo

Il 6 marzo 2020 ancora non mi rendevo conto di quanto le nostre vite sarebbero cambiate per colpa della...

Massacrarsi di cultura

(Gabriele Marino è un cercatore di tartufi. Qui di seguito, con precisione maniacale, ci racconta come ha conosciuto l'opera...
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.