Articolo precedenteRITRATTI DI FAMIGLIE
Articolo successivoQuesto mercoledì al Cerizza

Due volte a Milano

il 17 e il 18 (e 19), a Milano, due occasioni per incrociarci, leggere, ascoltare, fare comunità (e la rivoluzione con le bombe di carta!).

Alla Camera del Lavoro e al Cox18.

Il 17 Dicembre:
CGIL Milano, Casa della Carità, in collaborazione con Radio Popolare
Vi invitano
CANTO PER MILANO
Piazzale antistante Camera del Lavoro – Dalle 18 alle 21.30

Abbiamo detto molte volte che Milano si è persa. Che ha perso il suo spirito accogliente, che a Milano si vive male. Che non ci si conosce e non ci si riconosce più. Che al deserto del centro corrisponde la desolazione delle periferie. Che da Milano le aziende ed i cittadini, se possono, scappano.
Abbiamo pensato ad un destino ineluttabile, una deriva competitiva di individualismo e solitudine. Milano livida e sprofondata per sua stessa mano.
Ma sappiamo che Milano è luogo di storie vive. Persone, esperienze, associazioni, lavoratori, artisti. Milanesi e stranieri – ma chi è milanese e chi è straniero? – che rappresentano valori e possibilità, tessuto vivo di questa città.
Alcune di queste storie vogliamo raccontarle in piazza. Per cercare un senso comune, vedere i volti di chi le interpreta, ricostruire relazioni, legami, solidarietà. Per ridirci da che parte vogliamo stare, come augurio corale per il prossimo anno. Futuro presente.
Vin brulé e un Fondo di Legalità.
Si brinda e si mangia con il catering della Casa della Carità.
Chiediamo a chi partecipa di contribuire con un dono in denaro perché vogliamo creare un fondo per sostenere le spese legali dei cittadini milanesi che a cui è stato negato un diritto e vogliono intentare una causa per vederselo riconoscere. Pensiamo agli insegnanti di sostegno negati, ai decreti di espulsione immotivati, alle molte violenze gratuite che segnano questa città. Un altro modo per non abbassare la testa ed esserci. A Milano.

Condurrà Massimo Cirri e promettiamo i funghi per scaldarci, dovesse piovere o nevicare abbiamo il salone della camera del lavoro.
Saranno con noi:
Gianni Biondillo, Ferdinando Bruni, Piero Colaprico, Lella Costa, Lucia Castellano, Sandrone Dazieri, Elio de Capitani, Susanna Magistretti, don Massimo speriamo con Gad Lerner, Loris Mazzetti, David Riondino, Onorio Rosati.

Il 18 e 19 Dicembre:

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. Ciao Gianni, ti vorrei mandare una email personale, mi contatti per cortesia via email? Grazie. Fratus

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il Bambino

di Valerio Paolo Mosco
Il termine scandalo ha un’etimologia greca e il suo significato è quello di pietra di inciampo, l’inaspettato che può accadere a chiunque e che interrompe il percorso. Lo scandalo ne Il Bambino è la nascita di un figlio gravemente disabile in una famiglia borghese "normale".

La strada di chi resta

di Federico Di Gregorio
Le cose materiali sono protagoniste nell’inizio del nuovo romanzo di Matteo B. Bianchi, La vita di chi resta, edito da Mondadori. Casa, ascensore, vestiti, scarpe, simboli del quotidiano e della discontinuità, uniti al mantra del parere popolare, per l’abbandono terapeutico delle cose materiali. Perché? Non ha senso, si dice l’autore: «Non riescono a capire che dai ricordi sono invaso».

La meraviglia è di tutti

di Valerio Paolo Mosco
Il libro di Luca Molinari "La meraviglia è di tutti. Corpi, città, architettura" è un libro ottimista. Il sinonimo di ottimismo in architettura è progetto. Progetto, ovvero dal latino “getto avanti”, prevedo.

Hitch, l’architetto

di Gianni Biondillo
Gli edifici, nei film di Hitchcock, non sono solo scenari dove far muovere i personaggi, ma spazi attivi, attori partecipanti, snodi narrativi. Questo si deduce leggendo il libro di Christine Madrid French, "The Architecture of Suspense. The Built World in the Films of Alfred Hitchcock".

Il corpo è tutto

di Valerio Paolo Mosco
Olivia Laing ci insegna che il corpo ci disvela, ci rende umani in quanto testimonia la nostra vulnerabilità e con essa l’eroismo di coloro i quali non hanno rinnegato la vulnerabilità.

Quella notte al Majestic

di Romano A. Fiocchi
Fu presso l’Hotel Majestic di Parigi, nell’imponente avenue Kléber, che nel corso di una serata organizzata dai ricchi coniugi Schiff si riunì un’incredibile schiera di artisti e di intellettuali. Tutti per assistere all’incontro tra due giganti della letteratura: Marcel Proust e James Joyce.
gianni biondillo
GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: