Frank Zappa (21.12.1940)

Print Friendly, PDF & Email

4 Commenti

  1. “Supponiamo che uno studioso del Ventunesimo secolo arrivi alla conclusione che la dialettica tra l’individuo-artista e l’industria culturale sia uno dei tratti salienti della trasformazione delle musiche nel secolo precedente (il Ventesimo), e che di conseguenza le figure di musicisti indipendenti, autonomi rispetto all’industria, siano meritevoli di essere viste in una luce particolare, come precorritrici di un movimento che interpreta alcune delle dinamiche fondamentali del mondo contemporaneo (quello del Ventunesimo secolo). Se questo paradigma fosse accettato, Charles Ives risulterebbe una personalità straordinariamente anticipatrice, e con lui Harry Partch, Cornelius Cardew, Frank Zappa, mentre altri musicisti del Novecento figurerebbero tra i continuatori, seppure con un linguaggio più evoluto, della tradizione ottocentesca.”

    Franco Quadri, in Zappa e l’elettroacustica

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Spitfire

di Andrea Cortellessa «Non è un romanzo storico, ma la vicenda di un uomo che si guasta». Così definiva un...

Creature di cenere

di Bianca Madeccia Studiava silenziosamente le fondamenta del creato, intima, fonda come un sentimento del quale si ha pudore. Un...

Emmanuela Carbè, Mio salmone domestico

di Andrea Cortellessa Stringi stringi, la vita è tutta una questione di fuori e dentro. Lì fuori c’è un mondo...

Del sentimento

di Livio Borriello uno spettro si aggira fra i libri: il sentimento qual è il pericolo che incombe sul mondo secondo...

Nota su Geologia di un padre

di Livio Borriello Ci sono libri che non sono solo libri, ma cose della vita che attraversano lo stadio di...
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: