Natale ( ‘o vero )

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Grazie effeffe,

    Una grazia sentire la bella lingua napoletana,
    la sua lentezza,
    la sua dolce armonia con la realtà
    magica di un preseppe o la realtà
    nuda,
    una lingua che entra nel cuore.

    Buon natale a tutti!

  2. Il Natale di chi

    Come dovrebbe essere,
    ma non è.

    Battiti intermittenti,
    e i geloni ai piedi.

    lo scuro, a ventaglio,
    spurga lacrime.

    la coperta
    umida calimma.

    il vento
    urla sul terrazzo.

    il silenzio
    sforna paura.

    e tu, janara, appollaita
    sulla schiena,

    a sventrare, da sotto,
    i cuori dei bambini.

    e la pallida luna,
    lucida

    la via.

  3. L’albero di Natale finto

    Distratte memorie
    acute,

    sbucciano
    i secoli del quotidiano.

    innocenze
    nella polvere.

    Prua veloce
    il cuore cangiante.

    Alba spampanata
    nel petto scolora.

    strada di porpora
    il respiro raffermo,

    l’albero di Natale finto.

  4. Un buon Natale di senso,
    anche se dovrebbe avere

    il senso che ha.

    Un buon natale di senso
    a quelli che hanno perso

    il lavoro e a chi non ce l’ha.

    Buon Natale di senso a coloro
    che non hanno terra da camminare

    e cielo da guardare.

    Buon Natale di senso
    agli ultimi di questo mondo.

    Buon Natale a chi piangerà
    per il freddo e per la fame.

    Buon Natale a quelli che avranno
    da mangiare, me compreso, perchè

    dopo l’abbuffata saremo assaliti
    dalla tristezza e dalla malinconia,

    e chiederemo, come ad ogni Natale,
    il perchè, al cuore portato a spasso.

  5. a Ze Pochiello,
    ‘o pate nun le diceva:

    te piace ‘o presepe eh?

    ‘o piccirillo,
    nun le ‘mpurtava d’o presepio.

    isso, nun sape addò sta
    ‘e casa ‘stu presepio.

    isso, ha perso ‘a via d’a casa.
    ma ‘na casa nun l’ha mai tenuta.

    Ze Pochiello ‘o presepio ‘o vede
    ogni ghiuorno, dint’o scuro d’e vasci.

    maronna,
    quanti criature

    cu ‘o mucco appiso ‘e faccelle
    ‘e chiante,

    ll’uocchie chiammano
    mamme e pate nfunn’o mare.

    chisto è ‘o presepio di milioni
    e milioni ‘e criature,

    piccerille senza mamma
    e senza pate.

    e, bruciati
    ‘a sta vita ‘e legna secca,

    pampuglia ca s’appiccia
    dint’a niente.

    ‘e nisciuna
    giustizia.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)

Cose da Paz

di Massimo Rizzante
Partiamo da qui: la poesia, l’arte in genere, non ama ripetersi. Ciò non significa che non possa ripetersi. Ecco la mia teoria: quando la poesia non si accorge che si sta ripetendo, la Storia inevitabilmente si ripete. Ciò se si crede, come io mi ostino a credere che, a differenza della poesia di Omero, nessuno studio storico potrà mai dirci qualcosa di essenziale su chi sono stati gli antichi Greci.

I poeti appartati: Enzo Campi

di Enzo Campi
Da quando lo conosco, da più di trent'anni, ho sempre percepito nella "manifattura creativa" di Enzo Campi, che si trattasse di teatro o di poesia, il tentativo di dialogo tra la mano che fabbrica e quella che pensa. La selezione di poesie tratte dalla sua silloge, Sequenze per cunei e cilindri  che il lettore di NI potrà leggere conforta, credo, quella mia percezione dell'origine. effeffe
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: