Articolo precedenteLettera a un magistrato
Articolo successivosul gusto nazionale

Piccoli uomini crescono

Questa è una critica sociale. Immagini della storia commentate da Wilhelm Reich. La canzone è et moi et moi et moi, di Jacques Dutronc, con testo tradotto da me e cantato da Rosario Tedesco. effeffe

La traduzione della canzone di Jacques Dutronc la potete trovare qui.
seguono i testi (e anche i disegni) tratti da Ascolta piccolo uomo, di Wilhelm Reich e che lo scorrimento in Video può rendere difficile:

Listen, Little Man!
Reich vs reich
via Dutronc

« Écoute, petit homme ! Ils t’appellent “petit homme”, “homme moyen”, “homme commun” ; ils annoncent qu’un ère nouvelle s’est levée, “l’ère de l’homme moyen”. Cela, ce n’est pas toi qui le dis, petit homme ! Ce sont eux qui le disent, les vice-présidents de grandes nations, les leaders ouvriers ayant fait carrière, les fils repentis des bourgeois, les hommes d’État et les philosophes. Ils te donnent ton avenir mais ne se soucient pas de ton passé. Un médecin, un cordonnier, un technicien, un éducateur doit connaître ses faiblesses s’il veut travailler et gagner sa vie. Depuis quelques années, tu as commencé à assumer le gouvernement de la terre. L’avenir de l’humanité dépend donc de tes pensées et de tes actes. Mais tes professeurs et tes maîtres ne te disent pas ce que tu penses et ce que tu es réellement ; personne n’ose formuler sur toi la seule critique qui te rendrait capable de prendre en main ta propre destinée. »

I know, little man, you’re very quick to diagnose madness when a truth doesn’t suit you. You regard yourself as “normal”!

You continue to go about in rags for the sake of the “socialist future” or the “Third Reich.” You continue to live in mud huts daubed with cow dung. But you’re proud of your Palace of People’s power . . . Until the next war and the downfall of the new masters

Il fascismo, nella sua forma più pura, è la somma di tutte le reazioni irrazionali del carattere umano medio.

Have you ever noticed how ridiculous the common people are made to look in the movies?

You plead for happiness in life, but security means more to you, even if it costs you your backbone or wrecks your whole life. Since you have never learned to seize upon happiness, to enjoy it and safeguard it, you lack the courage and integrity. Shall I tell you, little man, what kind of man you are? You listen to commercials on the radio, advertisements for laxatives, toothpaste, shoe polish, deodorants, and so on.

comprendi adesso perché la felicità sfugge da te? Essa vuole essere coltivata e meritata, tu generi la tua miseria, ogni giorno, senza interruzione. Non comprendi i tuoi bimbi e spezzi loro la spina dorsale prima ancora che essi possano coraggiosamente drizzarla. Rubi l’amore, sei avido di soldi e di potere”.
“Ascolta piccolo uomo”

“la verità è mortalmente pericolosa quando colpisce te stesso: il piccolo uomo non desidera udire la verità su sé stesso. Egli vuol diventare ricco, dirigente di partito, segretario dell’associazione per l’elevazione della morale pubblica, tuttavia non accetta d’assumersi la responsabilità per il suo lavoro”

And to the dictators and tyrants, the crafty and malignant, the vultures and hyenas, I cry out in the words of an ancient sage:
I have planted the banner of holy words in this world.
Long after the palm tree has withered and the rock crumbled,
long after the glittering monarchs have vanished like the dust of dried leaves,
a thousand arks will carry my word through every flood:
It will prevail.

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

No taxation without representation

di Helena Janeczek Dopo due anni d’attesa credevo che era fatta. Il decreto prefettizio firmato in data 12 aprile e...

Non perdiamo la testa. Il doveroso e vano tentativo di difendervi da Allam e le firme de Il Giornale

di Lorenzo Declich E' venerdì 24 ottobre, ho fatto una ricerchina su “Non perdiamo la testa” partendo dalla copertina, su...

IUS MUSIC

(o del #metodoBalotelli) di Helena Janeczek Dopo le amenità profuse su Mario Balotelli per la sua insolente reazione su Instagram all'ennesimo...

E ora parliamo un po’ di noi

In principio era una poesia, muta, semplice, che si intitolava "disillabari!. Poi, Alessandra Terni e Rosario Tedesco ci hanno...

Patrioska!

Giovedì 31 marzo ore 19,30 Video a cura di Rosario Tedesco, estratti dello spettacolo alla Locanda Atlantide (San...

Post in translation: Adamo

Les filles du bord de mer ((Esistono due versioni, entrambe molto belle di questa canzone, una di Salvatore...
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux