Articolo precedente
Articolo successivo

Post In Translation : Jacques Dutronc

Sept cent millions de chinois
Et moi, et moi, et moi
Avec ma vie, mon petit chez-moi
Mon mal de tête, mon point au foie
J’y pense et puis j’oublie
C’est la vie, c’est la vie

Settecento milioni di cinesi
e a me, a me, a me
che ho la mia vita, il mio da me
male alla testa e fegato a pezzi
Ci penso certo sì
Ma è così, è così

Quatre-vingt millions d’indonésiens
Et moi, et moi, et moi
Avec ma voiture et mon chien
Son Canigou quand il aboie
J’y pense et puis j’oublie
C’est la vie, c’est la vie

Ottanta milioni di indonesiani
e a me, a me, a me
con la macchina e con il mio cane
che vede Friskie e si mette a abbaiare
Ci penso, certo, sì
ma è così, è così

Trois ou quatre cent millions de noirs
Et moi, et moi, et moi
Qui vais au brunissoir
Au sauna pour perdre du poids
J’y pense et puis j’oublie
C’est la vie, c’est la vie

Tre o quattrocento milioni di neri
E a me a me a me
Che passo le ore a farmi abbronzare
ed alla sauna per non ingrassare
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Trois cent millions de soviétiques
Et moi, et moi, et moi
Avec mes manies et mes tics
Dans mon petit lit en plume d’oie
J’y pense et puis j’oublie
C’est la vie, c’est la vie

Quanti milioni di gente dell’est
E a me a me a me
le mie manie ed il mio stress
sotto il piumone non rischio granché
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Cinquante millions de gens imparfaits
Et moi, et moi, et moi
Qui regarde Catherine Langeais
A la télévision chez moi
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Tanti milioni di persone imperfette
E a me a me a me
Che mi guardo la Sette
alla tv che ci ho da me
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Neuf cent millions de crève-la-faim
Et moi, et moi, et moi
Avec mon régime végétarien
Et tout le whisky que je m’envoie
J’y pense et puis j’oublie
C’est la vie, c’est la vie

Mille milioni di morti di fame
e a me a me a me
Con la mia dieta alimentare
E tutto il whisky che mi piace scolare
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Cinq cent millions de sud-américains
Et moi, et moi, et moi
Je suis tout nu dans mon bain
Avec une fille qui me nettoie
J’y pense et puis j’oublie
C’est la vie, c’est la vie

Quanti milioni di sudamericani
E a me a me a me
Nudo in vasca mi lava le mani
Una ragazza di vent’anni
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Cinquante millions de vietnamiens
Et moi, et moi, et moi
Le dimanche à la chasse au lapin
Avec mon fusil, je suis le roi
J’y pense et puis j’oublie
C’est la vie, c’est la vie

Trenta milioni dal Vietnam
Et moi et moi et moi
Nelle stagioni di caccia al fagiano
Con la doppietta mi sento un pascià
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Cinq cent milliards de petits martiens
Et moi, et moi, et moi
Comme un con de parisien
J’attends mon chèque de fin de mois
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Mille miliardi di piccoli marziani
E a me a me a me
Da vero pirla come gli italiani
Sbarco il lunario e quanto a domani
Ci penso certo, sì
ma è così, è così

Nota di Effeffe
Come già avvenuto con l’immenso Gainsbourg, questa traduzione svergognatamente infedele, mette in conto la possibilità di essere cantata secondo tempi e misure della canzone di Jacques Dutronc. Trattandosi di un work in progress si accettano consigli e suggerimenti.

In rete esiste anche questa traduzione più letterale, corredata di una nota critica e che presenta una sola “imperfezione”. Cherchez l’erreur !!
effeffe

Settecento milioni di cinesi (1)
Ed io, ed io, ed io
Con la mia vita, la mia piccola casa
Il mio mal di testa, il mio mal di fegato
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Ottanta milioni di indonesiani (2)
Ed io, ed io, ed io
Con la mia macchina e il mio cane
Il suo Canigou quando abbaia
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Tre o quattrocento milioni di neri (3)
Ed io, ed io, ed io
Che vado ad abbronzarmi
(e) alla sauna a perdere peso
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Trecento milioni di sovietici (4)
Ed io, ed io, ed io
Con la mie manie e i miei tic
Nel mio piccolo letto di piume d’oca
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Cinquanta milioni di persone imperfette (5)
Ed io, ed io, ed io
Che guardo Catherine Langeais
sul televisore di casa
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Novecento milioni muoiono di fame (6)
Ed io, ed io, ed io
Con la mia dieta vegetariana
E tutto il whisky che mando giù
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Cinquecento milioni di sudamericani (7)
Ed io, ed io, ed io
Sono nudo nel mio bagno
Con una ragazza che mi pulisce
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Cinquanta milioni di vietnamiti (8)
Ed io, ed io, ed io
Domenica, nella caccia ai conigli
Con il mio fucile, io sono il re
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Cinquecento miliardi di piccoli marziani (9)
Ed io, ed io, ed io
Come uno stupido di parigino
Aspetto il mio stipendio a fine mese
Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Più ci penso e più non ci faccio caso
E’ la vita, è la vita

Gene Guglielmi – E voi, e voi, e voi
http://www.musicaememoria.com/jacques_dutronc_et_moi.htm

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Una canzone che suona giusto.
    Une chanson qui nous rappelle à la générosité.

    Un pensiero per quelli che hanno perduto tutto nel terramoto.
    Dono puo essere fatto dalla Francia (secours populaire français, per esempio) ma si deve marcare al verso urgence Italie.

    Madonna ha dato un magnifico esempio. Quando una canzone di Madonna in translation?

    Per la traduzione, la mia preferenza va a effeffe, per il ritmo.
    Ma come “un con parisien” non ha la stessa significazione da vero pirla come gli italiani: è molto difficile da tradurre, come “le brunissoir”.
    Perché precisare una ragazza di vent’anni?
    Tradurre è fare una scelta con molti sentieri.
    Dice molto dal tradutore finalmente.

  2. E’ vero effeffe, la tua versione è infedele ma molto ritmica. Metterei il ritornello “ma è così così così”, sincopato ma perfettamente in sincrono con le battute dell’originale “c’est la v…c’est la vie. Ma son quisquilie.
    Nota a parte : Secondo me Dutronc cantò ‘sto pezzo dopo l’enorme successo di “These boots are made for walking” di Nancy Sinatra, che inaugurò nella canzone pop dell’epoca quel gusto di blues sincopato. Sei d’accordo?

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Buena Vista Social: Alessandro Trocino

di Alessandro Trocino
Janek Gorczyca è uno scrittore. C’è il suo nome in calce alla copertina di «Storia di mia vita», appena uscito da Sellerio. Che effetto t'ha fatto? «Boh». È uno scrittore ma anche una persona che ha vissuto per anni per strada, dormendo nelle tende, sulle panchine, nelle strutture abbandonate.

Les nouveaux réalistes: Gennaro Pollaro

di Gennaro Pollaro
Il signor Aiello mi spiega - senza aprire bocca - in quale luogo sarebbe sensato trovarsi l’origine delle mie preoccupazioni. Muove le mani sulla sua testa come a formare un cerchio e poi tira fuori ancora quel maledetto pendolo.

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: