Photoshopegò #17 Deleuze

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. come è lontana la terra, in questa navetta che porta su Saturno noi ombre su lettini al buio, liquido in vena che ci rende radioattivi e lenti mentre voi invecchiate smaltendo quella nostra pipì fluoro marcata e nei rumori e curando noi nel viaggio, solo lo schermo di una terra passata e lontana che non rivedrete, e noi ancora giovani sospesi su un pianeta tra gli anelli. Come è rivedere i robot stando dentro a uno?

  2. Un cuore di poeta
    solo nel cammino di una vita particolare,
    dietro lo schermo, la parola nella corsa di stelle
    in cielo,
    una riflessione sulla linea
    si guarda una mano con linea fragila,
    screpolata, non si vede una linea nitida,
    nous sommes plus compliqués
    Fitzgerald in fêlure
    con il leggero rintocco dell’amore,
    del fallimento,
    dalla linea sorpassata
    eil varco.
    Linea da non sorpassare
    ma che è il prezzo?
    Una vita di una sola linea
    con stanchezza, cammino
    sulla linea del lavoro,
    una sola linea, perché le altre
    sono troppo nella follia.
    Come dice Lucia, i robot
    con gesti scatti,
    senza più vita.
    Mi lascia un gusto di malinconia
    questo fotoshopero di portata filosofica,
    dentro la mia vita
    un elemento di follia controllata.
    Forse quelli che hanno solo linea,
    hanno una costellazione di linee pazze.

    Grazie a effeffe, Deleuze,
    per l’emozione, il cuore remué de mille choses à nettoyer.

    Il mio romanzo di Fitzgerald preferito
    Tendre est la nuit
    La fêlure ( anche)

  3. Siamo tutti si-toi-si-o(na) nisti.

    E’ vero belli le video e il rifletto di effeffe.
    Perché in realtà effeffe filma il suo rifletto,
    ma siamo anche nell’ochio della camera.

    Un deux trois soleil, chiudo gli occhi,
    poi apro gli occhi e vedo quello che ha fatto un movimento.
    E’ una storia di sguardo. Ho pensato che la parola sole era la magia di vedere in piena luce, il ritorno alla realtà.
    Un, due, tre stella ha una dimenzione più onirica.

    Si puo parlare anche nel questo photoshopego,
    de mise en abîme.
    Ogni photoshopego ti invita a une filosofia di vita,
    una manera di essere nel mondo.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.

Overbooking: Eugenio Manzato

Alberto Pavan
Il romanzo narra la vita di Antonio Romani, vissuto tra la campagna trevigiana, Padova e Venezia, tra il 1757 e il 1797, l’anno in cui nella notte del 12 maggio, con Bonaparte alle porte, la narrazione si interrompe con un finale aperto che alimenta nel lettore il desiderio di un sequel.

Les nouveaux réalistes: Pierangelo Consoli

di Pierangelo Consoli
Per questo, quando mia madre divenne Alberta, tramutandosi in qualcosa di più collettivo, io non soffrii tanti cambiamenti, almeno per quello che riguardava la gestione delle faccende, perché erano già molti anni che me ne occupavo. Usciva pochissimo, come ho detto, eppure il giorno dei morti restava, nel suo calendario, un rito al quale non poteva rinunciare.

Colonna (sonora) 2024

di Claudio Loi
15 album in rigoroso ordine alfabetico per ricordare il 2023 e affrontare le insidie del quotidiano con il piglio giusto. Perché la musica, quella giusta, è la migliore medicina che si possa trovare sul mercato. Buon ascolto!

Les nouveaux réalistes: Annalisa Lombardi

di Annalisa Lombardi
Per questa nuova puntata dei nouveaux réalistes, un polittico di esistenze minime perdute tra i massimi sistemi della vita e della storia. Come nei Racconti con colonna sonora di Sergio Atzeni, la voce dei personaggi è incisa sulla musica di fondo delle cose. (effeffe)
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: