Articolo precedenteQualunque fotografo ti dirà lo stesso
Articolo successivoSaturazioni

MEMENTO

di FRANCO BUFFONI

Accolto dal rabbino capo Riccardo Di Segni e dal presidente dell’Associazione nazionale delle Famiglie italiane dei martiri caduti per la libertà della patria Rosina Stame, Benedetto XVI ha celebrato alle Fosse Ardeatine il 67esimo anniversario dell’eccidio, affermando: “Ciò che qui è avvenuto il 24 marzo 1944 è offesa gravissima a Dio”.

No! L’offesa è contro l’umanità. Tra gli assassinati c’erano anche atei e agnostici. Affermando quanto sopra riportato si rischia – per analogia – di regredire ai tempi in cui, per esempio, lo stupro era considerato un’offesa contro la morale, non contro la persona.

E già che ci siamo – e questo vale per il prossimo 27 gennaio, giorno della memoria – non si potrebbe tentare di fare un passo avanti menzionando anche gli omosessuali tra le “categorie” internate nei campi di sterminio, insieme a ebrei, rom… ?

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. “E già che ci siamo – e questo vale per il prossimo 27 gennaio, giorno della memoria – non si potrebbe tentare di fare un passo avanti menzionando anche gli omosessuali tra le “categorie” internate nei campi di sterminio, insieme a ebrei, rom…?”
    Su questo tragico aspetto, rimosso e dimenticato dall’ufficiallità delle commemorazioni, ha scritto un libro interessantissimo Jean Le Bitoux, “Les oubliés de la mémoire” (uscito anche in ed. it. nel 2003 per Manni col titolo “Il triangolo rosa”, ma forse non più reperibile).

  2. Se è per questo, nemmeno io. Io parlavo della società che ci circonda, nella quale mi pare che ormai respirare sia diventato sinonimo di resistere.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le Croci

di Luca Vidotto
Cosa conta chi sono, io? Cosa conta la mia fama? Cosa conta chiamarsi Anna Achmatova, qui? Ovunque siamo sempre le stesse. Un unico corpo sofferente: il volto infossato si stringe attorno al nostro lutto; le labbra docili vedono il sorriso appassire...

Un gelido dicembre milanese

di Antonella Grandicelli
Un gelido inverno in viale Bligny (Morellini Editore, 2021), è il convincente debutto nella narrativa gialla della scrittrice genovese Arianna Destito Maffeo,

La poesia di Edgar Allan Poe nella traduzione di Raffaela Fazio “Nevermore. Poesie di un Altrove” (Marco Saya Edizioni, 2021)

Trad. di Raffaela Fazio Postfazione di Leonardo Guzzo È nel breve saggio Filosofia della composizione, scritto nel 1846, che Poe...

L’Anno del Fuoco Segreto: Su Monomeri e Futuro

di Gabriele Merlini «E comunque, se ti interessa, lascia perdere e ascolta me.» Vicino al materasso la lampadina ha la silhouette della befana e il telefono trasparente, nel caso provi a inclinarlo, emette ancora quello strano rumore di oggetti che scoppiano per inattese pressioni dei polpastrelli.

Il fermo di Ferlinghetti

di Giorgio Mascitelli ( la scorsa primavera un amico mi aveva chiesto di immaginare qualche testo per ricordare Lawrence Ferlinghetti,...

L’indicibile Necessarium

Il bagno nell’architettura contemporanea di Alberto Giorgio Cassani «Se vuoi il mio consiglio, abbellisci il tuo cesso e abbellirai la tua...
franco buffonihttp://www.francobuffoni.it/
Franco Buffoni ha pubblicato raccolte di poesia per Guanda, Mondadori e Donzelli. Per Mondadori ha tradotto Poeti romantici inglesi (2005). L’ultimo suo romanzo è Zamel (Marcos y Marcos 2009). Sito personale: www.francobuffoni.it
Print Friendly, PDF & Email