Articolo precedenteImmagina un alveare
Articolo successivoIl sogno di Stanley

Poesia italiana??

con questo comunicato stampa viene annunciata la presentazione, a cura e col finanziamento pubblico del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, passato di recente dalla gestione Bondi alla gestione Galan, del volume:
Fratelli di Terra. Riflessioni in versi sul senso di appartenenza ad una terra, Gangemi Editore, 2011, con testo inglese a fronte, a cura di Fiorella De Simone e Pamela Villoresi. Poesie di Edith Bruck, Paola Mastrocola, Plinio Perilli, Maria Luisa Spaziani e Sergio Zavoli.
Giovedì 14 aprile alle ore 17.30 il volume verrà presentato presso la Sala Convegni Santa Marta, Piazza del Collegio Romano 5, Roma.
Interverranno:
Maurizio Fallace – Direttore della Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti culturali e il Diritto d’autore;
mons. Marco Frisina – Rettore della Chiesa di Santa Cecilia in Trastevere, Accademico Virtuoso – Ordinario della Pontificia Insigne Accademia di Belle Arti e Letteratura dei Virtuosi;
mons. Franco Perazzolo – Officiale del Pontificio Consiglio della Cultura;
Pamela Villoresi – Direttrice artistica del Festival Internazionale “Divinamente Roma” “Divinamente New York” 2011;
I poeti Edith Bruck, Paola Mastrocola, Plinio Perilli, Maria Luisa Spaziani e Sergio Zavoli che leggeranno al pubblico le proprie riflessioni in versi sul significato profondo di appartenenza alla Patria.

12 Commenti

  1. epperò… il Festival divinamente: leggeranno Gerolamo Savonarola, il Fantasma di Giovanni Paolo II, quello di Pio Xi, di Pio IX e pure, unica apparizione italiana, quello di Innocenzo III. Due Tavole rotonde (a forma di aureola) saranno dedicate al Sillabo ( e al suo contributo all’Unità nazionale) e un Convegno internazionale all’attualità del Verbo Tridentino. per la musica si sono rivolti a Povia (per accontentare il target giovanile). A causa della par condicio per l’opposizione inviteranno la Mazzantini e Castellitto (Castellito fa lo spot e va via, la Mazzantini illustra le profonde radici cristiane dell’ultimo suo volume). per chiudere in bellezza Pamela Villoresi e sua Santità Benedetto (Benedetto?) si esibiranno con il cast di Ballando sotto le stelle in un indimenticabile mazurka: la mazurka dell’astinenza (nostra). non mancate!

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il silenzio è cosa viva

di Giorgio Morale La prosa dei poeti: Il libro Il silenzio è cosa viva di Chandra Livia Candiani (Einaudi 2018,...

Cosa ne dirà la gente? Festa di Nazione Indiana 2018

Vi aspettiamo alla Festa di NazioneIndiana 2018! Quest'anno si terrà sabato 27 ottobre dalle 16.30 e domenica 28 ottobre dalle 10 alle 12 ed è stata organizzata in collaborazione con l'Associazione C.A.R.M.E.

Sistema #1

di Antonio Sparzani Sistema, che straordinaria parola nella lingua italiana e nelle altre lingue vicine alla nostra: la sua etimologia...

[1938-1940] ILIO BARONTINI “vice-imperatore” dell’Abissinia

di Orsola Puecher

In questo 25 aprile 2018, che ancora pervicacemente mi sento in dovere di “commemorare” contro il rigurgito di tutti i fascismi e razzismi, manifesti o striscianti che siano, nel raccontare l’avventurosa e straordinaria missione di sostegno alla resistenza etiope compiuta dal 1938 al 1940 da Ilio Barontini...

una rete di storie CALUMET VOLTAIRE cabaret letterario


Cose mai viste (le riviste)
di Francesco Forlani
Ci saranno performance, musica improvvisata, reading, convivialità, conversations, preferendo questo termine, civile, a quello di dibattito generalmente stantio come l’acqua nelle caraffe posate sul tavolo dei relatori. Le feste di Nazione Indiana sono state e saranno questo. A Fano faremo come a Milano, Mesagne, Pistoia, Torino, Parigi, Fos’di Novo, Bolzano, dunque non mancate.

una rete di storie festa di Nazione Indiana 2017

Nella sua storia lunga ormai ben 14 anni Nazione Indiana ha pubblicato più di 10.000 articoli di critica,...
antonio sparzani
antonio sparzani
Antonio Sparzani, vicentino di nascita, nato durante la guerra, dopo un ottimo liceo classico, una laurea in fisica a Pavia e successivo diploma di perfezionamento in fisica teorica, ha insegnato fisica per decenni all’Università di Milano. Negli ultimi anni il suo corso si chiamava Fondamenti della fisica e gli piaceva molto propinarlo agli studenti. Convintosi definitivamente che i saperi dell’uomo non vadano divisi, cerca da anni di riunire alcuni dei numerosi pezzetti nei quali tali saperi sono stati negli ultimi secoli orribilmente divisi. Soprattutto fisica e letteratura. Con questo fine in testa ha scritto Relatività, quante storie – un percorso scientifico-letterario tra relativo e assoluto (Bollati Boringhieri 2003) e ha poi curato, raggiunta l’età della pensione, con Giuliano Boccali, il volume Le virtù dell’inerzia (Bollati Boringhieri 2006). Ha curato due volumi del fisico Wolfgang Pauli, sempre per Bollati Boringhieri e ha poi tradotto e curato un saggio di Paul K. Feyerabend, Contro l’autonomia (Mimesis 2012). Ha quindi curato il voluminoso carteggio tra Wolfgang Pauli e Carl Gustav Jung (Moretti & Vitali 2016). È anche redattore del blog La poesia e lo spirito. Scrive poesie e raccontini quando non ne può fare a meno.