Articolo precedente
Articolo successivo

Good News from the Republic of Letters!


Ieri mi ha scritto una mail Zachary Bos per segnalarmi “la resurrezione” on line della splendida rivista fondata da Saul Bellow e Keith Botsford (qui ritratto in una fedelissima caricatura). Suo è anche il manifesto che segue (traduzione di Anna Costalonga) effeffe

CAVEAT LECTOR! ATTENZIONE LETTORE!
Nel nuovo TRoL NON ci saranno:

– Storie noiose di vita accademica
– Lunghe sequele di ammirazione reciproca da parte delle inique fabbriche di MFA ( e i loro Corsi di scrittura creativa) e Seminari
– Contributi da parte di coloro che sono nelle liste dei “più bravi” e via dicendo
– Critiche di critici di cui non abbiamo letto nulla
– Giochi da addetti ai lavori del tipo “ti lodo-ti stronco”
-Articoli autoriproducentesi di redattori che si leggono a vicenda

TRoL è una rivista internazionale gestita da scrittori per lettori civilizzati. Offriamo:

– La migliore fiction che si possa trovare in giro
– Il solito mix di memorie, Archivi, poesia (a dosi moderate)
– Una grande copertura delle varie arti
– Una sezione letteraria intesa come guida affidabile alla lettura
– Uno spazio più ampio ai commenti politici
– E naturalmente il Notebook stizzoso di PB

Contact Us

Our Current Mailing Address is:
The Republic of Letters:
Attn Keith Botsford
Apartado 29
Cahuita, 70403
Costa Rica

*Letters and correspondence generally take 7-10 days to reach us.
We also welcome e-mail correspondence. Please write to either of the following addresses.
General e-mail:
RepublicOfLettersMag@gmail.com
Editor:
nickmatchwell@gmail.com
Please also feel welcome to call us.
Telephone: (506) 2755.0123
Fax: (506) 2755.0100
If calling from the US, dial 011-506-2755-0123

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. si prevedono precipitazioni di severi critici professionisti disoccupati dai piani alti della torri d’avorio della cultura,strozzati dalle rate,dalla propria pesantezza,intossicati dai pompini reciproci e dal vuoto di un milione di giornate passate recensendo come suggerito da chi di dovere libri scevri di figure e per questo forse mai sfiorati.Una prece

    http://www.youtube.com/watch?v=IYOYlqOitDA

  2. ‘Critiche di critici di cui non abbiamo letto nulla’

    Certo che con queste belle premesse (critiche solo da parte di amici) il p*********o reciproco impazzerà alla grande…

  3. però Sacha, aspiett nu momente.
    lo manifesto dice un’altra cosa. Mica si leggono solo gli amici! anzi, spesso e volentieri accade proprio il contrario. effeffe

  4. Sì, ma la frase è parecchio infelice.
    Del resto a questo punto frequentiamo la Rete da un po’ di tempo e sappiamo che certi deprecabili fenomeni non sono certo rimasti confinati alla carta stampata, anzi.

  5. Diamonds legge bene il testo. Sascha meno ma non è ha veramente colpa. La rivista è gestita da scrittori, non da critici. “Critici di critici di cui non si è letto nulla”, si riferisce al fatto che non si accettano recensioni di gente che fa critica senza aver mai scritto un libro. Diversamente dall’Italia, in America come in Francia, il critico professionista non è molto simpatico, ma è considerato una specie di sanguisuga, individuo spesso incapace di leggere un libro e che, con poco sforzo, lo va paragonando a questa e quell’opera, sfoggiando una cultura e un acume che evidentemente non ha. Detto questo, il manifesto di TRoL è per me da condividere al 100 percento, specialmente per il branco di leccapiedi che si aggira disseminando commenti fasulli su testi di amici autori e di editori amici nella speranza di essere ricambiati (e talvolta pubblicati). Malcostume diffusissimo in questo paese che spiega il servilismo di certi giornalisti e una decadenza complessiva delle lettere e del gusto. C’è chi legge soltanto come scrive purtroppo e applaude ciò che somiglia alla propria mediocrità. Col risultato che la mediocrità va diffondendosi dappertutto. Editor mediocri che scelgono libri mediocri da dare in pasto a lettori mediocri che non vedono l’ora di riflettersi nella propria mediocrità assurta miracolosamente a eccellenza: stampata, impacchettata, distribuita, prezzata, recensita… Tutto questo per la felicità di case editrici mediocri, che profittano della diffusa mediocrità della società e del gusto…Naturalmente c’è a chi tutto questo sta bene, perché, vista la propria mediocrità, non ha altro modo per sentirsi scrittore.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Gennaro Pollaro

di Gennaro Pollaro
Il signor Aiello mi spiega - senza aprire bocca - in quale luogo sarebbe sensato trovarsi l’origine delle mie preoccupazioni. Muove le mani sulla sua testa come a formare un cerchio e poi tira fuori ancora quel maledetto pendolo.

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."

Deus ex Makina: Maniak

di Francesco Forlani
Da un po'sto collaborando con Limina Rivista, con delle autotraduzioni dal francese di piccoli assaggi ( essais) letterari pubblicati in oltre vent’anni sulla rivista parigina l’Atelier du Roman diretta da Lakis Proguidis. Dopo Philip K Dick, Franz Kafka, Anna Maria Ortese, Charles Dickens è stata la volta di Boris Vian. Qui una nota a un libro indispensabile.
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: