Articolo precedenteSine die
Articolo successivoBell’inghippo quel comma 29!

Il lavoro raccontato, a Milano

Conversazioni in libreria
Il lavoro raccontato
a cura di Biagio Cepollaro

3 ottobre lunedì ore 21.00
Introduzione del curatore al ciclo di incontri
Il blog Nazione Indiana: Antonio Sparzani
La galleria 10.2: Spazio di ricerca e tempo Maria Rosa Pividori

17 ottobre lunedì ore 21.00
La ricerca biologica: Emilio Parisini
Il rebus come arte: Emanuele Magri

31 ottobre lunedì ore 21.00
L’editoria di qualità: Gianni Andrea Semerano
La scuola degli insegnanti: Carmelo Violi

14 novembre lunedì ore 21.00
L’età dell’oro dei centri sociali: Pino Tripodi
Dalla tv alla chat: Marcello Mazzella

28 novembre lunedì ore 21.00
Editor e germanistica: Giusi Drago
La scrittura e l’indagine: Giuseppe Catozzella

12 dicembre lunedì ore 21.00
Il processo dell’arte (pittura, musica elettronica, narrativa):
Fausto Pagliano (artista visivo), Giovanni Cospito (musicista),
Giorgio Mascitelli (narratore), Matias Guerra (artista visivo)

Libreria Popolare di via Tadino Soc. Coop.S.r.l.- Via A.Tadino,18 – 20124 Milano Tel.02 2951 3268 libreriatadino@yahoo.it 1
Nota del curatore
A Milano non mancano iniziative: si tratta anche spesso di occasioni rilevanti sul piano culturale. Ciò che da molti anni manca alla città è forse la percezione di un tessuto che raccolga e permetta la circolazione di ambiti tra loro diversi.

La Libreria Popolare di Tadino con la rassegna Il lavoro raccontato vuole promuovere quest’idea della circolazione delle esperienze, chiedendo a cadenza quindicinale, il lunedì dalle 21.00 alle 23.00, di raccontare il proprio lavoro a chi, per così dire, ha esperienza diretta in diversi ambiti disciplinari.


Dal 3 ottobre al 12 dicembre 2011 si alterneranno racconti che spaziano dalla galleria d’arte al mestiere di editor, dall’editoria di qualità alla video arte, dalla narrativa alla musica elettronica, dall’arte visiva alla ricerca biologica, dal mondo dell’insegnamento e della scuola all’universo dei blog e dei centri sociali.
Uno storico della scienza come Antonio Sparzani sarà invitato a raccontare la sua esperienza come presidente dell’associazione che produce il blog collettivo Nazione Indiana e delle problematiche relative ad uno dei blog letterari più seguiti, un artista visivo come Emanuele Magri sarà invitato a raccontare la sua esperienza artistica nei punti di convergenza con la ricerca avanzata in campo biologico realizzata da Emilio Parisini, Carmelo Violi sarà invitato a raccontare l’esperienza di insegnanti che si sono costituiti come titolari di fatto di ciò che per anni è stato l’istituto d’arte steineriano a Milano dando prova di grande autonomia e abilità organizzativa, Pino Tripodi potrà dar conto della parabola dei centri sociali e di tutte le illusioni, gli equivoci e le disillusioni ad essi legati. Giovanni Andrea Semerano potrò riferire del progetto e della realizzazione di un’editoria rigorosa e intransigente sul piano della qualità mentre Mazzella tratteggerà la sua esperienza estetica nel mutare delle tecnologie della comunicazione come forme d’arte. Queste note solo per citare alcuni momenti della rassegna previsti. Il dialogo con un musicista (Giovanni Cospito), un artista visivo (Fausto Pagliano) e un narratore (Giorgio Mascitelli) chiuderanno per questa stagione il ventaglio di esperienze sondato.
Biagio Cepollaro

Print Friendly, PDF & Email
NOTE
  1. La libreria è raggiungibile con: MM Linea 1, stazioni di Porta Venezia o Lima; con i tram N.9 fermata di Porta Venezia; N.1 fermata Settembrini/San Gregorio; N.33, fermate Tunisia o Regina Giovanna/Buenos Aires; autobus 60 fermate Lima o Benedetto Marcello

1 commento

  1. che bellissima idea.

    ho spesso la sensazione che la rimozione del tema del lavoro dai discorsi pubblici sia solo un indice della vastita’ del trauma di chi lavora (e di chi non lavora).

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Eppure, tutto ciò mi sembrava banale e normale: a lungo la scambiai per fortuna, ma avrei potuto giurare che non sempre era stato così; tuttavia, non saprei dirvi quando ho cominciato a notare che al mio passo, qualsiasi direzione io prendessi, i semafori diventavano verdi: solo di recente ho cominciato a notare gli anelli di quella catena che mi facevano essere inesorabilmente al posto giusto al momento giusto.

Te Diegum, Bolaño

di Giovanni di Benedetto
Nella sala d’attesa, mentre stavo consultando un catalogo, ricevetti un messaggio di mio padre in cui mi annunciava la morte di Diego Armando Maradona.

Radio days: Mirco Salvadori, Arlo Bigazzi & Vittorio Nistri

di Mirco Salvadori
Non c'è gusto in Italia ad essere felici ovvero come parlare e scrivere di musica, perduta indipendenza, tenebra e rivoluzione Pt. 2. facendo finta di esser sani. Mirco Salvadori in conversazione con Arlo Bigazzi e Vittorio Nistri

Diario di Saragozza: forever Jung

di Francesco Forlani
In queste nuove pagine, un valzer in tre tempi, si racconta di una magnifica impresa nata nel cuore della periferia della città grazie a due compagnie “Teatro del Temple” e “Teatro Che y Moche” che nel 2012 inventarono un progetto ambizioso e sociale, Il Teatro de Las Esquinas di Saragozza. E di Don Carlos liberador de las mariposas

Breaking women

di Sorour Kasmaï
Stigmatizzate dal 1979, le donne iraniane dimostrano attraverso le proteste per la morte di Mahsa Amini di essere la forza vitale del Paese, secondo l’analisi della scrittrice e curatrice editoriale franco-iraniana Sorour Kasmaï.

Latin Connection

di Gigi Spina
La lettura del testo di Apuleio in traduzione, con confronti continui con l’originale, mi portò a ricordare quasi automaticamente Fuori orario di martin Scorsese, per nulla in particolare se non per le numerose peripezie e forse per qualche metamorfosi del protagonista.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: