Articolo precedenteSulcis: Ascensori per l’inverno
Articolo successivoLubiana e il drago

D’Arrigo, magari nella BUR?

Amici di Rizzoli, ristampate D’Arrigo? Potreste inserirlo nella BUR, collana “Scrittori contemporanei” (se vi avete pubblicato L’arcobaleno della gravità, si può fare anche questo!).

18 Commenti

  1. Horcynus Orca è un testo che viene sempre fugacemente accennato, come qualcosa di poderoso, imprescindibile, e di cui poi non si dice niente: perché non si può dirne, si deve leggere.

    Se la Rizzoli lo ristampa, lo compro subito! Per venire a capo dell’Arcobaleno della Gravità di Pynchon ho impiegato due anni e due approcci falliti, per D’Arrigo più del doppio non ci vorrà.

    Un saluto!,
    Antonio Coda

  2. Mi associo ai commenti precedenti: ristampate TUTTO D’Arrigo, CODICE SICILIANO in primis (arricchito magari da un’accurata documentazione sul lavoro poetico che ha portato alla raccolta e sulle connessioni con HORCYNUS ORCA).

  3. eh, che tristezza, d’arrigo non tira più…la scorsa settimana ne ho trovato una copia abbandonata in calle, con altri libri di valore scarso (ma ho tirato su “un matrimonio mantovano” dell’ineffabile conte nuvoletti ed una biografia di tommaso moro scritta da un boiardo di stato di cui mi sfugge il nome…)
    grazie.

  4. Il problema è che Horcynus Orca ti horcinusorcizza. E poi succedono cose strane e patetiche. Conviene tenerlo su uno scaffale distante o, come Magneto degli Xmen, in una teca che ne sigilli i superpoteri

  5. Scrive un siciliano, non di parte, ma siciliano e, dunque, a mio parere, in qualche modo ‘parte in causa’ …
    Con D’Arrigo si tocca l’apice. Ristamparlo (tutta l’opera)vorrebbe dire sottolineare chi è veramente grande. Lui Orca, gli altri dopo di lui, tranne due/tre (Bonaviri, Bufalino?)appena cicirella.

  6. Sono d’accordo, ovviamente. Però non è che poi dobbiamo pure leggerlo? No, perchè altrimenti ci penserei due volte prima di lanciare iniziative azzardate…

  7. leggendo il commento di Davide Orecchio mi sono chiesto, e io dove lo tengo Arrigo (l’edizione 1975), mi sono voltato e sta lì, sullo scaffale in alto, in mezzo Moresco (canti, mondadori) e busi, vendita galline km 2

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Luca Ricci. È fondamentale avere dei difetti

di Stefano Gallerani  In pochi mesi, nel 1925, Horacio Quiroga, scrittore uruguiano e tragico, stilò, sulle pagine del settimanale illustrato...

Moshe Kahn: come ho tradotto Horcynus Orca

testo raccolto da Davide Orecchio *** Moshe Kahn è il letterato e traduttore che per primo ha portato Horcynus Orca...

Omaggio a Horcynus Orca

di Davide Orecchio “C’era un uomo coi capelli rossi, che non aveva né occhi né orecchie. Non aveva neppure i...

Il quarantennale di Horcynus Orca

Oggi e domani, il 9 e 10 ottobre 2015, quindi proprio oggi e domani, mica per finta, ad Arcinazzo Romano...

Dioblù [shots]

1. Sono nato con dentro la scomunica, diceva mia nonna Giacoma ormai centotrentasette anni or sono. Facevo tutto con...

San Lorenzo è con te

di Piero Sorrentino Liboni, S. Lorenzo è con te! (spray rosso su un muro a san Lorenzo, Roma) 31 luglio 2004 Nero. Mi faccio...
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.