Articolo precedenteThalarctos maritimus (da “Bestiario”)
Articolo successivoBella Gezi Park

Careerbuilder – Satura minima

di Daniele Ventre

in quest’età di squali e mare stanco
il candidato a mansioni di schiavo
soffre non poco la competizione

così va in sovraccarico e in tensione
lui strumento vocale postmoderno
e si gioca l’augusta selezione

tu candidato al nobile servaggio
ascolta il Sorvegliante Costruttore
delle Carriere ed evita l’errore

di presentarti in abito e infradito
come se fossi tornato dal mare
uno schiavo sereno non ci serve

di invitare il severo inquisitore
padronale al rinfresco del baretto
uno schiavo gentile non ci serve

di confessare all’intervistatore
che non sei bravo a rovistar prebenda
uno schiavo onest’uomo non ci serve

di mangiare nell’area break d’azienda
dopo il colloquio con l’esecutore
il cibo per gli schiavi non si serve

di recitare qualche poesia
davanti al compassato inquisitore
uno schiavo poeta non ci serve

di confessare la tua timidezza
se candidato al servizio clienti
il prostituto timido non serve

di venire al colloquio col tuo cane
e di smarrirlo poichè al buon gestore
lo schiavo animalista poco serve

di guardare il soffitto e non prestare
attenzione al serioso esecutore
non sarà disattento chi ci serve

di ricordare i puerili trastulli
davanti al tuo posato inquisitore
lo schiavo troppo allegro non ci serve

o di lasciarti andare al manicure
davanti all’adeguato inquisitore
uno schiavo leggero non ci serve

disinteresse abiti inadeguati
parlare male del nuovo padrone
o del passato apparire superbi

o dignitosi evitare domande
o formularne di non coerenti
se la fame ti incalza -a noi non serve

uno schiavo che dà segni di vita

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

L’Ulisse: decimo compleanno e nuovo numero della rivista

Il numero è scaricabile qui; questi dieci anni di monografie, qui.

Inedite

di Daniele Ventre 1 Eppure nella caverna si nascondeva un tesoro fra il sogno d’una ragione e il senso d’una misura, l’eco di...

Inedite brevi

di Daniele Ventre 1. A volte la misura non ricorda sé stessa nel ritorno dei rintocchi, nell'eco della forma in coda agli occhi o...

Telemachia

di Daniele Ventre Sull’orizzonte non c’è che un bagliore rosso di sangue a ricordare la guerra che è stata e gli...

Poesie Inedite

di Daniele Ventre   1. Il ricordo che forse frugavi nella caverna del mondodavanti all’ombra, a un fantasma di cera che cola,il...

Satura contra quosdam

di Daniele Ventre   credimi certo è facile segnare il passo quando ti ricordi che qualcuno ha sempre qualcosa da dire da...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).