Articolo precedenteLa foglia ha due metà
Articolo successivoBaghetta 2013

Il mare in Testa (senza più Lega)

20.000 Leghe (in fondo al mare)
di Gianmaria Testa

Il primo fu Capo di Buona Speranza
chiuso per legge e decreto speciale
che la smettessero le onde pacifiche
d’imbastardire quell’altro mare.

Poi fu la volta di Panama e Suez
e quindi del Bosforo e di Gibilterra
ogni maroso pretese il rispetto
della sovrana indipendenza.

Niente più scambi di acque e di pesci
niente più giri del mondo in veliero
tutti i canali rimasero chiusi
a qualunque passaggio di flutto straniero.

Così per un poco tornarono chete
le acque dei mari di tutto il pianeta
ma non durò molto che un’onda riprese
a dir ch’era tempo di farla finita.

Successe che un giorno nel mare nostrano
lo Jonio pretese di stare da solo
e così vollero pure il Tirreno
il mar di Sardegna e l’Adriatico al volo.

Insomma -nessuno si mischi a nessuno-
tuonavan le acque dei bassi fondali
-ognuna rimanga ancorata ai suoi porti
e bagni soltanto le sabbie natali-

Sembrava finita ma era solo l’inizio
e anche così fu ben brutto vedere
in quel che era stata la grande distesa
lo strazio dei fossi a dividere il mare.

Era solo l’inizio, come già si diceva
perché ora la febbre secessionista
andava ammalando ogni singola riva
e niente e nessuno riusciva a dir basta.

Così da Trieste alla punta pugliese
e dalla Sicilia alla Costa del Sole
ogni più piccola cala pretese
l’indipendenza e non solo a parole.

Ma la questione divenne barbina
quando si presero goccia con goccia
e ognuna guardando la propria vicina
diceva -vai via o ti rompo la faccia-

Il mare fu presto una grande rugiada
inutile ai pesci e a qualunque creatura
morirono il tonno, l’acciuga, lo spada
restarono in secca le barche d’altura.

E poi un giorno, o una notte, non so
accadde qualcosa di ancora più strano
conoscete la formula H2O
si quella dell’acqua, che tutti sappiamo.

Ebbene l’idrogeno trovò da ridire
sostenne di avere la maggioranza
e quindi il diritto sovrano di ambire
all’ormai sacrosanta indipendenza.

Ci fu come un vento, un soffio infinito
e l’acqua dei mari s’invaporò in cielo
rimase un deserto di sale e granito
ma buio e profondo più nero del nero.

Nota
Il testo è stato pubblicato in un sito che considero imprescindibile per chi ami il mondo della canzone e l’anima che c’è dentro. effeffe

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. http://www.youtube.com/watch?v=cCmw4tOuu3g

    Di certi posti guardo soltanto il mare
    il mare scuro che non si scandaglia
    il mare e la terra che prima o poi ci piglia
    e lascio la strada agli altri, lascio l’andare
    e agli altri un parlare che non mi assomiglia

    ma sono già stato qui
    in qualche altro incanto
    sono già stato qui
    mi riconosco il passo

    il passo di chi è partito per non ritornare
    e si guarda i piedi e la strada bianca
    la strada e i piedi che tanto il resto manca
    e dietro neanche un saluto da dimenticare
    dietro soltanto il cielo agli occhi e basta

    e sono già stato qui
    forse in qualche altro incanto
    sono già stato qui
    e misuravo il passo

    ch’è meglio non far rumore quando si arriva
    forestieri al caso di un’altra sponda
    stranieri al chiuso di un’altra sponda
    dal mare che ti rovescia come una deriva
    dal mare severo che si pulisce l’onda

    e sono venuto qui
    tornando sul mio passo
    sono venuto qui
    a ritrovar l’incanto

    l’incanto in quegli occhi neri di sabbia e sale
    occhi negati alla paura e al pianto
    occhi dischiusi come per me soltanto
    rifugio al delirio freddo dell’attraversare
    occhi che ancora mi sento accanto

    ci siamo perduti qui
    rubati dall’incanto
    ci siamo divisi qui
    e non ritrovo il passo

    di certi posti guardo soltanto il mare
    il mare scuro che non si scandaglia
    il mare e la terra che prima o poi ci piglia
    e lascio la strada agli altri, lascio l’andare
    e agli altri un parlare che non mi assomiglia
    questo parlare che non mi assomiglia

  2. Molto bello, effeffe.

    Sono figlia del mare: mi incanta.

    Questa canzone puo avere diverse chiavi di lettura.

    1 LETTURA DI CORPO

    Si abbandona al mare, poi il miraggio si metamorfosa in deserte.
    Corpo liquido, blu. Poi arsura. Scomparsa.

    Disgregazione o stato minerale del mondo.

    2 LETTURA POLITICA

    Il mondo marino è libertà. Non ha senso di parlare frontiera, confine. Lingua del mare.
    Uomini davanti terre sconosciute. La sola frontiera è l’ultima linea blu prima di ritrovare la terra. La sola regola in mare: non fare arrabiare Nettuno.

    LETTURA E ECOLOGIA

    Il mare nasconde il dolore della terra. Non si vede in superficie.

  3. Molto bello, effeffe.

    Sono figlia del mare: mi incanta.

    Questa canzone puo avere diverse chiavi di lettura.

    1 LETTURA DI CORPO

    Si abbandona al mare, poi il miraggio si metamorfosa in deserte.
    Corpo liquido, blu. Poi arsura. Scomparsa.

    Disgregazione o stato minerale del mondo.

    2 LETTURA POLITICA

    Il mondo marino è libertà. Non ha senso di parlare frontiera, confine. Lingua del mare.
    Uomini davanti terre sconosciute. La sola frontiera è l’ultima linea blu prima di ritrovare la terra. La sola regola in mare: non fare arrabiare Nettuno.

    LETTURA E ECOLOGIA

    Il mare nasconde il dolore della terra. Non si vede in superficie.
    Ma un giorno il male domina il blu.
    Abbiamo perso il primo paesaggio di vita sulla terra.

  4. http://www.youtube.com/watch?v=UcjizWH6cSw

    Sono arrivati che faceva giorno
    uomini e donne all’altipiano
    col passo lento, silenzioso, accorto
    dei seminatori di grano.

    E hanno cercato quello che non c’era
    fra la discarica e la ferrovia.
    E hanno cercato quello che non c’era,
    dietro i binocoli della polizia
    e hanno piegato le mani e gli occhi al vento
    prima di andare via.

    Fino alla strada e con la notte intorno
    sono arrivati dall’altipiano
    uomini e donne con lo sguardo assorto
    dei seminatori di grano.

    E hanno lasciato quello che non c’era
    alla discarica e alla ferrovia.
    E hanno lasciato quello che non c’era
    agli occhi liquidi della polizia
    e hanno disteso le mani contro il vento
    che li portava via.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Umanisti del nuovo secolo e sottomissione tecnologica

di Andrea Inglese
Da anni è in atto un esperimento di massa da parte di soggetti privati e pubblici, ma è di natura biometrica e politica, ed esso non avviene attraverso la propaganda frontale delle TV e della carta stampata...

Buena vista social club: Anna Mallamo

Questa  rubrica è dedicata alle “cose belle” trovate sui Social, a dimostrazione del fatto che fare rete è oggi,...

Covid, alimentazione e sindemia

Franco Berrino
"Non è stata spesa una parola sull'importanza della corretta nutrizione come misura per prevenire il contagio e le forme più gravi di Sars Cov II, eppure tutti gli studi recenti concordano su questo".

Marco Zapparoli: in Italia la saggistica resta indipendente

di Matteo Bianchi   Il mercato del libro non è entrato in crisi a causa della pandemia, ma del processo di...

MUSICA PER GIORNI DISPARI #01 Steve Reich “WTC 9/11” [2010]

di Steve Reich
Il pezzo inizia e finisce con il primo violino che raddoppia il forte segnale acustico di avviso (in realtà un FA) emesso dal telefono quando viene lasciato sganciato. Nel primo movimento ci sono voci d'archivio dei controllori del traffico aereo del NORAD, allarmati dal fatto che il VOLO 11 americano fosse fuori rotta.

MUSICA PER GIORNI PARI #01 Gregorio Allegri “Miserere”

di Orsola Puecher
E' Mercoledì 11 Aprile 1770: Johann Georg Leopold Mozart e suo figlio, il quattordicenne Wolfgang Amadeus, esibito fin da bambino nelle le corti d’Europa in sfiancanti tournée musicali, arrivano a Roma.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email