Delvaux a Firenze

a Firenze, giovedì 21 novembre 2013, alle ore 18:30

presso Cuculia (Via dei Serragli 3R)

presentazione della raccolta di versi

 

Delvaux 

 di

Marco Giovenale

 

(Oèdipus, 2013)

 

 Interventi critici di

Cecilia Bello Minciacchi

 

preview da Delvaux:

http://slowforward.files.wordpress.com/2013/06/quattro-poesie-da-delvaux_-_n-i-2013_.pdf

 

 

Marco Giovenale vive a Roma, dove lavora come editor e traduttore indipendente. È redattore di gammm.orgpuntocritico.eu, asemic-net, «Argo», «Or», e di vari spazi web. Cura (con gammm) la rubrica “gammmatica” su «l’immaginazione». I suoi libri di poesie più recenti sono Shelter (Donzelli), Storia dei minuti (Transeuropa), entrambi del 2010, e In rebus (Zona, 2012). Altre raccolte di versi: Criterio dei vetri (Oèdipus, 2007) e La casa esposta (Le Lettere, 2007). Fra i libri di prose, Numeri primi (Arcipelago, 2006), Quasi tutti (Polìmata, 2010) e, per La camera verde, Lie lie (2010). Suoi testi sono inoltre antologizzati in Parola plurale (Sossella, 2005), nel Nono quaderno di poesia contemporanea (Marcos y Marcos, 2007), nel volume del Premio Antonio Delfini 2009, e in Poeti degli anni Zero (Ponte Sisto, 2011). Con i redattori di gammm è nel libro collettivo Prosa in prosa (Le Lettere, 2009). Per Luca Sossella ha curato nel 2008 la raccolta antologica di Roberto Roversi, Tre poesie e alcune prose. E’ responsabile delle collane Logosfere (Zona) e Syn (IkonaLiber), e – con M. Guatteri, G. Marzaioli, e M. Zaffarano – Benway Series (Tielleci). Il suo blog è http://slowforward.wordpress.com

 

§

Cuculia _ Libreria con cucina

Via dei Serragli 3R – 50124 Firenze

tel.: 055 2776205

http://www.cuculia.it

su facebook:

https://www.facebook.com/pages/Cuculia-Libreria-con-Cucina/125453126747

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Giovenale a caccia di trama

di Leonardo Canella
Marco Giovenale è stato per me questa estate una piccola mano disegnata fra rosso e blu e giallo. Sulla copertina bianca di La gente non sa cosa si perde (Tic editore). Questa estate.

Come fossimo il fuoco

- va a finire sempre così - uno si immagina enormi apparati, strutture gigantesche, ordini di enti dalle dimensioni e dai poteri immani - e poi li vede sfaldarsi, li vede come li vedo io adesso, dissolversi in un niente, un momento di indecisione - palazzi enormi, strade infinite, milioni di persone al sevizio, impilarsi e inciampare gli uni sugli altri - da sé - senza che uno abbia fatto chissà cosa - ...

Nelle città occupate il tempo non esiste: conversazioni con scrittori di Bucha

Testimonianze, informazioni, brandelli di esperienza, il bisogno di gridare, "l'ultimo stadio della lirica": sei scritture da Bucha, Ucraina, raccolte da Ilya Kaminsky.

Aborto 2022, o “Canti di Natale”

[...] Questa si è infilzata con degli spiedi d’acciaio, è morta dissanguata su una tovaglia di plastica unta, pur di non averne un altro ancora e oltre il sopportabile. Perché c’è un limite, ma chi può sapere quando sopraggiunge?

“Corpo di buio” – da The European Eel, di Steve Ely

di Stefania Zampiga
The European Eel, di Steve Ely: poesia all’incrocio fra biologia marina, cartografia e protezione ambientale, per avvicinarci al misterioso ciclo vitale fra due continenti e ricordarci connessioni e responsabilità etico-ecologiche.

Dare figura alle cose. I disegni di Lorenzo Mattotti

di Daniele Barbieri
[...] Fare arte è invece utilizzare questo spazio umano del controllo (la parola, il racconto, l’argomentazione, ma anche le regole metriche, il disegno, le geometrie…) per ritrovare la sintonizzazione senza perdersi nella natura (ovvero disfarsi, morire).
renata morresi
Renata Morresi scrive poesia e saggistica, e traduce. In poesia ha pubblicato le raccolte Terzo paesaggio (Aragno, 2019), Bagnanti (Perrone 2013), La signora W. (Camera verde 2013), Cuore comune (peQuod 2010); altri testi sono apparsi su antologie e riviste, anche in traduzione inglese, francese e spagnola. Nel 2014 ha vinto il premio Marazza per la prima traduzione italiana di Rachel Blau DuPlessis (Dieci bozze, Vydia 2012) e nel 2015 il premio del Ministero dei Beni Culturali per la traduzione di poeti americani moderni e post-moderni. Cura la collana di poesia “Lacustrine” per Arcipelago Itaca Edizioni. E' ricercatrice di letteratura anglo-americana all'università di Padova.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: