Articolo precedenteles nouveaux réalistes: Olga Campofreda
Articolo successivoFinale di partita

Roma 27, 28, 29 giugno – No Border Fest. Tre giorni di dibattiti, cultura, musica.

[Pubblichiamo il programma di oggi e domani, dal sito www.meltingpot.org]

Per la libertà di movimento oltre ogni confine.

Il no border fest, giunto alla sesta edizione e organizzato quest’anno da La città dell’Utopia, SCI-Italia, InsensINverso, Amisnet e Laboratorio 53, nasce come momento d’incontro e di conoscenza per riflettere insieme su tematiche sempre più rilevanti come i diritti di cittadinanza, le migrazioni e la libertà di movimento.

Mentre a Bruxelles si discuterà di come “rafforzare Frontex” e aumentare i controlli alle frontiere, durante i tre giorni a Roma vogliamo raccontare le frontiere esterne e interne dell’Europa, grazie alle testimonianze di chi quelle frontiere le ha attraversate, ai contributi di chi ne ha raccontato e filmato le vicende e di chi quotidianamente a quelle frontiere si oppone.

Un’occasione per trovare nuovi stimoli per agire collettivamente e in maniera concreta sulla realtà in cui viviamo.

Sabato 28 giugno >>> Le frontiere esterne dell’Europa
@ La Città dell’Utopia, via Valeriano 3f, Roma [zona San Paolo]

– ore 17.30
Dibattito con Sara Creta, regista del documentario “Number 9”
Amisnet, giornalisti coinvolti nel progetto “Across the Sea” (www.acrossthesea.net)
Rasha Azab, giornalista e attivista dall’Egitto
Lina Abdel Samie, attivista

– ore 19:30 “Questo mare è di piombo”
Documentario sonoro dal vivo a cura di Amisnet
Un documentario sonoro dal vivo realizzato attraverso la selezione dal reportage radiofonico di Amisnet nel progetto Across the sea. Una storia collettiva di alcune delle rotte che attraversano il Mediterraneo, da Melilla al centro di Masra, a Malta, da Zarzis in Tunisia alla Libia, il Sinai e il confine con Israele. (www.acrossthesea.net)

– Cena Nepalese

– Concerto Afro-Jazz Trio
Madya Diabate (Kora), Angelo Olivieri (Tromba) e Ady Thioune (Djembe)

– *Proiezione del documentario “No. 9 -Stop violence at the borders” di Sara Creta
Il documentario denuncia la quotidiana e sistematica repressione al confine di Melilla, enclave spagnola nel nord del Marocco, da parte tanto delle autorità marocchine quanto di quelle spagnole. (saracreta.wix.com/into-the-forest)

– Mostra fotografica “Melilla, il porto della speranza” di Sara Creta

°

Domenica 29 giugno >>> Le frontiere interne dell’Europa
@La Città dell’Utopia, via Valeriano 3f, Roma [zona San Paolo]

– ore 18.00
*“ProvateCIE, Non solo una mostra fotografica, i Centri di Identificazione ed Espulsione fotografati e raccontati”
a cura di ASGI, Studio Legale Antartide ed associazione Liscìa
Una mostra fotografica raccontata che vuole andare oltre alle carte scritte, ai ricorsi, ai fascicoli per provare a raccontare i Centri di Identificazione ed espulsione.

– ore 20:00 CCena Maki, sapori dall’Africa

– Concerto di Kermesse, world music

– ore 21:00
“Tonato Immigra… (un immigrato nato)”
di e con Daniele Anzalone
spettacolo vincitore del talent contest teatrale UP2U
Uno spettacolo teatrale che racconta la storia emblematica di un “immigrato in quanto tale”, che potrebbe essere originario di qualsiasi parte del mondo.

www.lacittadellutopia.it
www.sci-italia.it
www.insensinverso.org
www.amisnet.it
www.laboratorio53.it

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Di lavoro, non ne parliamo per favore

di Andrea Inglese

Parliamo di lavoro, del nostro lavoro, nelle vetrine personali di Facebook? Mi sembra poco. Le nostre esperienze lavorative, in genere, per entrare nella vetrina personale devono essere in qualche modo attraenti: un contratto ottenuto, soprattutto se prestigioso, si può celebrare in collettività ristretta.

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Barbari in Campidoglio: cronaca di una telecronaca

di Andrea Inglese   Proprio un afroamericano ci aveva insegnato che non avremmo visto la rivoluzione in TV (Gil Scott Heron),...

Il tono del risentimento. Il romanzo umoristico di Sergio La Chiusa

di Andrea Inglese   La violazione della verosimiglianza, in ambito narrativo, è considerata oggi una duplice offesa, che si perdona a...

Prosa in prosa (Inglese, Zaffarano, Giovenale, Broggi)

    Le edizioni Tic hanno recentemente ripubblicato Prosa in prosa, originariamente uscito nel 2009 per la collana fuoriformato de Le Lettere. Ospito qui...
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.