La borsa di Shaima El Sabbagh

10933941_873333149356300_9163325040668312488_n

Una lettera in borsa

di Shaima El Sabbagh, attivista e poetessa egiziana, uccisa dal regime il 24 gennaio mentre portava fiori rossi a piazza Tahrir, per ricordare l’anniversario delle rivolte del 2011

Non sono sicura

Davvero, non era altro che una borsa

Ma da quando l’ho persa, sono guai

Come affrontare il mondo senza di lei

Specialmente

Perché le strade ci ricordano insieme

I negozi conoscono più lei che me

Perché era lei a pagare

Riconosce l’odore del mio sudore e le piace

Conosce tutti gli autobus

E ha un rapporto diverso con ogni autista

Ricorda il prezzo del biglietto

Ed ha sempre gli spiccioli giusti

Una volta ho comprato un profumo che non le piaceva

Me l’ha fatto versare tutto così non potevo mettermelo

A proposito

Ama anche la mia famiglia

E si porta sempre dentro una fotografia

Di tutti i suoi cari

Chissà cosa prova ora

Forse è piena di paura?

O disgustata dalla puzza di sudore di un’estranea,

Infastidita dalle nuove strade?

Fermandosi in uno dei negozi dove entravamo insieme

Sceglie ancora gli stessi articoli?

Comunque le chiavi di casa le ha lei

E allora sto qui ad aspettarla.

Tradotta in inglese dall’arabo da Maged Zaher e in italiano dall’inglese da Pina Piccolo

10387535_10153039655231552_7151757836114396126_n

Pina Piccolo, poetessa e traduttrice, risponde idealmente a Shaimaa e alla sua dolce poesia.

 

Messaggio della borsa a Shaimaa

Ti chiedo perdono, Shaimaa, habibi

ché vorrei essere stata più dura dell’acciaio

ma non sono che debole pelle di vacca

poca cosa contro metallo impuro

Cosa darei per aver potuto fare da scudo

al tuo tenero corpo

gemma di primavera

Sarei stata la tua corazza

contro la scheggia schizzata da epoche lontane

che prepotente osa fermare

il cammino umano

serva di Faraoni

che si cibano di linfa vitale.

In mano fiori rossi, li portavi alla Memoria

perché nel grande cuore del mondo

non si spengano le primavere.

Insieme a te non potrò più percorrere strade

non potrò più portare dentro le tue cose care

Le foto di tua figlia

Le tue chiavi

I nostri acquisti mondani

Ma per sempre sentirò

quel tuo profumo di calicanto

intenso che il cuore riscalda

nel dilagare dell’inverno

Pina Piccolo, per Shaimaa, 26 gennaio 2013

Print Friendly, PDF & Email

6 Commenti

  1. Anche questo è l’Islam. La cosiddetta primavera araba. Noi italiani (in parte – quanto?- decaduti…) siamo intessuti con i popoli del Mediterraneo, con le loro sorti…Le speranze (della primavera araba) erano anche (sopratutto?) le nostre. Shaima il tuo futuro negato continuerà, oh come continuerà….Oggi, giorno della Memoria tu ci sei, il giorno della Memoria è oramai anche giorno della speranza e pure speranza per noi popoli del Mediterraneo, turchi, siriani, curdi, palestinesi, ebrei, italiani,tunisini…. Popoli, milioni di poveri io mossi Shaima da uno stesso, stessimo Dio, Shaima….

  2. Sono commosso. E anche incazzato. Ormai sono rare le parole che oltrepassano il muro di attonita nausea che negli anni si è levato…
    Sono grato a tutti coloro che danno vita a queste parole, a tutti coloro che danno vita. Biagio Cepollaro

  3. Hanno avuto paura dei fiori rossi che Shaima portava, hanno avuto paura della Memoria! Oggi, Giornata della Memoria, non siamo ancora consci di cosa questo significhi? Semplicemente che qui e ora è il tempo per alzarsi a riconoscere l’assurdità e l’infamia della guerra e dell’oppressione e sapere da che parte stare: Restiamo Umani!(Vic Arrigoni)

  4. Credo che un mondo che uccide poetesse e nutre grassi balordi in divisa sia un mondo da far saltare in aria, con tutte le sue polizie e tutti i suoi terroristi.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il paese delle persone integre

di Mariasole Ariot
È con un bianco e nero di un passato non ancora risolto, e che a più riprese riappare nella storia del paese, che il regista de "Il paese delle persone integre" (presentato il 4 settembre alla Mostra del Cinema di Venezia) apre il film documentario...

A fondo nel Mar Rosso

di Nick Casini
Fa freddo in fondo al Mar Rosso. La pubblicità sulla rivista della compagnia aerea spergiurava che il primo respiro sott’acqua è come il primo bacio: non si dimentica. E io ci ho creduto, nonostante non ricordi nulla del mio primo bacio

La Tahrir plurale, collettiva, giovane e bella di Marion Guénard

Au printemps on coupe les ailes des oiseaux (L’aube, 180 pp., 2022) è il primo eccellente romanzo della giornalista francese, Marion Guénard. L’autrice va ben oltre il racconto dei fatti e degli avventi rivoluzionari ma li trasforma in un romanzo avventuroso e straordinario, fatto di magnifici incontri, vite parallele e destini incrociati.

Verso il Sahara

di Nick Casini
“L’Africa è una droga che prendi per non ammazzarti, un’evasione”, diceva Pasolini, che in Uganda era andato in cerca di luoghi e di volti per un film (mai fatto) e ne era rimasto folgorato. Ti seduce e poi non ti lascia più andare.

Printed in Beirut di Jabbour Douaihy

di Giuseppe Acconcia
"Nel pieno di una delle estati roventi che hanno travolto Beirut nella seconda decade del ventunesimo secolo, un giovane uomo con le sopracciglia alte e arcuate come se le sollevasse in continuazione per dire di no...

Non siete stati ancora sconfitti: gli scritti dal carcere di Alaa Abdel Fattah

di Giuseppe Acconcia
Tra le figure simboliche che hanno segnato le rivolte di piazza Tahrir del 2011 in Egitto, spicca l’attivista socialista Alaa Abdel Fattah.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: