Articolo precedenteL’assedio
Articolo successivoUna rosa incendiata alla fiamma della forma.

Riscritturine per Pier Paolo Pasolini

di Ferdinando Tricarico

E dopo Marylin

E dopo di te Marylin
bellezza morta del mondo antico
uccisa dalla crudeltà del mondo futuro
mentre i fratelli più grandi
erano distratti nel tombino a spiare
il sorriso al vento della gonna
nessuna è stata più bella.

Rifatte e strafatte
vincitrici del concorso truccato
a Miami come a Casoria
violentate
dalla frigidità delle cose presenti
dal mondo futuro senza futuro
nessuna è stata più posseduta
dall’ impudicizia divina
di sorellina.

Colombella d’oro
qui le dive sono oche di botox
e i tuoi fratelli più grandi
guardoni di pixel.

* * *

Lucciole fasciste

Sono ricomparse le lucciole
seriali informatiche virtuali.
Se ne stanno a lucciolare
per i social patchwork
al riparo dal buco dell’ozono
dove day by day cadono
le speranze di sopravvivenza degli
antropologicamente mutati.

Sono ricomparse luciferanti
per abbagliare la famiglia in mutande
che può toccare la luce digitale
una magia con sede nella Silicon Valley
il cimitero del reale.

Quando nella campagna zigzagavano
c’era il fascismo fascista
mentre si smorzavano nell’industria
c’era il fascismo democristiano
e son sparite nel vuoto del potere
del fascismo non aggettivato.

Sono ricomparse
per la nostra felicità costituzionale:
globalizzate democratiche fasciste!

* * *

Io so

Io so di non sapere
e non cerco le prove
di ciò che siamo
scannatori scannati
dagli opposti monoteismi
del Kapitale.

Io so di non sapere e
non posso cercare le prove
della mia complicità
della mia servitù volontaria
del silenzio degli intellettuali
che non dicono più contro
che nemmeno si contraddicono
che nulla dicono
della crociata contro i corpi
borghesi e proletari.

Io so di non sapere
che siamo cose di cose
merci alla mercè di marci
col culo abbronzato
che c’indebitano sovrani
per sogni e bisogni inventati
e che sanno e hanno le prove
della nostra impotenza
di questa solitudine di folla
che non si pensa mai
moltitudine di folle gioia.

Io so di non sapere
e per questo cerco le prove
della mia ignoranza.

1 commento

  1. io c’ero, l’ha detta così,
    almeno la prima, lo so
    che certo l’ha detta così,
    però le due dopo non so,
    perché stavo a fare pipì…

    testimonianza diretta. entrambi eravamo al nuovo teatro sanità di napoli, alla serata pasoliniana organizzata da claudio finelli, alla grande. in realtà non sono andato in bagno durante la lettura di ferdinando. fuori al teatro c’è una bellissima foto di pasolini e totò che regge l’ombrello, anzi un parasole che ripara entrambi. totò, genio tragico della risata, protegge pasolini. i due si volevano bene, si sa. e ferdinando è stato bravo.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Il “Buch der Freunde” di Domenico Mennillo

di Ornella Tajani
È uscita per le edizioni morra/e-m arts una pubblicazione dal titolo Buch der Freunde di Domenico Mennillo, che raccoglie gli scritti relativi al lavoro ventennale di lunGrabbe, duo artistico formato da Mennillo e Rosaria Castiglione [ot].

Lampedusa

  di Ferdinando Tricarico Come s'accrocchiano ste carni dai colori cafardi sta babele di caini sti casini d'Abele? Come s'acconciano sti sconci cenci dell'inconscio senza troppe...

Pasolini traduttore di Eschilo. Il caso dell’Orestiade

di Francesco Ottonello «La trilogia dell’Orestiade è probabilmente il pezzo del teatro greco che io amo di più, o perlomeno...

Francesca Canobbio – La legge del buio – Skoto-gnosis

di Daniele Ventre La dimensione ontologica enucleata dalla nuova raccolta di Francesca Canobbio, La legge del buio, uscita quest'anno per...

L’abbecedario in gola (2018)

di Marina Pizzi 1. Ingrigisce la rosa purpurea Prende vigore la paura L’insania balorda della lurida Sconfitta d’indirizzo. A me non resta che...

Poeti e democrazia

di Daniele Ventre Polesía, il nuovo numero di Trivio, il quarto dalla nascita della rivista, patrocinata dalla casa editrice Oèdipus...
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).