Articolo precedentePassione per il western
Articolo successivoIl cinese

Parigi. The Great Smog

di Jamila Mascat

Londra nel 1952 andrò in fumo a causa di un’emergenza ambientale – the Great Smog  – che annebbiò la città al punto da impedire la circolazione di individui e mezzi di trasporto, e che nel giro di quattro giorni (dal 5 al 9 dicembre) causò più di 12mila morti.

Le foto che seguono sono state scattate da Jean SeguraAlhil Villalba durante la mobilitazione contro la Loi Travail tra i mesi di aprile e giugno di quest’anno.

Il fumo è stata la cifra dominante delle manifestazioni di piazza grazie all’uso massivo e sistematico di gas lacrimogeni da parte della polizia.

L’ordine delle immagini non è cronologico, ma ideologico.

9avrilManifestazione, Place de la Nation, Parigi, 9 aprile.

 

28rueManifestazione,  Place de la Nation, Parigi, 9 aprile.

cheminot in fumoManifestazione dei ferrovieri à Montparnasse, Parigi, 10 maggio.

28grèveSciopero generale contro la Loi travail, corteo da Place Denfert-Rochereau a Place de la Nation, 28 aprile.

28nuageSciopero generale contro la Loi travail, corteo da Place Denfert-Rochereau a Place de la Nation, 28 aprile.

28marcheSciopero generale contro la Loi travail, corteo da Place Denfert-Rochereau a Place de la Nation, 28 aprile.

fiori_26maggioManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

invalides_estintore fumoManifestation contro la Loi Travail, Esplanade des Invalides, 14 giugno 2016.

police in fumoManifestazione contro la Loi Travail, verso l’Esplanade des Invalides, 14 maggio.

corridore in fumo 26 maiManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

monnezza in fumoManifestazione contro la Loi Travail, Esplanade des Invalides, 14 maggio.

black block in fumoManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

28istanbulManifestazione contro la Loi Travail, verso l’Esplanade des Invalides, 14 maggio.

racchetta manManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

5 Commenti

  1. Non è il vero Parigi. Queste fotografie fanno vedere solo gli eccessi di gruppi che non facevano dei manifestazioni

    • Le foto sono verissime. manifestare per credere. Direi che fanno vedere bene gli eccessi della polizia. Jamila

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La fabbrica Wittgesund

di Mario Temporale
Per gran parte del ventesimo secolo la Wittgesund ha prodotto soldatini di latta, soldatini di piombo, bambole, cavallucci, e automobiline per il mercato europeo

La quadrilogia della fine di internet: il ritorno alla Fonte come superamento del collasso della techne

di Sonia Caporossi Canteremo la resurrezione dell’anima consumata nella tecnologia. La notte, il sogno, la visione e la connessione....

Due terzi di Odifreddi : per difendere la scienza

di Riccardo Canaletti Il Prestigiatore, Hieronymus Bosch (attribuito a)   Di recente è uscita nel sito di Nazione Indiana una critica a firma...

Il dizionario di Zeus! (rivista mutante)

di Giacomo Sartori
Il dizionario di Danilo ci insegna, o insomma ci ricorda, perché lo avevamo già constatato, prima di fingere con noi stessi di dimenticarlo, che i dizionari esistono perché

Contro Odifreddi: per difendere la scienza

di Daniele Barbieri Non mi interessa particolarmente difendere Cacciari o Calasso, ma le parole di Piergiorgio Odifreddi su “Cacciari, Calasso e gli antiscienza” pubblicate su La Stampa del 1 agosto 2021 non sono perdonabili

Overbooking: Sam Wasson

A proposito di Sam Wasson, Il grande addio. Chinatown e gli ultimi anni di Hollywood (Jimenez, 2021) di Franco Bergoglio   Si potrebbe tracciare...
jamila mascat
Jamila M.H. Mascat vive a Parigi e insegna presso il dipartimento di Cultural Studies dell'Università di Utrecht, in Olanda. Si occupa di filosofia politica e teoretica, marxismo contemporaneo, critica postcoloniale e teorie femministe. Nel 2011 ha pubblicato Hegel a Jena. La critica dell'astrazione. Ha co-curato Femministe a parole (2012); G.W.F. Hegel, Il bisogno di filosofia. 1801-1804 (2014); M. Tronti, Il demone della politica (2017); Hegel & Sons. Filosofie del riconoscimento (2019); The Object of Comedy. Philosophies and Performances (2020); A. Kuliscioff, The Monopoly of Man (2021).