Articolo precedentePassione per il western
Articolo successivoIl cinese

Parigi. The Great Smog

di Jamila Mascat

Londra nel 1952 andrò in fumo a causa di un’emergenza ambientale – the Great Smog  – che annebbiò la città al punto da impedire la circolazione di individui e mezzi di trasporto, e che nel giro di quattro giorni (dal 5 al 9 dicembre) causò più di 12mila morti.

Le foto che seguono sono state scattate da Jean SeguraAlhil Villalba durante la mobilitazione contro la Loi Travail tra i mesi di aprile e giugno di quest’anno.

Il fumo è stata la cifra dominante delle manifestazioni di piazza grazie all’uso massivo e sistematico di gas lacrimogeni da parte della polizia.

L’ordine delle immagini non è cronologico, ma ideologico.

9avrilManifestazione, Place de la Nation, Parigi, 9 aprile.

 

28rueManifestazione,  Place de la Nation, Parigi, 9 aprile.

cheminot in fumoManifestazione dei ferrovieri à Montparnasse, Parigi, 10 maggio.

28grèveSciopero generale contro la Loi travail, corteo da Place Denfert-Rochereau a Place de la Nation, 28 aprile.

28nuageSciopero generale contro la Loi travail, corteo da Place Denfert-Rochereau a Place de la Nation, 28 aprile.

28marcheSciopero generale contro la Loi travail, corteo da Place Denfert-Rochereau a Place de la Nation, 28 aprile.

fiori_26maggioManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

invalides_estintore fumoManifestation contro la Loi Travail, Esplanade des Invalides, 14 giugno 2016.

police in fumoManifestazione contro la Loi Travail, verso l’Esplanade des Invalides, 14 maggio.

corridore in fumo 26 maiManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

monnezza in fumoManifestazione contro la Loi Travail, Esplanade des Invalides, 14 maggio.

black block in fumoManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

28istanbulManifestazione contro la Loi Travail, verso l’Esplanade des Invalides, 14 maggio.

racchetta manManifestazione contro la Loi Travail, Place de la Nation, 26 maggio 2016.

Print Friendly, PDF & Email

5 Commenti

  1. Non è il vero Parigi. Queste fotografie fanno vedere solo gli eccessi di gruppi che non facevano dei manifestazioni

    • Le foto sono verissime. manifestare per credere. Direi che fanno vedere bene gli eccessi della polizia. Jamila

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Marco Ercolani, «14 luglio 1929. Due lettere a Freud»

di Massimo Morasso
Ogni blocco testuale è una scossa dei nervi, e fa breccia verso una zona d’ombra della psiche. Ercolani sa rendere credibile l’improbabile

“Io ero il milanese”: Lorenzo S. e l’inutilità del carcere

di Daniele Ruini
Se ci venisse data una bacchetta magica per poter cambiare qualcosa del mondo in cui in viviamo, che cosa sceglieremmo? Per quanto mi riguarda, una delle prime cose sarebbe questa: basta carcere.

Perché è importante leggere David Graeber

di Lorenzo Velotti
Il suo pensiero può essere d’aiuto a chi non si rassegna alla naturalizzazione del capitalismo, del patriarcato e delle burocrazie statali coercitive

Il tornello dei dileggi

di Massimo Salvatore Fazio
Se non ti trasformi, resisti e vivi. E se resisti e vivi non è detto che non anneghi. E se anneghi, di fattori liquidi ne escono pure dall’anticamera del basso bacino, ed è normale come quando passeggi in una qualunque città e sui muri stanno scritte e stanno sempre stampati i soliti simboli.

Peninsulario

di Marino Magliani
Oltre Sorba, nascosto nella campagna perché raggiungere la città in quel buio era impossibile, Secondo attese l’alba. Giunse a casa verso mezzogiorno, stanco, accaldato, perché più di una volta aveva perso la strada, come all’andata.

Il Mondo è Queer. Festival dei Diritti

Il Mondo è bizzarro, imprevedibile, queer. Le sue stranezze ne costituiscono la ricchezza. Con queste iniziative vogliamo tenere vivo il dialogo sull’idea di persona, collettività e famiglia planetaria, promuovendo attenzione e consapevolezza verso questioni di genere, fragilità invisibili e il nostro rapporto con il pianeta in un momento critico degli equilibri conosciuti.
jamila mascat
Jamila M.H. Mascat vive a Parigi e insegna presso il dipartimento di Cultural Studies dell'Università di Utrecht, in Olanda. Si occupa di filosofia politica e teoretica, marxismo contemporaneo, critica postcoloniale e teorie femministe. Nel 2011 ha pubblicato Hegel a Jena. La critica dell'astrazione. Ha co-curato Femministe a parole (2012); G.W.F. Hegel, Il bisogno di filosofia. 1801-1804 (2014); M. Tronti, Il demone della politica (2017); Hegel & Sons. Filosofie del riconoscimento (2019); The Object of Comedy. Philosophies and Performances (2020); A. Kuliscioff, The Monopoly of Man (2021).
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: