Articolo precedenteCittà dei porci. Il supermercato
Articolo successivoDa Curae e altre poesie

I poeti appartati: Olga Campofreda

Charity Shop- Gaetan Bernede
Charity Shop- Gaetan Bernede

Second Hand Shop

 

Hai tirato fuori dal cassetto

un paio di vecchie promesse

sgualcite

e con un gesto

che mi è sembrato bello

mi hai coperto le spalle

quest’inverno.

Non c’è voluto tanto

a indovinare un altro odore

impregnato sul tessuto,

e i buchi

e certe bruciature

di sigarette

che non ho mai fumato,

mentre i colori pure

delle tue promesse

impallidivano

sbiaditi

e smorti

per i troppi lavaggi

sbagliati.

 

Usate e riadattate

riempite e poi svuotate

queste parole

reindossate

e abbandonate in fretta

allo schienale di una sedia

le hai consumate a lungo,

masticate e poi sputate

prive infine di ogni forma,

ogni sapore.

 

Avevo amato l’idea

di credere al per sempre

di tutto ciò che fosse immateriale

eppure proprio adesso che mi sei di fronte

qualsiasi cosa voglia pronunciare

mi sembra troppo detto

troppo usato,

un abito

a tal punto sformato

da avere poi mutato

l’eleganza di un tempo

in ridicolo affronto,

un travestimento brutto

che neppure riesce a riscaldare

i corpi

quando è freddo.

 

 

articoli correlati

I poeti appartati: Francesco Marotta

Dalla dimora del tempo sospeso1 Lettera al figlio di Francesco Marotta       Dalla dimora del tempo...

I poeti appartati: Alberto Rollo

di Alberto Rollo. da Ultimo turno di guardia.   Cinque poesie con nota di Maria Grazia Calandrone       7. Così li riconobbe il vecchio, ancora, gli...

I poeti appartati: Massimo Rizzante

Ho provato una vera felicità  quando Massimo mi ha dato la bella notizia di questa nuova uscita - a...

I poeti appartati: Alida Airaghi

Elsewhere di Alida Airaghi       C'è un fondo al cielo, in fondo al cielo: e prima luce, e primo buio. Fine di tutto, innanzi a tutto. Velo...

Do you remember Sanremo?

  https://www.youtube.com/watch?v=TJKHVepBnKc Il fantastico queer di Achille Lauro: uno sguardo sul pubblico di Olga Campofreda   La sera della finale di Sanremo ho riunito un...

I poeti apartheid: Micol Bez

Se l’ordine fosse un crimine? In prigione geografi, genetisti zoologi, doganieri, genealogisti classificatori, omofobi, razzisti. Fuori una danza senza origine.   **** Come Gorata copriva di inglese...
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
  1. qui è possibile leggere tutto Hairesis []