Radio days: Mirco Salvadori

Noduli Cellulari

 di Mirco Salvadori

 

Si era ripromesso di trovare il tempo per perfezionare la funzione generatrice di matrici di scale. Poteva agire nidificando i tre cicli che subito lo avrebbero scaraventato nel fluido 3D del parallelepipedo tonale. Purtroppo, quel tempo così abbondantemente sperperato davanti al video del computer era giunto al termine. Non aveva più accesso all’ambiente di sviluppo online, quindi doveva immettersi direttamente dentro l’intercamera plastica sperando di evaporare attraverso i mille fori che popolavano le sue pareti.

Inconsapevolmente sperperare il tempo. Irresponsabilmente abbracciare la staticità, tramutando le continue, inutili e spesso false informazioni che infestano la rete in rettili capaci di rapire e sbranare l’attenzione. Rettili che trasformano la socialità del soggetto, immobilizzandolo all’ombra del loro riverbero digitale che sputa in continuazione la vocale privativa – una a che si incastra con le altre al pari delle mattonelle colorate del Lego. Il risultato è un lungo serpente dalle movenze ipnotiche, con le zanne velenifere ben conficcate nella parola che intende ingurgitare.

 Come? Un sacchetto, se voglio un sacchetto? Faticava a parlare, l’asocialità iniettatagli dal morso di quella serpe non gli permetteva di interagire con la cassiera del supermarket: faticava a comprenderla e a distinguere il luogo nel quale si trovava, la mente sempre immersa nel brodo primordiale delle sue teorie. Si spostava con difficoltà, affrontando il tragitto verso il grande emporio convinto di trovarsi in un’extradimensione che lo allontanava dall’abbraccio confortevole della virtualità. Avvicinò il codice a barre dello scontrino al lettore posto sui tornelli d’uscita che si spalancarono, riportandolo nuovamente al centro di un labirinto che neanche il migliore JR Schmidt avrebbe saputo ideare e disegnare. Il suono continuo dei droni placò la sua ansia crescente: era tempo di migrare, il tasto Enter avrebbe reagito anche anche alla più lieve delle sollecitazioni.

Quando si è soli, anche se non si fa niente, non si ha l’impressione di perdere tempo. In compagnia, invece, lo si sciupa quasi sempre… che tu sia benedetto, mio amato filosofo, pensò BVTS. Era incredibile come non ricordasse più il suo vero nome ma solo il moniker che ormai lo contraddistingueva come uno dei migliori sound artist in circolazione sulle piattaforme di informazione musicale indipendente. Building Virtuality Through Sound: bastava questo appellativo e la vasta densità del suono elettronico di ultima generazione fluiva attraverso i ricettori dei suoi follower. Erano migliaia, sparsi in tutto il mondo. Indubbiamente ci sapeva fare con le macchine, riusciva a creare poesia sonica lì dove tutti vedevano soltanto un ammasso di cavi e cursori e potenziometri. Al pari di un abile ladro di auto, si piegava sul cruscotto collegando i fili e magicamente il motore cantava aspirando nei suoi cilindri una miscela innovativa formata da ambient, noise, field recording, dronescape e qualsiasi altra sostanza capace di interagire con la virtualità, unica dimensione possibile nella quale vivere ed espandersi. Frequentava Emil Cioran attraverso gli indirizzi dei siti dedicati ai suoi aforismi, che usava come titoli per le sue releases. Questo era tutto ciò che in realtà conosceva del filosofo rumeno.

Il tasto Enter sembrava pulsare nell’attesa del contatto, ma come sempre la sua attenzione era rapita e vagava immersa nelle immagini in costante mutazione che allagavano di impulsi lo schermo del computer. “Cellular Forms | Moduli Cellulari” era il titolo di quel video. Non aveva mai sentito il nome dell’artista computazionale che lo aveva creato, ma conosceva l’autore della traccia che accompagnava le immagini: si erano scambiati alcuni messaggi via Twitter, formali e vuote frasi di congratulazioni per il lavoro di programmazione svolto e l’incredibile risultato raggiunto sul piano compositivo. La pastosità di quel suono e l’immagine in continua mutazione gli davano una strana sensazione di dejà vu, non riusciva a staccare lo sguardo dallo schermo mentre le mura della stanza vibravano sotto i colpi dei bassi che fuoriuscivano dagli speaker. L’infinitamente piccolo, l’abitante dello spazio a noi precluso si mostrava in tutta la sua vitale e virale morfogenesi. C’era qualcosa di familiare in quel continuo cambiamento, ma non riusciva a comprenderne il reale significato. Da ore era immerso nell’accogliente placenta di echi e visioni che si ripetevano all’infinito, si era scordato dov’era e chi era, stava rincorrendo una percezione.

Sospeso nell’assoluta mancanza di coordinate, rapito dal fitto scambio con il proprio computer, BVTS tornava ad esplorare il tempo, quella sostanza a lui sconosciuta e dalla quale si riteneva immune. In fin dei conti, pensava, basta premere quel tasto cercando di evaporare il più velocemente possibile. Una volta usciti da quei fori ci si espande, si diventa parte del tutto, tutto cambia, si rinasce abbandonando l’involucro troppo lento e pesante che da decenni si riflette incerto sul monitor del pc. I suoi fan erano convinti che appartenesse alla loro generazione, lo pensavano un millennial. Lo trattavano alla pari, ignari della presenza costante dei medicinali sul tavolo della sua cucina. Ignoravano la persistente mancanza di ossigeno, le crisi di panico, la sedentarietà che rende obesi. Non conoscevano la vecchiaia così come testardamente voleva ignorarla anche lui, ben celato nell’ombra di un acronimo che lo trasformava in una creatura complessa, moderna, smart, capace di fluide e futuristiche interazioni esclusivamente digitali.

La confezione delle patatine era vuota, le bevande energetiche finite assieme ai caricatori di merendine le cui spoglie erano disseminate ovunque. Era giunto il tempo di immettersi nell’intercamera plastica, raccogliere le proprie emozioni, i pochi ricordi ancora vivi ed evaporare attraverso quei fori nelle pareti, sopra il tracciato impenetrabile del labirinto colorato che neanche il miglior JR Schmidt avrebbe mai saputo ideare e disegnare.

Il dito racchiuso nel misuratore di saturazione dell’ossigeno si muove impercettibilmente: sembra tenti di inviare il comando cercando di premere un tasto. Nello stesso istante, il battito instabile che ha sempre accompagnato BVTS attraverso il suono di una vita solo immaginata, cessa di segnare il tempo lasciando dietro di sé un lieve, profondo ultimo sospiro.

I moduli cellulari si sono moltiplicati. Hanno compiuto la loro trasformazione invadendo lo spazio infinitamente piccolo. Hanno mutato forma e una nuova consonante iniziale ora li contraddistingue: è una N.

Sulla lapide che segnava il luogo nel quale Benvenuto Tagliaserra era sepolto, qualche fiore di plastica ormai accartocciato e due bianchissime calle poste ad illuminare l’epitaffio:

Cosa riusciremmo ad essere io e te senza il wi-fi che sostiene il nostro arcaico istinto

Cosa riusciremmo a scambiarci senza il supporto di lucide e gelide fibre ottiche, cieche di grazia e sudata carnalità

Quanto distanti ci troveremmo se solo carta e inchiostro fossero il nutrimento dei nostri intenti

Quale altro elemento potrebbe maggiormente infuocare le nostre private condivisioni meglio di un muto algoritmo

Urla la nostra virtualità, morde e graffia, si apre e contorce, geme ed esplode in rivoli di pixel che nutrono un link sempre attivo, pulsante antica matematica precisione: 1+1=2

 

*insostituibili immersioni soniche: Enrico Coniglio http://www.enricoconiglio.com/

*folgorazioni sulla via (virtuale) di Damasco: Massimiliano Scordamaglia https://maxscordamaglia.bandcamp.com/

*editing: Marco Olivotto http://www.moonmusic.it

*many thnx to: Paolo Scheggi, JD Schmidt, Andy Lomas, Max Cooper, Es

                                                            

francesco forlani

Vive a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman e Il reportage, ha pubblicato diversi libri, in francese e in italiano. Traduttore dal francese, ma anche poeta, cabarettista e performer, è stato autore e interprete di spettacoli teatrali come Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, con cui sono uscite le due antologie Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Corrispondente e reporter, ora è direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Con Andrea Inglese, Giuseppe Schillaci e Giacomo Sartori, ha fondato Le Cartel, il cui manifesto è stato pubblicato su La Revue Littéraire (Léo Scheer, novembre 2016). Conduttore radiofonico insieme a Marco Fedele del programma Cocina Clandestina, su radio GRP, come autore si definisce prepostumo. Opere pubblicate Métromorphoses, Ed. Nicolas Philippe, Parigi 2002 (diritti disponibili per l’Italia) Autoreverse, L’Ancora del Mediterraneo, Napoli 2008 (due edizioni) Blu di Prussia, Edizioni La Camera Verde, Roma Chiunque cerca chiunque, pubblicato in proprio, 2011 Il peso del Ciao, L’Arcolaio, Forlì 2012 Parigi, senza passare dal via, Laterza, Roma-Bari 2013 (due edizioni) Note per un libretto delle assenze, Edizioni Quintadicopertina La classe, Edizioni Quintadicopertina Rosso maniero, Edizioni Quintadicopertina, 2014 Il manifesto del comunista dandy, Edizioni Miraggi, Torino 2015 (riedizione) Peli, nella collana diretta dal filosofo Lucio Saviani per Fefé Editore, Roma 2017 

Tags: