Articolo precedenteAttacco
Articolo successivoLa staticità dell’assenza

I poeti apartheid: Micol Bez

Se l’ordine fosse un crimine?

In prigione geografi, genetisti

zoologi, doganieri, genealogisti

classificatori, omofobi, razzisti.

Fuori una danza senza origine.

 

****

Come Gorata copriva

di inglese lo tswana, portava

da scuola appuntata

la frase coloniale al petto

«an island is a tract

of land surrounded by water

(and smaller than a continent)».

 

Come il suo orgoglio nato

al portare beato la scienza

ai parenti cui ora vorrebbe

invece dire, forse in tswana,

«I wonder what a lesbian

lobola would look like».

 

****

 

Se volessi, mia amata, prenderti

la mano per entrare all’apartheid

museum, stingerti le unghie

consegnarti il mio sudore e il pianto,

non potrei. Per varcare

 

i corridoi dell’apartheid

devono scioglierci

le dita, insegnare

al loro groviglio riluttante l’ordine

della solitudine.

 

Mi chiedo ora in quali corridoi

di casa lascerei la tua mano

per nascondere il disordine

del nostro desiderio identico

di seni.

articoli correlati

I poeti appartati: Francesco Marotta

Dalla dimora del tempo sospeso1 Lettera al figlio di Francesco Marotta       Dalla dimora del tempo...

I poeti appartati: Alberto Rollo

di Alberto Rollo. da Ultimo turno di guardia.   Cinque poesie con nota di Maria Grazia Calandrone       7. Così li riconobbe il vecchio, ancora, gli...

I poeti appartati: Massimo Rizzante

Ho provato una vera felicità  quando Massimo mi ha dato la bella notizia di questa nuova uscita - a...

I poeti appartati: Alida Airaghi

Elsewhere di Alida Airaghi       C'è un fondo al cielo, in fondo al cielo: e prima luce, e primo buio. Fine di tutto, innanzi a tutto. Velo...

I poeti Apartheid: Angelo Vannini

Tre poesie inedite di Angelo Vannini     Un uomo Aggiornato. Un uomo mi era saltato vicino, col suo nudo vestito di passi. Era nero come la notte,...

I poeti appartati: Valeria Argiolas

                                                   
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
  1. qui è possibile leggere tutto Hairesis []