Articolo precedenteHagard
Articolo successivoL’Anno del Fuoco Segreto: Il Ciclo della Carne

da “Somiglianze di famiglia”

di Matteo Pelliti

 

Essi

 

Essi, loro i pronomi della lontananza,
della distanza, della genealogia, della progenitura,
gli antenati, gli spettri evocabili,

avi, trisavoli,
siamo noi i loro fantasmi possibili,
noi evocati dall’anteriorità, noi

posteriori, prodotti ultimi e provvisori.
Essi, loro, i bisnonni  ci chiamano al mondo
col loro casuale intreccio
di matrimoni, partenze, stanzialità.

Una danza onomastica ha variato
le doppie nei cognomi
per identità affidate all’udito dell’ufficio anagrafe.

Noi, discendenti imprevedibili.

*

 

Sotto il dominio degli avi

 

Ricordo che la ricorsività dei suicidi

viene studiata nelle generazioni successive

al pari della longevità

o delle malattie degenerative, meglio,

neurodegenerative, tracce di programmi

replicabili già inscritti in noi,

in completa balia del passato, quindi,

sotto il dominio degli avi,

e dei pezzi genetici di scala più o meno avariati

che ci hanno lasciato in eredità.

Essi vivono.

*

 

La cosmonauta… russa

 

Tramite una specie di radio clandestina,

un trabiccolo beige buono per radiolondra,

captiamo il battito cavallino, al galoppo,

dell’astronauta alla sua diciassettesima settimana

di missione (140 battiti al minuto).

L’esperienza ricorda da vicino

le voci rubate, di cosmonauti russi,

da improvvisati marconisti stellari,

due fratelli piemontesi degli anni Sessanta.

Anche noi drizziamo le orecchie tra i flutti,

i flussi, le interferenze radio in cerca

del codice binario, ritmo, che dica: vi-vo.

*

 

Ottobre

 

Pregare non serve a niente

se non a produrre qualche sostanza

nella mente del pregante, ma

nessuna molecola fuori da lui

verrà modificata mai dalla preghiera.

Ieri pomeriggio ho ripreso a pregare.

*

 

A mio fratello

 

Il fratello mi è apparso improvvisamente

come anello lipogrammatico,

mancante, rimosso, omesso,

di questa conta nelle somiglianze.

Per questo lo appongo qui

come appendice necessaria,

nutrimento mancato, forse

a mia colpa, radice stessa

a me ignota della parola

(bhratar, colui che nutre)

per una relazione che vive solo

se reciprocamente nutrita.

Ma il tempo è sempre aperto

per fare cambiamento di sé,

del sé fratello e del generatore

di fratello e sorella che io sono,

vincolo genetico da coltivare

per la vita intera.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

articoli correlati

Il demone meridiano

di Fabrizio Bajec
1. una controfigura dicevano che amavi il rischio mettendoti al servizio dei più nobili sapevi parlare in pubblico e posare al sole imitando certe donne dagli occhiali scuri stese sul bordo di un terrazzo in attesa di una foto

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Intervista a Italo Testa su “Teoria delle rotonde”

di Laura Pugno e Italo Testa   Laura Pugno: Vuole una tesi forte che molta della migliore poesia italiana contemporanea –...

Due descrizioni di quadri

  di Andrea Inglese   Una carta moschicida dorata – certo che no – (potrebbe essere un’ocra, allora, a quest’ora, che lo guardiamo molto...

Corrosioni

di Arben Dedja    Lo stuzzicadenti   Ah sì lo stuzzicadenti me lo ricordo eravamo in quel tal ristorante i telegiornali tuonavano i giornali con titoli in...

Progetto per una casa

* di Giulio Marzaioli ⊕ In primo luogo sarebbe opportuno possedere una casa. Quindi abbatterla, avendo cura di salvaguardare intatte alcune porzioni...
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.