Articolo precedente
Articolo successivo

Convegno sull’eredità critica di Francesco Orlando

Dal 6 all’8 maggio si svolge on line un convegno interamente dedicato all’eredità critica di Francesco Orlando. Qui di seguito il programma. [ot]
_

LETTERATURA RAGIONE REPRESSO
L’eredità critica di Francesco Orlando

Organizzato da: Stefano Brugnolo, Francesco Fiorentino, Gianni Iotti, Luciano Pellegrini, Sergio Zatti

Pisa, 6-8 maggio 2021

Su Microsoft Teams: iscriversi a convegnorlando2021@gmail.com e su Youtube: Seminario d’Interpretazione Testuale – Mimesis – YouTube

Giovedì 6 maggio, ore 9:00

Saluti e apertura dei lavori:

Alessandra Lischi Delegata del rettore dell’Università di Pisa per la comunicazione e la diffusione della cultura

Roberta Ferrari Direttrice del Dipartimento di Filologia, Letteratura, Linguistica

Gianpiero Rosati Preside della classe di Lettere della Scuola Normale Superiore di Pisa

Presiede e introduce: Paolo Tortonese Université Sorbonne Nouvelle – Paris 3

Relazioni:

Alfredo Stussi Scuola Normale Superiore di Pisa – emerito, Francesco a Pisa negli anni della Normale

Raffaele Donnarumma Università di Pisa, La formazione di compromesso. Sull’estetica di Francesco Orlando

Aurélie Gendrat Sorbonne Université, La ricezione di Francesco Orlando in Francia: un tentativo di chiffonnage

Giovedì 6 maggio, ore 15:00

Presiede e introduce: Mariolina Bertini Università di Parma

Relazioni:

Federico Corradi Università di Napoli “L’Orientale”, Francesco Orlando e il Barocco. Tra Rousset e Matte Blanco

Francesco Pigozzo Università eCampus, La letterarietà dei discorsi fattuali: il caso delle memorie personali

Iacopo Leoni Università di Napoli “L’Orientale”, Referenti, codici e ritorno del represso nel romanzo francese tra le due guerre

Venerdì 7 maggio, ore 9:00

Presiede e introduce: Guido Mazzoni Università di Siena

Relazioni:

Walter Siti scrittore, Come si digerisce un maestro fuori moda

Fabien Vitali Christian-Albrechts-Universität zu Kiel, La doppia scommessa. Per e malgrado Lampedusa

Christian Rivoletti FAU Erlangen-Nürnberg, Costanti testuali, espansione di senso e rappresentazione della realtà

Carlo Ginzburg Scuola Normale Superiore – emerito, Pascal “al servizio dell’irreligione”

Venerdì 7 maggio, ore 15:00

Presiede e introduce: Carla Benedetti Università di Pisa

Relazioni:

Alessandra Ginzburg psicoanalista, Francesco Orlando dalla repressione all’inconscio non rimosso di Matte Blanco

David Quint Yale University, The Belatedness of the Thought of Francesco Orlando

Valentino Baldi Università per Stranieri di Siena, L’identificazione emotiva

Valentina Sturli Sorbonne Université, Le figure dell’invenzione: una ricerca incompiuta di Francesco Orlando

Sabato 8 maggio, ore 9:00

Presiede e introduce: Massimo Fusillo Università dell’Aquila

Relazioni:

Guido Paduano Università di Pisa, Francesco Orlando e la drammaturgia musicale

Cristina Savettieri Università di Pisa, Storicità ed epoche nell’opera di Francesco Orlando

Luca Danti Università di Pisa, Le figure del ciarlatano: una ricerca potenziale di Francesco Orlando

_

Segreteria: Giulia Bullentini, Iacopo Leoni, Mario Gerolamo Mossa

Per informazioni: convegnorlando2020@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Ultime luci a Palermo, la storia della principessa Beatrice Tasca di Cutò

di Valeria Nicoletti
Ruggero Cappuccio ha avuto il privilegio di leggere i diari della principessa di Lampedusa, madre di Giuseppe Tomasi, donna poliedrica, appassionata, indomita, e ci regala un ritratto intenso, dove l’invenzione letteraria si fa tensione desiderante che completa, e amplifica, i fatti storici

L’esplosione dei testi

di Marco Viscardi
Forse era tutto un gioco di liberazione: davvero la partita era liberare figure e creature. Farle uscire dai libri, consentire loro di invadere spazi indifesi. Non stupisce che in una biblioteca ci siano ben due mostre ispirate ai libri, ma quello che colpisce è il carattere ‘eversivo’ delle due esibizioni

Mots-clés__Specchi

di Daniele Ruini
Specchi: con Lucio Battisti, René Magritte, Andrea Zanzotto

Cartoline dal Sud: scrivere l’abbandono

di Valeria Nicoletti
Spira il vento in queste pagine, quello che trasforma, che allontana, ma anche quello che riporta con sé profumi, suoni e memorie di quanto ci si lascia alle spalle

“Una fitta rete d’intrecci”: su “Agatino il guaritore” di Massimiliano Città

di Daniele Ruini
“Agatino il guaritore” è l’esito felice di un narratore ispirato che descrive parabole umane disperate – parabole che conducono a un venditore di speranza il cui business si basa su un postulato difficile da contestare: «Pensiamo d’esserci evoluti per il fatto di conoscere causa ed effetto dei fulmini e dei tuoni che dall’orizzonte s’avvicinano alle nostre case, ma una paura ancestrale c’è rimasta dentro le ossa»

È morto un poeta

di Igor Esposito
Terremoto, bradisismo, peste o fiume che esonda e tutto travolge è inequivocabilmente, da quarant’anni, la babelica drammaturgia di Enzo Moscato; ecco perché anche ai finti sordi che hanno avuto la sorte di inciampare in una pièce di Moscato è apparsa la poesia del teatro e della vita
ornella tajani
ornella tajani
Ornella Tajani insegna Lingua e traduzione francese all'Università per Stranieri di Siena. Si occupa prevalentemente di studi di traduzione e di letteratura francese del XX secolo. È autrice dei libri Tradurre il pastiche (Mucchi, 2018) e Après Berman. Des études de cas pour une critique des traductions littéraires (ETS, 2021). Ha tradotto, fra vari autori, le Opere di Rimbaud per Marsilio (2019), e curato i volumi: Il battello ebbro (Mucchi, 2019); L'aquila a due teste di Jean Cocteau (Marchese 2011 - premio di traduzione Monselice "Leone Traverso" 2012); Tiresia di Marcel Jouhandeau (Marchese 2013). Oltre alle pubblicazioni abituali, per Nazione Indiana cura la rubrica Mots-clés, aperta ai contributi di lettori e lettrici.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: