I nati di contro

 

di Giorgiomaria Cornelio,

frammenti da un libro a venire

 

 La caduta dei dannati all’Inferno di Peter Paul Rubens,  sfigurata con l’acido da Walter Menzl, 1959
***
«Il dannato riceve la pena meritata,
mentre chi si salva riceve una grazia non meritata.»
Agostino, Lettera 194

 

 

Se chiedono,                    rispondi:«

faccio       come il dente strappato.»

 

Non c’è correttura che

rivolti all’indietro, siero o leva

per il nato di contro.

 

Oh vita giù accanto alla paglia,

antartide a confetti,  provincia

della malinconia.   Mi avete di-

giunato.

 

 

Lepri a buchi, ganimedi, bestie torte, femmine

con ruggine: questo eravamo.   Ora, nel fondo

a cocci del tempo, un altro tempo concede amnistia,

mette fine al censimento.

 

Ma quale ammenda  ci darà indietro tutta la vita

già morta?   Chi cancellerà  il guasto che

sempre ci  precede?

 

Un giorno di pace è più corto del

suo giuramento.  Noi portiamo il monito

dove è più in vista.

 

I cresciuti intatti, i nuovi dimentichi,

taceranno il vecchio allarme.

Poi, guardandoci

come si fissa    l’ultimo

scampato alla brace,  diranno:

«passato    il rogo per l’ardore.»

 

È  splenduto.

 

_

 

Allora,

prima che    sia ancora guerra,

bucherò  la placenta di questo

sonno,    farò l’occhio aguzzo,

l’occhio desto, per fissare, den-

tro la strabica radura        della

specie,   la specie non corrotta,

la forma          di ciotola vuota.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

articoli correlati

Virgilio Sieni: Danza Cieca

    Per Cronopio è stato pubblicato Danza Cieca di Virgilio Sieni, raccolta di riflessioni «sull'esperienza fisica, estetica ed emozionale vissuta nella...

Essere italiani, essere pugili, essere umani (secondo round)

di Federica Guglielmini
Eccomi dentro una Nazione Indiana, che si trasforma in un ring, luogo di incontro per tutti noi. Accorciamo le distanze fra il pugilato e gli italiani, allontaniamo i pregiudizi attraverso una verità storica e contemporanea. Qui e ora.

Francesco Iannone: il mestiere della cenere

È uscita per peQuod la raccolta poetica Prima opera del gesto di Francesco Iannone. Ospito qui alcuni estratti dal libro,...

Medeatiche

di Beatrice Achille
io scurissima notte come ti trattengo nemmeno pronuncio nemmeno l’iniziale e già poni e già muovi nel buio il distolto fino a che non sciogli quel senso di totale criterio una totale abnegazione aperta

Moira Egan: i cuori bruciati delle stelle

    È stato recentemente pubblicato, per le edizioni Tlon, Amore e morte di Moira Egan. Ospito qui, per gentile concessione...

due poesie sull’amore

[Verrai stanotte nel sogno]. In un bosco che non esiste grida il lupo. Alza il suo muso come un uomo. Molti lupi hanno viaggiato per uscire dagli alberi o entrarvi a fondo e perdere la donna che li amava.
Giorgiomaria Corneliohttps://www.navegasion.com/
Giorgiomaria Cornelio (1997) ha fondato insieme a Lucamatteo Rossi l’atlante Navegasión, inaugurato con il film "Ogni roveto un dio che arde" durante la 52esima edizione della Mostra del Nuovo Cinema di Pesaro. La loro "Trilogia dei viandanti" (2016-2020) è stata presentata in festival e spazi espositivi internazionali. Cornelio è curatore del progetto di ricerca cinematografica «La Camera Ardente», e redattore di «Nazione Indiana». Suoi interventi sono apparsi su «Le parole e le cose», «Doppiozero», «Il tascabile», «Antinomie», «Il Manifesto». Ha vinto il Premio Opera Prima con la raccolta "La Promessa Focaia" (Anterem, 2019). È in uscita per Luca Sossella Editore il suo secondo libro di poesia, "La consegna delle braci". Insieme a Giuditta Chiaraluce ha ideato il progetto di esoeditoria Edizioni Volatili.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: