Sette poesie

di Simone Zoppellaro

.

Prayer

Benedici tutti i miei peccati, o Signore,

liberami dal bene, sradica

ogni pietà o speranza dal mio cuore: fammi

perfetto per il mondo che tu hai creato

 

come gli uomini che hai insufflato dal fango;

rimuovi da me ogni scintilla

di virtù o conoscenza, spronami

a perseguire il buio di ogni dogma, portami

 

a godere, come una iena all’inferno,

di ogni sbranato, di ogni violenza,

nella pura ferocia che sprigiona

 

dall’abbaglio delle cose del tuo mondo;

benedici tutte le mie voglie, o Signore,

inclusa quella di farti fuori.

Ludwigsburg, 3 maggio 2021

*

Frozen

Ma ho rovesciato il mio sguardo, dirigendolo

verso costellazioni ignote. Amore, fatti sentire:

affondo, affogo. Trepidazioni di termiti,

lampi laceranti, lance e lancette affilano,

grumi di luce, buio di marmo. Pietà, mercede.

 

Sguscia, scivola via il corpo

con tutte le torture impercettibili,

con tutte le storture della psiche

che si anima, rialza e cade,

fa un tonfo, risuona nella grotta,

dà forma al vuoto. τέλος:

è rigettare la polvere che ti nutre.

Madre-polvere, padre-palude.

 

Io non sono la ferita che si cuce. Io non sono

l’orbita esplosa di una pietra incenerita. Io

non sono un nome, una rivelazione biometrica.

Tocca i limiti del silenzio con le lame del palato.

Stratificazioni dello spirito. Balbetta, esala,

esulta. Per una caduta che ti declina in tutto.

 

Povero nodo o nucleo di materia assiderata:

tu fissa il cielo, le viscere notturne delle stelle.

Stoccarda, 30 agosto 2020

*

Die Wellen

Corpo dopo corpo, il mare

restituisce alle sue sponde

(perplessi, alcuni si fermano

a guardare, un paio di loro urlano,

 

altri scattano foto con gli smartphone)

arti scomposti, visi neri invisibili,

fradici jeans e camice strappati; anch’io

sono lì, in sogno. Non smettono

 

più di toccare terra, lenti, uno dopo l’altro,

sotto un sole che si accascia al tramonto,

pallido e esausto. I loro capelli,

ad avvicinarsi, sono alghe, i loro

 

occhi meduse: non appartengono

più a questo lato del mondo, ma al ventre

infinito del mare. Fermo, trattengo il respiro, prego

che ora anche le onde finiscano.

Stoccarda, 2 settembre 2020

*

Der Siebenschläfertag

“Saranno sette settimane di tempesta”,

sbuffano al vento i sette

dormienti – murati vivi

come da leggenda – il ventisette

di giugno, loro festa. “Saranno sette settimane

di lacrime e fango, di sangue e lampi

in tutta Europa”, sbuffano al vento

i sette redivivi, sbucati da una grotta

subito prima di morire.

Ludwigsburg, 28 giugno 2022

*

Area postrema

L’uomo che si prende cura del proprio giardino

commette un atto impuro. I suoi muti margini

coincidono con un cielo terrestre. A ogni ramo

 

dello scheletro della conoscenza, le teste degli impiccati:

frutti delicati, primizie di morte. Da ogni singolo tronco

spezzato si sprigiona il loro grido. Vertigine del ritorno,

 

intimità dell’abbandono. Il giardino è la memoria del futuro;

labirinto che conchiude luce e putredine, riconduce il respiro

in un seme nudo che condensa ogni passato, ogni possibile.

Stoccarda, 17 aprile 2020

*

Il contagio

Questa è l’alba dei soli che cadono.

This is the dawn of the falling suns.

Unerträglich, quando i numeri non tornano,

sono incommensurabili. Andrebbero

moltiplicati per l’umanità. Alle Straßen,

che portano a Milano, münden

in schwarze Verwesung. Il contagio

è una parentesi senza contenuto,

a esclusione del lutto. This is the dawn

of the black sun. Un fremito, so unheimlich.

Stoccarda, 22 marzo 2020

*

Il respiro

A Narine Abgaryan

Tace la guerra, e tacciono i morti. Il respiro di chi resta non è più lo stesso. Il tempo è disumanato, turgido. Le frontiere appaiono mutate, non le nuvole. Le stelle brillano come distese di tombe.

Dio è morto il giorno in cui siamo nati.

Alcuni uomini continuano a vivere. Tra altri sipari, altre porte, altre finestre che danno su un muro. Sempre lo stesso muro. Il mondo ruota, una danza di pavone, attorno al muro.

Mi arrampico sugli specchi: respiro. Navigo sugli abissi: respiro. Precipito, nuoto, affogo: respiro sempre.

Oppure non respiro.

Vergine vertigine. Cattedrale di edera elettrica e rumore. Occhi verdi, duri come pietre, morbidi come prati. Il vento sospinge gli uomini-soffioni. Il seme non è più un seme, ma solo una minuscola lapide di lingua.

Jerevan, 24 gennaio 2021

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Vigilanza nera, ascolto bianco. Considerazioni critiche sull’antirazzismo europeo

Andrea Inglese
Guardare la storia della tratta atlantica e del colonialismo europeo da vicino non è più facile nel secondo decennio del XXI secolo che nell’ultimo del XX secolo. L’oblio, l’ignoranza, la semplificazione sono innanzitutto dei meccanismi di protezione. C’è una storia di sofferenze e di crudeltà estreme, di disumanizzazioni e disumanità inconcepibili, che vorremmo tagliare fuori dalla nostra identità collettiva di europei bianchi.

Tech house e pulsione di morte

di Lorenzo Graziani
Che la quota di oscurità nella popular music – ascoltata in solitudine o ballata in compagnia – sia in costante crescita è un fenomeno sotto gli occhi di tutti. E non serve lambiccarsi troppo il cervello per notare la connessione con il ripiegamento nichilista che ha segnato la storia della controcultura...

Da “Elogio della passione”

di Carlotta Clerici
Avanzavo tranquilla nell’acqua nera e spessa che ogni mio movimento trasformava in schiuma iridescente sotto i raggi della luna piena. Dieci, quindici minuti, mezz’ora… Le forze scemavano, ma ero fiduciosa, sapevo di poterne ancora attingere dentro di me.

Kwibuka. Ricordare il genocidio dei Tutsi.

di Andrea Inglese
Ieri, 7 aprile, si è tenuta a Kigali la trentesima commemorazione dell’ultimo genocidio del XX secolo, quello perpetrato tra il 7 aprile e il 4 giugno del 1994 da parte del governo di estremisti Hutu contro la popolazione Tutsi e gli oppositori politici Hutu.

Sulla singolarità. Da “La grammatica della letteratura”

di Florent Coste
Traduzione di Michele Zaffarano. I poeti, così drasticamente minoritari, così lontani e così persi nelle periferie di questo mondo, come si collocano, i poeti? Contribuiscono con forza raddoppiata al regime della singolarità o, al contrario, operano una sottrazione basata sulla riflessione e resistono?

Benway Series

Risposte di Mariangela Guatteri e Giulio Marzaioli
... ci concedemmo la possibilità di cercare altre scritture c.d. “di ricerca” consimili, soprattutto al di là della lingua italiana, e di pubblicarle in Italia in un contesto che non era così ricettivo rispetto a tali opere.
andrea inglese
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Il rumore è il messaggio, Diaforia, 2023. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Stralunati, Italo Svevo, 2022. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: