Teognide – Elegie – Libro I, vv. 1-52

trad. di Daniele Ventre

Figlio di Leto, signore, rampollo di Zeus, di te mai,
   sia che cominci o finisca, io mi dimenticherò,
ma di continuo, al principio e da ultimo e anche nel mezzo
   ti canterò: però ascolta, offrimi prosperità.
Quando, o sovrano Radioso, nei pressi del mare accerchiante
   Leto signora, la dea, lei, che a una palma serrò
le agili braccia, ebbe te, bellissimo fra gli immortali,
   tutta d’ambrosio profumo ecco che Delo ne fu
colma, anche immensa qual è: ne sorrise, immane, la Terra,
   Mare profondo di bianca onda, lui pure gioì.

Ah, cacciatrice, di cui fu esperto Agamennone, a Troia
   mosso con agili navi, odimi, figlia di Zeus,
sviale da me, te ne prego, Artemide, le orride Chere!
   Sì, questo è poco per te, dea, però è tanto per me.

Muse e voi Grazie, voi, figlie di Zeus, se alle nozze di Cadmo
   foste presenti, se un bel canto spiegaste voi mai,
“Quello che è bello, è gradito, quel che non è bello, è sgradito”
   questa parola sul labbro agli immortali passò.
Cirno, nel mio poetare a questi miei versi un suggello
   si aggiungerà. Se rubati, altri non più sfuggirà
e non li permuterà col peggio in presenza del meglio,
   anzi ciascuno dirà: sono elegie, queste qui,
del Megarese Teògnide illustre fra gli uomini tutti”.
   Certo non posso piacere a tutti quanti in città,
no, Polipaide, non c’è da stupirsene: Zeus in persona,
   non piace a tutti, anche lui, o faccia piovere o no.

Per il tuo bene discerno: ti consiglierò tutto quanto,
   quel che dai nobili anch’io, giovane ancora, imparai.
Resta prudente: per gesti spregevoli, per ingiustizie,
   privilegi, virtù, lusso non prendertene.
Dallo così per inteso, e perciò con uomini vili
   non mescolarti, non tu, sempre fra i nobili sta’
e fra di loro anche mangia e bevi, e così fra di loro
   siedi, e compiacilo chi grandi ricchezze ne ha.
Apprenderai nobiltà dai nobili: se con gli indegni
   ti mischierai, guasterai anche l’ingegno che è in te.
Questo considera, unisciti ai degni, e un domani dirai
   che per gli amici, i miei, buoni consigli io ne do.

Questa città, Cirno, è gravida, un uomo a domare la nostra
   ostica soverchieria temo lo partorirà.
I cittadini, sì, ancora lo sono assennati, ma i capi
   l’hanno rivolta a cadere in grande meschinità.
Cirno, nessuna città mai la persero gli uomini degni,
   quando agli indegni però soverchieria piacerà,
loro corrompono il popolo e lecito a illeciti dànno,
   solo per beni privati e per potere, né avrai
di che sperare che tale città duri stabile a lungo,
   anche se adesso riposa in grande tranquillità,
solo che siano graditi ai meschini tali guadagni,
   beni che a calamità pubblica seguitano.
Lotte ne nascono, eccidi endemici fra i cittadini:
   ah, che a una tale città, non piaccia un despota mai!

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. Un miracolo, m’imbatto per caso in questi versi, li comincio a leggere, mi fermo, ho sentito una musica, ricomincio ad alta voce, e si formano spontaneamente – in italiano! – esametri e pentametri, si alternano, un distico elegiaco che scivola via con estrema naturalezza, come se fosse nato per la lingua di Dante. Un vero gioiello! Grazie…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La circolarità del tempo in Eos di Bruno di Pietro

di Daniele Ventre Un immagine degna del Virgilio delle Georgiche, evocatore dell’ossessivo canto delle cicale, apre il quadro meridiano di...

Ovidio – Metamorfosi – Libro I

traduzione isometra di Daniele Ventre LIBRO I L’animo spinge a narrare di forme che in corpi diversi mutano; questa mia impresa,...

Esiodo – Erga – Le età dell’uomo (vv. 109-201)

trad. di Daniele Ventre Aurea prima una stirpe di uomini nati a morire fecero i numi immortali che hanno dimore in...

“L’Arbulu nostru” di Giuseppe Cinà

di Daniele Ventre
L’àrbulu nostru (La Vita Felice ed., gennaio 2022) non è la prima prova poetica di Giuseppe Cinà, che per i tipi di Manni aveva dato alla luce,...

Circolarità senza ritorno ne “Le meduse di Dohrn” di Carmine de Falco

di Daniele Ventre
"Le Meduse di Dohrn è un'opera interamente Covid-free, che si è stratificata negli anni ed è frutto di innumerevoli incontri...". Esordire, nella recensione e nell'analisi di un'opera...

Corporum primorum fragmenta – Rewriting dal Canzoniere di Stranamore

di Daniele Ventre
(-2013 -con un contributo di F. P.) ...corpora prima, quod ex illis sunt omnia primis... LUCREZIO 1. Voi che sentite nel boato il suono degli isotopi fissili nel 'core'* della centrale fuso...
daniele ventre
daniele ventre
Daniele Ventre (Napoli, 19 maggio 1974) insegna lingue classiche nei licei ed è autore di una traduzione isometra dell'Iliade, pubblicata nel 2010 per i tipi della casa editrice Mesogea (Messina).
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: