M’ ICI DIALE

6 dicembre 2011
Pubblicato da

di http://www.ilmale.net

Elenco immobili Ici-esenti a Roma e Milano
1. AEDES PLACIDA
via Como 45 ang. via Pavia,23
00161 Roma (RM)
2. AL CASALETTO – CASA PER FERIE
ANCELLE DELLA CARITÀ
Via del Casaletto, 538
00151 Roma (RM)
3. ALBERGO ”GIUSTI”
Istituto Suore di S.Anna della Provvidenza
Via Giusti, 5
00185 Roma (RM)
4. ALBERGO NOVA DOMUS
Via Girolamo Savonarola, 38
00195 Roma (RM)
5. ANCELLE DI MARIA IMMACOLATA
Via Gualtiero Castellini, 29
00168 Roma (RM)
6. ASSOCIAZIONE
CATTOLICA INTERNAZIONALE
AL SERVIZIO DELLA GIOVANE – ACISJF
Via Urbana, 158
00184 Roma (RM)
7. ASSOCIAZIONE FARNESE
Via del Mascherone, 59
00186 Roma (RM)
8. CASA ACCOGLIENZA DON ORIONE
Via della Camilluccia, 120
00135 Roma (RM)
9. CASA ACCOGLIENZA
ISTITUTO PICCOLE ANCELLE
DI CRISTO RE
Via Aurelia, 325
00165 Roma (RM)
10. CASA ADELE
Via Biagio Pallai, 4
00151 Roma (RM)
11. CASA BEATA
MARIA MARGHERITA CAIANI
Via Fabio Massimo, 26
00192 Roma (RM)
12. CASA BETANIA
Via Portuense, 741
00148 Roma (RM)
13. CASA BONUS PASTOR
VICARIATO DI ROMA
Via Aurelia, 208
00165 Roma (RM)
14. CASA BUON PASTORE
VILLA DUE LEONI
Via Siculiana, 4
00133 Roma (RM)
15. CASA CATERINA VOLPICELLI
Via XX Settembre, 68/B
00187 Roma (RM)
16. CASA D’ACCOGLIENZA
TRINITA’ DEI MONTI
P.za Trinità dei Monti, 3
00187 Roma (RM)
17. CASA DEL PELLEGRINO DEL
SANTUARIO MADONNA
DEL DIVINO AMORE
Loc. Castel di Leva – Via Ardeatina, Km 12
00134 Roma (RM)
18. CASA DELFINA
Via Tommaso Salvini, 10
00197 Roma (RM)
19. CASA DELLA GIOVANE
Annibale di Francia Circ. Appia, 142
00179 Roma (RM)
20. CASA DELL’AVIATORE
V.le dell’Università, 20
00185 Roma (RM)
21. CASA DELL’AVIATORE
dipendenza Via Lazzaro Spallanzani, 42
00161 Roma (RM)
22. CASA DI ACCOGLIENZA
Borgo Santo Spirito, 41
00193 Roma (RM)
23. CASA DI ACCOGLIENZA
BETANIA MARIANA
V.le Jonio, 10
00141 Roma (RM)
24. CASA DI ACCOGLIENZA DELLE
RELIGIOSE DEI SACRI CUORI
DI GESÙ E MARIA
Via Tuscolana, 327
00181 Roma (RM)
25. CASA DI ACCOGLIENZA E
SPIRITUALITÀ ENRICO DE OSSÓ
Via Valcannuta, 134
00166 Roma (RM)
26. CASA DI ACCOGLIENZA PER
STUDENTESSE DELLE RELIGIOSE
DI GESÙ E MARIA
Via Nomentana, 325
00162 Roma (RM)
27. CASA DI ACCOGLIENZA
SUORE FIGLIE DI CRISTO RE
Via della Pisana, 332
00163 Roma (RM)
28. CASA DI ACCOGLIENZA TABOR
Via Paolo III, 9
00165 Roma (RM)
29. CASA DI ESERCIZI SS. GIOVANNI E
PAOLO PER IL CLERO E RELIGIOSI
P.za Ss.Giovanni e Paolo, 13
00184 Roma (RM)
30. CASA DI NAZARETH
Via Vicenza, 33
00185 Roma (RM)
31. CASA DI NAZARETH (LA)
Via Martino V, 25
00167 Roma (RM)
32. CASA DI PROCURA
DELL’ORDINE
TEUTONICO
Via Nomentana, 421
00162 Roma (RM)
33. CASA DI S.TA BRIGIDA
P.za Farnese, 96
00186 Roma (RM)
34. CASA DI S.TA BRIGIDA
Via delle Isole, 34
00198 Roma (RM)
35. CASA DI SPIRITUALITÀ S.TA
RAFFAELLA MARIA
Via XX Settembre, 65/B
00187 Roma (RM)
36. CASA DIVINA PROVVIDENZA
Via Matteo Bartoli, 255
00143 Roma (RM)
37. CASA DON DOMENICO LEONATI
Via Fabiola, 65
00152 Roma (RM)
38. CASA DOMITILLA
Via delle Sette Chiese, 280
00147 Roma (RM)
39. CASA FAMIGLIA SUORE BENEDETTINE
DI CARITÀ
Via di Torre Argentina, 76
00186 Roma (RM)
40. CASA FIGLIE DI S. GIUSEPPE
Via degli Estensi, 133
00164 Roma (RM)
41. CASA GIUSEPPE ALLAMANO
Via Piero Foscari, 52
00139 Roma (RM)
42. CASA IL ROSARIO
Via Sant’Agata dei Goti, 10
00184 Roma (RM)
43. CASA IMMACOLATA
SUORE IMMACOLATINE
Via Quintiliano, 4
00136 Roma (RM)
44. CASA LA SALLE
Via Aurelia, 476
00165 Roma (RM)
45. CASA LOPEZ VICUNA
Via Palestro, 23
00185 Roma (RM)
46. CASA MADRE DELLA DIVINA
PROVVIDENZA
Via del Forte Braschi, 75
00167 Roma (RM)
47. CASAMADRE E REGINA DEL CARMELO
Via del Prato, 35
00172 Roma (RM)
48. CASA MADRE TERESA
Via del Casaletto, 128
00151 Roma (RM)
49. CASA MARCELLO SPINOLA
Via Ticino, 3
00198 Roma (RM)
50. CASA MARIA AUSILIATRICE
Via Tito Livio, 24
00136 Roma (RM)
51. CASA MARIA IMMACOLATA
Via Ezio, 28
00192 Roma (RM)
52. CASA MARIA SS. ASSUNTA
Via Pineta Sacchetti, 261
00168 Roma (RM)
53. CASA MATER CARMELI
Via Ludovico di Savoia, 27
00185 Roma (RM)
54. CASA MATER ECCLESIAE
Via Pineta Sacchetti, 502
00168 Roma (RM)
55. CASA MATER IMMACULATA
Via Monte del Gallo, 38
00165 Roma (RM)
56. CASA MONSIGNOR AURELIO
BACCIARINI
Via Bernardino Telesio, 4/B
00195 Roma (RM)
57. CASA MONTEMARIO
RESIDENZA CALASANZIANA
Via degli Scolopi, 31
00136 Roma (RM)
58. CASA MYSTERIUM CHRISTI
Via Merulana, 174
00185 Roma (RM)
59. CASA NOSTRA SIGNORA
DELL’ATONEMENT
Via Monte del Gallo, 105
00165 Roma (RM)
60. CASA NOSTRA SIGNORA DI FATIMA
Via del Gianicolo, 4/A
00165 Roma (RM)
61. CASA NOSTRA SIGNORA MADRE
DELLA MISERICORDIA
Via Montecucco, 25
00148 Roma (RM)
62. CASA PADRI VOCAZIONISTI
Via Cortina d’Ampezzo, 140
00135 Roma (RM)
63. CASA PAOLO VI
V.le Vaticano, 92
00165 Roma (RM)
64. CASA PAPA GIOVANNI XXIII
ISTITUTO DELLE SUORE
FRANCESCANE ANGELINE
Via Villa Troili, 26
00163 Roma (RM)
65. CASA PER FERIE “MARGHERITA TERESA”
Via Aci Catena, 4
00133 Roma (RM)
66. CASA PER FERIE “CASA RAVASCO”
Via Pio VIII, 28
00165 Roma (RM)
67. CASA PER FERIE
ANCELLE DEL SANTUARIO
Via David Salinieri, 5
00154 Roma (RM)
68. CASA PER FERIE AUXILIUM
CHRISTIANORUM
Via Giuseppe Missori, 19
00165 Roma (RM)
69. CASA PER FERIE DOMUS URBIS
Opera Don Guanella Via della Bufalotta, 550
00139 Roma (RM)
70. CASA PER FERIE IL ROMITELLO
Via Vincenzo Viara De Ricci, 24
00168 Roma (RM)
71. CASA PER FERIE MADRE SERAFINA
Via Monte Fumaiolo, 29
00139 Roma (RM)
72. CASA PER FERIE MARIA SS. ASSUNTA
Via Casilina, 235
00175 Roma (RM)
73. CASA PER FERIE S. ELISABETTA
Via dell’Olmata, 9
00184 Roma (RM)
74. CASA PER FERIE S. JUAN DE RIBEIRA
Via Aurelia, 337
00165 Roma (RM)
75. CASA PER FERIE S. RITA
Via Nomentana, 514
00141 Roma (RM)
76. CASA PER FERIE S.TA MARIA ALLE FORNACI
P.za Santa Maria alle Fornaci, 27/31
00165 Roma (RM)
77. CASA PER FERIE S.TA RITA
P.za Madre Maria Teresa Spinelli
00141 Roma (RM)
78. CASA PER FERIE SACRO CUORE -
SUORE PALLOTTINE
Via di Porta Maggiore,34
00185 Roma (RM)
79. CASA PER FERIE
SANTA EMILIA DE VIALAR
Suore di San Giuseppe dell’Apparizione
Via Paolo III, 16
00165 Roma (RM)
80. CASA PER FERIE SEVERINO FABRIANI
Via Don Carlo Gnocchi, 70
00166 Roma (RM)
81. CASA PER FERIE VILLA BENEDETTA
SUORE BENEDETTINE DELLA PROVVIDENZA
Via della Moletta, 10
00154 Roma (RM)
82. CASA PER FERIE
”VILLA MARIA ROSA MOLAS”
Suore di Nostra Signora della Consolazione
Via Cervino, 6
00141 Roma (RM)
83. CASA PIA ADORAZIONE DEL SACRO CUORE
Via Pineta Sacchetti, 231
00168 Roma (RM)
84. CASA POLACCA GIOVANNI PAOLO II
Via Cassia, 1200
00189 Roma (RM)
85. CASA PRESENTAZIONE
Via S. Agatone Papa, 16
00165 Roma (RM)
86. CASA REGINA ANGELORUM
Via S. Giovanni della Croce, 33
00166 Roma (RM)
87. CASA REGINA PACIS
Via di Bravetta, 267
00164 Roma (RM)
88. CASA S. BERNARDO
Via Laurentina, 289
00142 Roma (RM)
89. CASA S. BERNARDO 2
Via Laurentina, 289
00142 Roma (RM)
90. CASA S. CARLO
Via del Corso, 437
00186 Roma (RM)
91. CASA S. GIUSEPPE
Via Iberia, 21 angolo Via Urbisaglia, 10
00183 Roma (RM)
92. CASA S. PIETRO D’ALCANTARA
Via al Quarto Miglio, 117
00178 Roma (RM)
93. CASA S. ROSARIO
T. Salvini, 2G Parioli
00197 Roma (RM)
94. CASA S. SISTO
SUORE DOMENICANE
Via Druso, 2
00184 Roma (RM)
95. CASA S. SOFIA
Piazza Madonna dei Monti, 3
00184 Roma (RM)
96. CASA S.TA MARIA
Via Appia Nuova, 1009
00178 Roma (RM)
97. CASA S.TA MARIA DEGLI ANGELI
Via della Storta, 783
00123 Roma (RM)
98. CASA S.TO SPIRITO
SUORE MISSIONARIE BENEDETTINE DI
TUTZING
Via dei Bevilacqua, 60
00163 Roma (RM)
99. CASA SACRA FAMIGLIA
per turismo religioso, sociale e culturale V.le
della Primavera, 41
00172 Roma (RM)
100. CASA SACRO COSTATO
Via Alberto Vaccari, 9
00135 Roma (RM)
101. CASA SACRO CUORE
Via Tommaso Zigliara, 19
00168 Roma (RM)
102. CASA SAN BENEDETTO MENNI
Via Morgagni, 41
00161 Roma (RM)
103. CASA SAN GABRIELE
Via Trionfale, 12840
00135 Roma (RM)
104. CASA SAN VINCENZO PALLOTTI
Via di Porta Maggiore, 34
00185 Roma (RM)
105. CASA SANTA FRANCESCA ROMANA
A PONTE ROTTO – PALAZZO DEI PONZIANI
Via dei Vascellari, 61
00153 Roma (RM)
106. CASA SANT’AGATA
Via Sant’Agata dei Goti, 24
00184 Roma (RM)
107. CASA SANT’ANNA
Via Bari, 15
00161 Roma (RM)
108. CASA SANT’ORSOLA
DELLE SUORE ORSOLINE
Via del Casaletto, 541
00151 Roma (RM)
109. CASA SS. ANGELI CUSTODI
Via Palmaria, 10
00141 Roma (RM)
110. CASA VACANZA RAINBOW HOUSE
Raffaele Balestra, 44
00152 Roma (RM)
111. CASA VERSIGLIA
CASA SALESIANA PER FERIE
Viale Mazzini, 15
00045 Genzano di Roma (RM)
112. CASALE BOCCALEONE
Via Collatina Vecchia, 127
00155 Roma (RM)
113. CATTEDRALE S. CUORE DI GESÙ E MARIA
Via del Cenacolo, 43 – Loc. La Storta
Roma (RM)
114. CENTRO ACCOGLIENZA “P.G. MINOZZI”
Via dei Gigli d’Oro, 15
00186 Roma (RM)
115. CENTRO CULTURALE INTERNAZIONALE
GIOVANNI XXIII
Via del Conservatorio, 1
00186 Roma (RM)
116. CENTRO DI ACCOGLIENZA S. DOMENICO
Congr. Suore Domenicane del SS.
Sacramento Via degli Appennini, 37
00198 Roma (RM)
117. CENTRO DI DIFFUSIONE E DI SPIRITUALITÀ
Via dei Riari, 44
00165 Roma (RM)
118. CENTRO DI SPIRITUALITÀ
MARIA DE MATTIAS
Via G. Baccelli, 88
00030 San Vito Romano (RM)
119. CENTRO DI SPIRITUALITÀ NOSTRA
SIGNORA DEL SACRO CUORE
Loc. La Storta – Via Cassia, 1826
00123 Roma (RM)
120. CENTRO DI SPIRITUALITÀ S.TA BRIGIDA
Via Cassia, 2040
00123 Roma (RM)
121. CENTRO GIOVANILE S. BENEDETTO
Via del Gazometro, 23
00154 Roma (RM)
122. CENTRO MISSIONARIO MARIANO
CRISTO REDENTORE
Via Galatea, 122 – La Rustica
00155 Roma (RM)
123. CENTRO RELIGIOSO BOEMO VELEHRAD
Via delle Fornaci, 200
00165 Roma (RM)
124. CENTRO TRA NOI
Via Machiavelli, 25
00185 Roma (RM)
125. CENTRO UNIVERSITARIO MARIANUM
Via M. Boiardo, 30
00185 Roma (RM)
126. CENTRO UNIVERSITARIO REGINA MUNDI
P.le Aldo Moro, 9
00185 Roma (RM)
127. CLARETIANUM
L.go Lorenzo Mossa, 4
00165 Roma (RM)
128. COLLEGIO CELIMONTANO
Fondazione Rui Via Palestro, 7
00185 Roma (RM)
129. COLLEGIO FRANCESCANO DI S.
FRANCESCO A RIPA
P.za San Francesco d’Assisi, 88
00153 Roma (RM)
130. COLLEGIO INTERNAZIONALE
DI TERRA SANTA
Via di Boccea, 590
00166 Roma (RM)
131. COLLEGIO KER MARIA
Via E. Tanzi, 67
00135 Roma (RM)
132. COLLEGIO PORTANEVIA
Fondazione Rui Via Laurentina, 86/q
00142 Roma (RM)
133. COLLEGIO S. CRISOGONO MARTIRE
P.za Sonnino, 44
00153 Roma (RM)
134. COLLEGIO S. DAMIANO
Via Villa Maggiorani, 16
00168 Roma (RM)
135. COLLEGIO S. LUCA
L.go Francesco Vito, 1
00168 Roma (RM)
136. COLLEGIO SACRA FAMIGLIA – SUORE
COLLEGINE DELLA SACRA FAMIGLIA
Via Achille Mauri, 14
00135 Roma (RM)
137. COLLEGIO SCOZZESE
Via Cassia, 481
00189 Roma (RM)
138. COLLEGIO UNIVERSITARIO
VILLA DELLE PALME
Fondazione Rui Lungotevere delle Armi,
12/13
00195 Roma (RM)
139. COMPAGNIA DI MARIA NOSTRA
SIGNORA
Via Nomentana, 333
00162 Roma (RM)
140. COMUNITÀ DELL’ASCOLTO – VILLAVERJUS
Via Dronero, 9
00166 Roma (RM)
141. CONCEZIONISTE MISSIONARIE
Via Nino Bixio, 75
00185 Roma (RM)
142. CONVENTO FRATIMINORI CAPPUCCINI
P.za San Francesco, 2
00045 Genzano di Roma (RM)
143. CONVENTO SANT’AGOSTINO
Seminario Agostiniano
00032 Carpineto Romano (RM)
144. CONVITTO ECCLESIASTICO
INTERNAZIONALE CASA S. CARLO
Via del Corso, 437
00186 Roma (RM)
145. CONVITTO PIO IX
Via San Giovanni in Laterano, 73
00184 Roma (RM)
146. DOMUS AURELIA
Via Aurelia, 218
00165 Roma (RM)
147. DOMUS AVENTINA
Via di Santa Prisca, 11
00153 Roma (RM)
148. DOMUS CARMELITANA
Via Alberico II, 44
00193 Roma (RM)
149. DOMUS INTERNATIONALIS PAULUS VI
Via della Scrofa, 70
00186 Roma (RM)
150. DOMUS MARIAE
Via Aurelia, 481
00165 Roma (RM)
151. DOMUS NOVA BETHLEM
Via Cavour, 85/A
00184 Roma (RM)
152. DOMUS NOVA BETHLEM
Via Cavour, 85/A
00184 Roma (RM)
153. DOMUS ROMANA SACERDOTALIS
FONDAZIONE VATICANA
Via della Traspontina, 18
00193 Roma (RM)
154. DOMUS SESSORIANA
P.za di S. Croce in Gerusalemme, 10
00185 Roma (RM)
155. DOMUS VITELLIA
Via Vitellia, 95
00152 Roma (RM)
156. ELISABETTA VENDRAMINI
Via della Pineta Sacchetti, 145
00167 Roma (RM)
157. EREMO DOMENICANE DI S.TA ROSA
DA LIMA
Via del Pescaccio, 101
00166 Roma (RM)
158. EUGENIA RAVASCO
P.za Galeno, 6
00162 Roma (RM)
159. EUGENIA RAVASCO
P.za Stazione di San Pietro, 37
00165 Roma (RM)
160. FAMILY HOUSE
Via Bixio, 72
00185 Roma (RM)
161. FIGLIE DELLA CROCE
Via dell’Arancio, 68
00186 Roma (RM)
162. FIGLIE DI CRISTO RE
Via Anicio Paolino, 64
00178 Roma (RM)
163. FONDAZIONE DI SANTO STEFANO
D’UNGHERIA – CASA PER FERIE
Via del Casaletto, 481
00151 Roma (RM)
164. FONDAZIONE GIOVANNI XXIII
Via di Torre Rossa, 68
00165 Roma (RM)
165. FOYER PHAT DIEM
Via Pineta Sacchetti, 45
00167 Roma (RM)
166. FRATERNA DOMUS
Vic. del Leonetto, 16
00186 Roma (RM)
167. FRATERNITA’ SAN CARLO BORROMEO
Via Boccea, 761
00166 Roma (RM)
168. HOTEL C.A.RI.S.MA.
Centro Accoglienza Ricreativo Stella Maris
V.le Marconi, 700
00146 Roma (RM)
169. HOTEL CASA TRA NOI
Via Monte del Gallo, 113
00165 Roma (RM)
170. HOTEL DOMUS PACIS
Via di Torre Rossa, 94
00165 Roma (RM)
171. HOTEL PONTE SISTO
Via dei Pettinari, 64
00186 Roma (RM)
172. HOTEL S.TA PRISCA
L.go M. Gelsomini, 25
00153 Roma (RM)
173. HOTEL VILLA ROSA
Via Giovanni Prati, 1
00152 Roma (RM)
174. I GIGLI DELLA MONTAGNA
CASA PER FERIE SANT’ORSOLA
Via Monte Senario, 83
00141 Roma (RM)
175. ISTITUTO BAMBIN GESÙ
Via Urbana, 1
00184 Roma (RM)
176. ISTITUTO CARDINALE G. GUARINO
Via degli Urali, 30
00144 Roma (RM)
177. ISTITUTO CAVANIS
Via Casilina, 600
00177 Roma (RM)
178. ISTITUTO DELL’ASSUNZIONE
V.le Romania, 32
00196 Roma (RM)
179. ISTITUTO DELLE SUORE CARMELITANE
Via Trionfale, 6157
00135 Roma (RM)
180. ISTITUTO DON CALABRIA
Via Giambattista Soria, 13
00168 Roma (RM)
181. ISTITUTO ECCLESIASTICO MARIA
IMMACOLATA
Via del Mascherone, 55
00186 Roma (RM)
182. ISTITUTO FIGLIE DI MARIA
MISSIONARIE
Via Giovanni Battista Canobi, 18
00151 Roma (RM)
183. ISTITUTO FIGLIE DI NOSTRA
SIGNORA DEL SACRO CUORE
Via Cassia, 1826
Loc. La Storta
Roma (RM)
184. ISTITUTO IMMACOLATA
CONCEZIONE DI N.S. DI LOURDES
Via Domenico Tardini, 40
00167 Roma (RM)
185. ISTITUTO LEGA – SUORE DELLA
SACRA FAMIGLIA
Via Cimone, 19
00141 Roma (RM)
186. ISTITUTO MADRE MARIA ZILERI -
ORSOLINE MISSIONARIE DEL SACRO CUORE
Via Nomentana, 309
00162 Roma (RM)
187. ISTITUTO MARCHESA TERESA GERINI
Via Tiburtina, 994
00156 Roma (RM)
188. ISTITUTO MARIA CONSOLATRICE
Via degli Etruschi, 13
00185 Roma (RM)
189. ISTITUTO MATER DOLOROSA
Via Alessandro Torlonia, 14
00161 Roma (RM)
190. ISTITUTO MATER ECCLESIAE
Salita Monte del Gallo, 27
00165 Roma (RM)
191. ISTITUTO NOSTRA SIGNORA DELLA COMPASSIONE
Via Orti di Galba, 13
00152 Roma (RM)
192. ISTITUTO NOSTRA SIGNORA DI LOURDES
Via Sistina, 113
00187 Roma (RM)
193. ISTITUTO PUREZZA DI MARIA SANTISSIMA
V.le Parioli, 49/51
00197 Roma (RM)
194. ISTITUTO RELIGIOSE ORSOLINE U.R.
CASA PER FERIE
Via Nomentana, 34
00161 Roma (RM)
195. ISTITUTO S. GIOVANNI BOSCO
V.le dei Salesiani, 9
00175 Roma (RM)
196. ISTITUTO S. GIUSEPPE
Via L. Luzzati, 11
00185 Roma (RM)
197. ISTITUTO S. GIUSEPPE DELLA MONTAGNA
V.le Vaticano, 88
00165 Roma (RM)
198. ISTITUTO S. GIUSEPPE DI CLUNY
Via Angelo Poliziano, 38
00184 Roma (RM)
199. ISTITUTO S. TOMMASO DI
VILLANOVA
V.le Romania, 7
00196 Roma (RM)
200. ISTITUTO S.TA CATERINA DA SIENA
P.le Numa Pompilio, 45
00184 Roma (RM)
201. ISTITUTO S.TA DOROTEA
Salita Sant’Onofrio, 38
00165 Roma (RM)
202. ISTITUTO S.TA GIULIANA FALCONIERI
Via S. Giuseppe Calasanzio, 1
00186 Roma (RM)
203. ISTITUTO S.TE RUFINA E SECONDA
Via della Lungaretta, 92
00153 Roma (RM)
204. ISTITUTO SACRA FAMIGLIA
DI URGELL
Via Dandolo, 25
00153 Roma (RM)
205. ISTITUTO SACRO CUORE
Via Valtellina, 97
00151 Roma (RM)
206. ISTITUTO SALESIANO S. LUIGI
VERSIGLIA
V.le Mazzini, 15
00045 Genzano di Roma (RM)
207. ISTITUTO SAN GAETANO – CASA PER
FERIE – ROMA
Viale di Trastevere, 251
00153 Roma (RM)
208. ISTITUTO SANT’ORSOLA DI SAN
CARLO A SANT’AMBROGIO
Via Livorno, 50
00162 Roma (RM)
209. ISTITUTO SIORE DELLE POVERELLE
Via Baccaria, 5 – Loc. La Storta
Roma (RM)
210. ISTITUTO SUORE ADORATRICI
Via Alessandro Torlonia, 6
00161 Roma (RM)
211. ISTITUTO SUORE BUON SALVATORE
Via Leopardi, 17
00185 Roma (RM)
212. ISTITUTO SUORE CARMELITANE TERESIANE
Via Tasso, 157
00185 Roma (RM)
213. ISTITUTO SUORE DI
S. GIUSEPPE DI CHAMBERY
Via del Casaletto, 260
00151 Roma (RM)
214. ISTITUTO SUORE OSPEDALIERE DI
S. PAOLO DI CHARTES
P.za Sessa Aurunca, 9
00177 Roma (RM)
215. LA NOSTRA FAMIGLIA
Via Brenta, 14
00198 Roma (RM)
216. MADONNA CENACOLO
Via Vincenzo Ambrosio, 9
Roma (RM)
217. MADRE MARIA EUGENIA
V.le Romania, 32
00197 Roma (RM)
218. MAESTRE PIE FILIPPINI
L.go Santa Lucia Filippini, 20
00186 Roma (RM)
219. MATER MUNDI
Via Lorenzo Rocci, 64
00151 Roma (RM)
220. MERCEDARIE DELLA CARITÀ
Via Iberia, 8
00183 Roma (RM)
221. MISSIONARIE DELL’IMMACOLATA
Via dei Quattro Cantoni, 36
00184 Roma (RM)
222. MONASTERO DI
S. BERNARDO ALLE TERME
Via Torino, 94
00184 Roma (RM)
223. MONASTERO DI
S. PAOLO FUORI LE MURA
Via Ostiense, 186
00146 Roma (RM)
224. MONASTERO DI S.TA MARIA DEI
SETTE DOLORI
Via Garibaldi, 27
00153 Roma (RM)
225. MONASTERO DI S.TA SUSANNA
Via XX Settembre, 14
00187 Roma (RM)
226. MONASTERO RUSSO USPENSKIJ
Via della Pisana, 342
00163 Roma (RM)
227. MONASTERO SANTI VINCENZO E
ANASTASIO
Via Acque Salvie, 1
00142 Roma (RM)
228. NUOVO JOANNEUM
L.go Francesco Vito, 1
00168 Roma (RM)
229. OASI FRANCESCANA
Via Forte Trionfale, 2
00135 Roma (RM)
230. OASI FRANCESCANA
Tiburtina km 47,200
loc. San Cosimato
00029 Roma (RM)
231. OASI SAN GIUSEPPE
Via del Fontanile Arenato, 277
00163 Roma (RM)
232. OBLATE DI S.TA FRANCESCA ROMANA
DEL MONASTERO DI TOR DE’ SPECCHI
Via del Teatro Marcello, 32
00186 Roma (RM)
233. OPERA S. PIO X
Via degli Etruschi, 36
00185 Roma (RM)
234. OSPITALITA’ PAOLINA VILLA BASSI
Via Giacinto Carini, 24
00152 Roma (RM)
235. OSTELLO (TESSERA AIG)
Viale delle Olimpiadi, 61, Foro Italico
Roma (RM)
236. OSTELLO MARELLO
Via Urbana, 50
00184 Roma (RM)
237. PARVA DOMUS MARIAE
Via di Valle Alessandra, 35
00133 Roma (RM)
238. PENSIONATO S. PAOLO
V.le F. Baldelli, 41
00146 Roma (RM)
239. PENSIONE ANCELLE DELL’AMORE
MISERICORDIOSO
Via Casilina, 323
00176 Roma (RM)
240. PIE OPERAIE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE
FRANCESCO ANTONIO MARCUCCI
Via dei Sabelli, 177
00185 Roma (RM)
241. PONTIFICIO ATENEO SALESIANO
P.za dell’Ateneo Salesiano
00139 Roma (RM)
242. PROCURA GENERALE- SUORE MISSIONARIE
PALLOTTINE
Casa Per Ferie V.le delle Mura Aurelie, 7/B
San Pietro
00165 Roma (RM)
243. QUO VADIS
Via Luigi Capucci, 4
00147 Roma (RM)
244. RELIGIOSE DI MARIA IMMACOLATA
Via Cassia, 585
00189 Roma (RM)
245. RESIDENZA DI OSPITALITÀ PROTETTA
AGOSTINO GEMELLI
L.go A. Gemelli, 8
00168 Roma (RM)
246. RESIDENZA MADRI PIE ROMA
Via Alcide de Gasperi, 4 (Cavalleggeri)
A 150 metri dal colonnato di sinistra di
P.zza San Pietro
00165 Roma (RM)
247. RESIDENZA SANITARIA DI OSPITALITA’
PROTETTA
L.go Francesco Vito, 1
00167 Roma (RM)
248. RESIDENZA UNIVERSITARIA
INTERNAZIONALE (RUI)
Fondazione Rui Via Sierra Nevada, 10
00144 Roma (RM)
249. SALESIANUM BEATO MICHELE RUA
Via della Pisana, 1111
00163 Roma (RM)
250. SANTA CHIARA
Via della Cava Aurelia, 17
00165 Roma (RM)
251. SANTA LUCIA FILIPPINI
Via delle Botteghe Oscure, 42
00186 Roma (RM)
252. SANTA MARIA
Via di Villa Ricotti, 2/4
00161 Roma (RM)
253. SANTUARIO N.S. DI FATIMA
Via Ponte Terra, 8
00010 San Vittorino Romano (RM)
254. SEMINARIO INTERNAZIONALE
GIOVANNI PAOLO II
Via Monte della Farina, 64
00186 Roma (RM)
255. ST. ROSE’S VILLA ROSA
Via delle Terme Deciane, 5
00153 Roma (RM)
256. SUORE DEI POVERI DI
S. VINCENZO DE’ PAOLI
Via Carlo Emanuele I, 14
00185 Roma (RM)
257. SUORE DEL PREZIOSISSIMO SANGUE
Santa Maria Mediatrice, 8
00165 Roma (RM)
258. SUORE DEL SACRO CUORE DEL VERBO
INCARNATO
Via G.A. Guattani, 7
00161 Roma (RM)
259. SUORE DELLA RIPARAZIONE
Via Aurelia, 481
00165 Roma (RM)
260. SUORE DELLA S.TA FAMIGLIA DI VILLEFRANCHE
L.go Arrigo VII, 2
00153 Roma (RM)
261. SUORE DELLA SACRA FAMIGLIA -
ISTITUTO LEGA
Via Cimone, 19
00141 Roma (RM)
262. SUORE DELLO SPIRITO SANTO
Via della Pineta Sacchetti, 227
00168 Roma (RM)
263. SUORE DI CARITA’ DELL’IMMACOLATA
CONCEZIONE D’IVREA
Via della Lungaretta, 92
00153 Roma (RM)
264. SUORE DI CARITÀ DI N.S. DEL BUONO
E PERPETUO SOCCORSO
Via Merulana, 170
00185 Roma (RM)
265. SUORE DI MARIA SS. DELLA PURITÀ
Via S. Croce in Gerusalemme, 96
00185 Roma (RM)
266. SUORE DI NOSTRA SIGNORA
DEL BUON SOCCORSO
Via degli Artisti, 38
00187 Roma (RM)
267. SUORE DI NOSTRA SIGNORA
DEL RITIRO AL CENACOLO
P.za Madonna del Cenacolo, 15
00136 Roma (RM)
268. SUORE DI S. FILIPPO NERI
Via Monte Pertica, 23
00195 Roma (RM)
269. SUORE DI S. GIOVANNI BATTISTA
V.le Giulio Cesare, 108
00192 Roma (RM)
270. SUORE DI S.TA MARIA MADDALENA
POSTEL
Via di Porta Pertusa, 2
00165 Roma (RM)
271. SUORE DI SANTA BRIGIDA
Via Cassia, 2040 – Loc. La Storta
Roma (RM)
272. SUORE DOMENICANE
DELLA BEATA IMELDA
Via Trionfale, 8338
00135 Roma (RM)
273. SUORE FRANCESCANE
DELLA CROCE DEL LIBANO
Via Fratelli Bandiera, 19
00152 Roma (RM)
274. SUORE MARCELLINE
Via Dandolo, 59
00153 Roma (RM)
275. SUORE MERCEDARIE MISSIONARIE
DI BERRIZ
V.le Pola, 10
00198 Roma (RM)
276. SUORE OBLATE DI S. FRANCESCO SAVERIO
Via del Calice, 36
00178 Roma (RM)
277. SUORE ORSOLINE DI MARIA IMMACOLATA
Via Dandolo, 46
00153 Roma (RM)
278. SUORE PIE OPERAIE
Via di Torre Argentina, 76
00186 Roma (RM)
279. SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI
Via Guicciardini, 4
00184 Roma (RM)
280. SUORE SALESIANE OBLATE
DEL SACRO CUORE
Via Bonvesin de la Riva, 55
00137 Roma (RM)
281. SUORE TERZIARIE FRANCESCANE
DELLA MADRE DEL DIVIN PASTORE
Via Pio VIII, 16
00165 Roma (RM)
282. TEATRO ORIONE
Via Tortona, 7
00183 Roma (RM)
283. VILLA ANGELI
Via P. Bentivoglio, 12
00165 Roma (RM)
284. VILLA ANNUNZIATA
Via di Villa Maggiorani, 9
00168 Roma (RM)
285. VILLA AURELIA
Via Leone XIII, 459
00165 Roma (RM)
286. VILLA AURELIA
Via del Casale di San Pio V, 20
00165 Roma (RM)
287. VILLA EUR PARCO DEI PINI
P.le Marcellino Champagnat, 2
00144 Roma (RM)
288. VILLA FATIMA – SUORE OBLATE DEL
SANTISSIMO REDENTORE
Via P. Bentivoglio, 1
00165 Roma (RM)
289. VILLA LANTE
Via San Francesco di Sales, 18
00165 Roma (RM)
290. VILLA LETIZIA
Via Diomede Marvasi, 30
00165 Roma (RM)
291. VILLA LITUANIA
P.za Asti, 25
00182 Roma (RM)
292. VILLA MARIA
L.go Giovanni Berchet, 4
Monteverde vecchio
00152 Roma (RM)
293. VILLA MARIA CRISTINA BRANDO
Via Cassia, 490
00189 Roma (RM)
294. VILLA MARIA INES
Missionarie Clarisse del Santissimo
Sacramento Via Cardinal Garampi, 17
00167 Roma (RM)
295. VILLA MARIA PIA
Via Aurelia, 564
00165 Roma (RM)
296. VILLA MARIA REGINA
Via della Camilluccia, 687
00135 Roma (RM)
297. VILLA MATER REDEMPTORIS
Via Francesco Tamagno, 38
00168 Roma (RM)
298. VILLA PRIMAVERA
Via della Stazione di Ottavia, 86/88
00135 Roma (RM)
299. VILLA ROSARIO
Via Pietro d’Assisi, 15
00151 Roma (RM)
300. VILLA S. GIOVANNI BATTISTA
Via del Casale di S. Pio V, 1
00165 Roma (RM)
301. VILLA S. GIUSEPPE
Via Antonio Cerasi, 3
00152 Roma (RM)
302. VILLA S. ROMANO
Via Casale di Tor di Quinto, 11/13
00191 Roma (RM)
303. VILLA S. VINCENZO FERRERI
Via Maria Domenica Brun Barbantini, 151
00123 Roma (RM)
304. VILLA SERENA S.TA MARIA
Via della Pisana, 321
00163 Roma (RM)
305. VILLA XIMENES COLLEGIO
UNIVERSITARIO
Via Bartolomeo Eustachio, 2
00161 Roma (RM)
306. VILLAGGIO S. GIUSEPPE
Via Selva Candida, 671
00166 Roma (RM)
E A MILANO…
1. CASA DEL CLERO DOMUS MATER ECCLESIAE
2. CASA DEL CLERO SAN TOMMASO
3. CASA DEL GIOVANE DELL\’OPERA DON ORIONE
4. CASA IMMACOLATA CONCEZIONE
5. CENTRO GIOVANILE PAVONIANO
6. CENTRO PAOLO VI
7. CENTRO SALESIANO PAOLO VI
8. CENTRO UNIVERSITARIO – COLLEGIO
UNIVERSITARIO ARCIVESCOVILE
9. COLLEGIO LUDOVICIANUM
10. COLLEGIO SUORE STIMMATINE
11. COLLEGIO UNIVERSITARIO TORRESCALLA
12. COLLEGIO UNIVERSITARIO VISCONTEA
13. ISTITUTO CASATI
14. ISTITUTO GHISLANZONI
15. ISTITUTO LA CASA
16. ISTITUTO MARIANUM
17. ISTITUTO PREZIOSISSIMO SANGUE
18. ISTITUTO SACRO CUORE
19. ISTITUTO SAN GAETANO
20. MONASTERO SAN BENEDETTO
21. OSTELLO PER LA GIOVENTÙ ”PIERO ROTTA” – AIG
22. PATRONATO S. VINCENZO – CASA UNIVERSITARIA MASCHILE
23. PENSIONATO EGIDIO TREZZI DEL L’OPERA CARD. FERRARI
24. PENSIONATO FEMMINILE MADRE CABRINI
25. PENSIONATO FEMMINILE SAN PAOLO
26. PENSIONATO FIGLIE DI SANT’ANGELA MERICI
27. PENSIONATO MARIA IMMACOLATA
28. PENSIONATO MARIA SS. CONSOLATRICE
29. PENSIONATO ORSOLINE MISSIONARIE DEL SACRO CUORE
30. PENSIONATO PADRE SEMERIA
31. PENSIONATO SAN FILIPPO
32. PENSIONATO SANTA GIULIANA
33. PENSIONATO UNIVERSITARIO ACISJF
34. PENSIONATO UNIVERSITARIO BERTONI
35. PENSIONATO UNIVERSITARIO S. FRANCESCO
36. RESIDENZA ALTAI – FONDAZIONE RUI
37. RESIDENZA SANTA MARCELLINA
38. RESIDENZA UNIVERSITARIA ISTITUTO GONZAGA
39. RESIDENZA UNIVERSITARIA TORRIANA – FONDAZIONE RUI
40. SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO
41. SUORE IMMACOLATINE
42. SUORE ORSOLINE DELLA SACRA FAMIGLIA
DAL SITO DE “IL MALE”: http://www.ilmale.net/2011/12/ici-sulla-prima-chiesa-lelenco-degli-immobili-del-vaticano-deicizzati-a-roma-e-milano/#comment-78

Tag: , , , ,

30 Responses to M’ ICI DIALE

  1. Ares il 6 dicembre 2011 alle 17:10

    I miei rispetti.

  2. lorenzo galbiati il 6 dicembre 2011 alle 18:29

    Cosa ne ricaviamo da questo elenco?

    Nulla.

    Vauro propone di attaccare un adesivo sugli immobili deicizzati della Chiesa cattolica, se ho ben capito. Non so se quell’adesivo esiste in commercio o ognuno dovrebbe fabbricarselo da sé. Ma con quell’azione la denuncia non rimarrebbe fine a se stessa.

    Franco, tu proponi di agire in questo modo, per rendere noto ai praticanti cattolici meno attenti questa questione dell’ICI?
    Sarebbe già qualcosa se tu ti esponessi.
    Ancora di più se lo facesse tutta NI (risposta preventiva all’obiezione che NI è composita e ognuno risponde per sé: il fatto che abbiate opinioni diverse su molte cose non significa che non possiate ritrovarvi tutti uniti su certe battaglie, credo, a meno che lo spirito che vi tiene uniti non sappiate più neanche voi quale è: ma allora come potreste pubblicare Murene, fare feste con discussioni con temi molto ben orientati e non in contraddizione tra loro?).

    Forse, si potrebbe fare anche di più, come scrittori e intellettuali.
    Heinrich Boell se non ricordo male uscì dalla Chiesa tedesca anche per il suo rifiuto di non pagare la tassa per il culto. Ora questa tassa non c’è in Italia, ma è come se la pagassimo noi alla Chiesa che non paga l’ICI.
    Potreste chiedere agli scrittori e agli intellettuali cattolici di esporsi pubblicamente con uno scritto collettivo per dichiarare alle gerarchie ecclesiastiche in modo pubblico che non ritengono giusta l’esenzione ICI per gli immobili della Chiesa.
    Potreste farvi promotori di questa proposta, o di altre. Come scrittori, o come intellettuali, non aspettate che siano sempre i politici a risolvere le questioni. O il ruolo dell’intellettuale è solo quello di denunciare, criticare i politici senza assumersi alcun onere?
    Io credo gli oneri ce li abbiamo tutti, come cittadini, e chi ha più accesso ai media come scrittore o intellettuale ne ha di più. E per me questi oneri consistono non solo nello scrivere ma nell’agire: una scrittura che non comporti l’esporsi, più denuncia e più rimarca la sua autoimposta rinuncia a essere azione civile.

    Quindi da parte mia: lo sappiamo tutti che vi sono centinaia di immobili della Chiesa che non sono sottoposti all’ICI. E sappiamo che i politici non vogliono fare niente. Cosa possono fare gli scrittori e gli intellettuali in quanto tali? La prima risposta che mi viene è: quelli cattolici denunciare questo fatto come ingiusto davanti alla gerarchia ecclesiastica, quelli non cattolici stimolare i cattolici a farlo, o quanto meno sottoporre loro la questione per richiedere una presa di posizione.

  3. jacopo galimberti il 6 dicembre 2011 alle 18:56

    Se mi date gli adesivi li vado a mettere, ma non da solo…

    Qualche settimana fa stavo strappando un manifesto abusivo che gridava all’italia “senza dio” utilizzando l’immagine della statuetta della madonna spaccata dai manifestanti.
    E’ finita che mi sono fatto schiaffeggiare da ragazzotti di Casa Pound.

  4. michelemarinelli il 6 dicembre 2011 alle 23:07

    io non opterei per un semplice adesivo. propongo gigantografie. eventualmente da attaccare sulle fiancate della propria auto.

  5. sarmizegetusa il 7 dicembre 2011 alle 03:22

    @lorenzo se ne ricava, ad esempio, un commento come il tuo, contenente una bella proposta. :)

    @galimba ovverosia gli hai cristianamente risparmiato la tua furia :P strappare i fogli fascisti dai muri (anche se a volte si fa prima col “defacing”) è preciso dovere tuo e di tutti, quindi keep calm and carry on ^_^

  6. Daniele il 7 dicembre 2011 alle 10:59

    Veramente non è che tutto debba essere considerato esente e vi allego la sentenza della Cassazione… se poi alcuni Comuni non la fanno pagare non so però mi pare chiaro.
    Non pagano per gli alloggi che utilizzano e per le strutture destinate ad uso religioso per le altre va pagata.

    Leggete sotto.

    La Spezia, la Cassazione alle suore dell’Addolorata: l’ICI va pagata
    pubblicata da UAAR Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti il giorno domenica 6 dicembre 2009 alle ore 23.44
    Con sentenza n 24500/2009, la Corte di Cassazione ha respinto il ricorso presentato dalla Casa di Cura Congregazione delle Suore Infermiere dell’Addolorata (un ente morale di diritto pontificio dotato di personalità giuridica) contro la sentenza n. 33/02/04 della Commissione Tributaria Regionale della Liguria, che a sua volta aveva respinto l’appello presentato contro la decisione della Commissione Tributaria Provinciale di La Spezia, che a sua volta ancora aveva respinto il ricorso presentato contro l’avviso di accertamento delll’imposta comunale sugli immobili (ICI) relativa all’anno 1996. Il Comune di La Spezia aveva infatti rilevato la mancanza della denuncia e del versamento dell’ICI per tale periodo, “disponendo il pagamento di complessivi euro 38.237,49″. La pluriennale battaglia condotta dalle suore dell’Addolorata per non pagare l’ICI si è conclusa dunque con una nuova sconfitta. La suprema corte ha, in tale occasione, evidenziato che “la necessità, affermata dalla Corte Costituzionale, che, ai fini del riconoscimento dell’esenzione prevista dalla norma, le attività esercitate negli immobili “non siano produttive di lucro e di reddito” costituisce, quindi, secondo la stessa corte, imprescindibile condizione (anche logico giuridica) per la delimitazione della fattispecie legale della esenzione prevista”. Poiché negli immobili si svolgeva un’attività sanitaria, ha concluso la Corte, l’ICI dovuta va pagata.

  7. lorenzo galbiati il 7 dicembre 2011 alle 14:17

    Da Avvenire

    L’altro editoriale
    La vergogna dell’Ici
    C’ è un fantasma che s’aggira per l’Italia. Il fantasma dell’Ici «non pagata» dalla Chiesa cattolica sulle attività a fini di lucro che si svolgono all’ombra dei campanili. Il fanta­sma che sarebbe figlio di un’ingiusta esenzione di legge.

    I fantasmi non esistono, e questo in particola­re è una pura invenzione. Nessuna legge sta­bilisce un simile «privilegio». Le attività com­merciali svolte da enti e realtà riconducibili al­la Chiesa sono tenute a pagare l’Ici sugli im­mobili che le ospitano e tutte le altre imposte previste esattamente come ogni attività com­merciale. Gli immobili di proprietà di enti re­ligiosi dati in affitto sono assoggettati all’Ici e alle altre forme di tassazione come qualunque altro immobile dato in affitto. L’abbiamo scrit­to un’infinità di volte, e un’infinità di volte l’ab­biamo dimostrato con le nostre inchieste gior­nalistiche: citando la norma, illustrando casi, fornendo dati, pubblicando i bollettini dei pa­gamenti di presunti evasori indicati (con cla­more e nessuna verifica) su altri mass media… Un’infinità di volte abbiamo spiegato che se qualcuno cercasse di non pagare il dovuto su attività a fini di lucro riconducibili alla Chiesa, violerebbe la legge e meriterebbe di esser san­zionato: i Comuni hanno i mezzi per farlo. Un’infinità di volte abbiamo chiarito che le e­senzioni previste per le attività solidali e cultu­rali svolte senza l’obiettivo di guadagnarci ri­guardano non solo la Chiesa cattolica, ma o­gni altra religione che abbia intese con lo Sta­to italiano e ogni altra attività non profit di qua­lunque ispirazione, laica o religiosa.

    Chi dice il contrario mente sapendo di menti­re. E chi riaccende ciclicamente la campagna di mistificazione sull’«Ici non pagata» non lo fa per caso, ma perché intende creare confusio­ne e, nella confusione, colpire e sfregiare un doppio bersaglio: la Chiesa e l’intero mondo del non profit. Non sopportano l’idea che ci sia un «altro modo» di usare strumenti e beni. Vor­rebbero riuscire a tassare anche la solidarietà, facendo passare l’idea che sia un business, un losco affare, una vergogna. E vogliono farlo nel momento in cui la crisi fa più male ai poveri, ai deboli, agli emarginati, alle persone comun­que in difficoltà. Sono militanti del Partito ra­dicale e politicanti male ispirati e peggio in­tenzionati. Battono e ribattono sullo stesso fal­so tasto, convinti che così una menzogna di­venti verità. E purtroppo trovano anche eco. Ma una menzogna è solo una menzogna. È questa la «vergogna dell’Ici».

    Marco Tarquinio

    Mi chiedo a questo punto se non si stia dando una notizia molto superficiale, al limite della disinformazione. Anche io ci sono caduto dato che ne avevo letto e sentito da più parti. Ma spesso le campagne anticlericali fanno di tutta l’erba un fascio e stravolgono i dati di fatto per uno zelo ideologico propagandistico. Com’è quindi la realtà legislativa? Servirebbero informazioni dettagliate, non parzialmente vere. Il parzialmente vero è il falso peggiore.

  8. giuliomozzi il 7 dicembre 2011 alle 16:03

    Intanto un link diretto alla pagina del “Male” dove c’è la lista in formato più leggibile: qui.
    Mi pare proprio che una fonte non sia indicata. I dati arriveranno dall’amministrazione comunale, presumo.

    Secondo la legge 222 del 1985 sono esenti dall’Ici gli enti (tutti, non solo quelli ecclesiastici) i cui immobili sono “destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative o sportive, nonché delle attività di religione o di culto”.

    Quindi, per dire, anche il nuovo stadio della Juventus.

    Il nodo in realtà sta in quell’ “esclusivamente”, e nel modo di interpretarlo.
    Se in un ospedale c’è un bar – cioè un’attività commerciale – si può ancora sostenere che quell’ospedale è destinato “esclusivamente” ad attività sanitarie?
    Uno dice: sì, certo; l’attività esclusivamente sanitaria ha comunque bisogno di circondarsi di attività commerciali utili ai pazienti e ai familiari: un bar, un giornalaio, un internet point…
    Se un santuario ha annesso un albergo, si può ancora sostenere che quel santuario è destinato “esclusivamente” alle attività di religione e di culto?
    Un altro dice: sì, certo: l’attività è esclusivamente religiosa; ma se arrivano vagonate e corrierate di pellegrini dovrai pur fare in modo che abbiano un posto dove mangiare un panino o un piatto di pasta, una camera dove posare il capo…

    Ovvero: a prescindere da qualunque esame della realtà, a me pare che l’articolo della legge sia formulato in maniera tale da spalancare le porte all’abuso. Poi non so se c’è magari un decreto attuativo che spiega che “esclusivamente” significa per il 70 o l’80 o il 90% della superficie.

    Nella legge c’è poi un implicito: se si offre l’esenzione, è perché si vuole incentivare. Quindi la legge intende incentivare le attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative o sportive, di religione e di culto.

  9. giuliomozzi il 7 dicembre 2011 alle 16:25

    Grazie, Jan, per il link a “I costi della Chiesa”. Dove sull’Ici c’è una stima, 500.000.000 di euro, dall’aria piuttosto impressionistica.

    Il gettito Ici totale, in Italia, fin quando è esistita l’Ici, si aggirava sui dieci miliardi di euro (9.849.486.606 nel 2005, leggo qui).

    Quindi, se fossero vere le stime alle quali l’Uaar sembra dar credito, e cioè se davvero il 20-25% del valore del patrimonio immobiliare italiano fosse di proprietà di organizzazioni ecclesiastiche, la perdita di Ici dovuta alle esenzioni si dovrebbe aggirarsi sui 2-2,5 miliardi di euro: quattro o cinque volte di più la stima che in quella scheda l’Uaar indica.

    D’accordo che nelle stime bisogna essere prudenti. Ma ho la sensazione che la stessa Uaar si fidi poco delle stime che cita.

  10. paola lovisolo il 7 dicembre 2011 alle 17:03

    la casa la PRIMA CASA è un bene destinato esclusivamente allo svolgimento di attività esistenziali e poi in più piccolo ma non meno fondante nucleo ad attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative o sportive, nonché delle attività di religione o di culto eccetera eccetera
    un saluto
    paola

  11. andrea barbieri il 8 dicembre 2011 alle 14:10

    Integro ciò che ha scritto Giulio Mozzi.
    Affinché l’esenzione sia applicabile, non basta che siano svolte esclusivamente attività attività “assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive”, si deve anche trattare di enti “non profit” (vedi TUIR).

    Se un ente non è qualificabile come non profit, può svolgere tutta l’attività assistenziale, sanitaria ecc. di questo mondo, ma sta sul mercato e paga l’ICI come la pagano gli altri soggetti che stanno sul mercato.

    Per esempio, la sentenza di Cassazione (24500/2009) sopra citata da Daniele, ci dice che la Corte ha respinto il ricorso presentato dalla “Casa di Cura Congregazione delle Suore Infermiere dell’Addolorata” contro la richiesta della Commissione tributaria di pagare l’ICI sulla loro struttura.
    La sentenza risponde anche all’articolo di Marco Tarquinio, che invece dipinge, in modo piuttosto acritico, una mera macchinazione giornalistica.

  12. andrea barbieri il 8 dicembre 2011 alle 15:44

    Al link seguente trovate una pagina del Fatto Quotidiano, che contiene un video realizzato da un giornalista che entra in un edificio ‘deicizzato’ adibito all’ospitalità al clero, che invece funziona come un comunissimo hotel aperto a chiunque (50 euro la singola). Quindi ancora una smentita all’articolo frettoloso di Marco Tarquinio sull’Avvenire.
    http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/12/07/pdl-fli-paghi-anche-chiesa-radicali-scoprono-convitti-usati-come-alberghi/175950/#.TuB6_k3IpWU.facebook

  13. lorenzo galbiati il 8 dicembre 2011 alle 17:37

    Caro Barbieri, dopo aver letto i link, la campagna giornalistica secondo cui gli enti commerciali della Chiesa cattolica non sono soggetti all’ICI è disinformazione allo stato puro, un falso evidente. Tarquinio questo denuncia e ha ragione, su tutta la linea. Solo che a te non piace il pulpito da cui viene la predica e quindi (non è la prima volta, anzi…) perdi la tua obiettività.
    Come scrive Tarquinio: “un’infinità di volte abbiamo spiegato che se qualcuno cercasse di non pagare il dovuto su attività a fini di lucro riconducibili alla Chiesa, violerebbe la legge e meriterebbe di esser san­zionato: i Comuni hanno i mezzi per farlo.”

    Quindi nessuna smentita a quanto scritto in modo preciso (e non “frettoloso”) da Tarquinio.

    Siamo di fronte a una campagna anticlericale fanatica, propagandistica, e quindi pregiudiziale, ossia che fa della disinformazione e basta. Un po’ come quando i radicali vanno in giro a dire che l’8 per mille è una truffa voluta per favorire la Chiesa cattolica. Non è per niente una truffa, è chiarissimo com’è il meccanismo di attribuzione, se uno vuole informarsi.

    Per quanto riguarda gli enti esenti ICI, leggo dal link di Alcor:

    d) i fabbricati e loro pertinenze (anche se di proprietà di terzi ma dati in comodato al parroco), destinati esclusivamente all’esercizio del culto purché compatibile con gli artt. 8 e 19 della Costituzione. Esempi di pertinenze sono l’oratorio, l’abitazione del parroco (si vedano risoluzione ministeriale 12 dicembre 1992, protocollo 9/1178; Commisione tributaria provinciale di Milano, sezione XXXVI, sentenza n. 321/26/00 del 12 dicembre 2000) e il cinema parrocchiale non utilizzato come attività commerciale.
    N.B. L’articolo 2 della legge 1° agosto 2003 n. 206, ha equiparato gli oratori ai luoghi pubblici di culto e la conseguente esenzione dall’imposta;

    e) i fabbricati di proprietà della Santa sede indicati negli articoli da 13 a 16 del Trattato lateranense, sottoscritto l’11 febbraio 1929 e reso esecutivo con legge 27 maggio 1929, n. 810;

    f) i fabbricati appartenenti agli Stati esteri…

    g) i fabbricati che, dichiarati inagibili o inabitabili, sono stati recuperati al fine di essere destinati alle attività assistenziali, di integrazione sociale delle persone handicappate (legge 5 febbraio 1992, n. 104 e successive modificazioni), limitatamente al periodo in cui sono adibiti direttamente allo svolgimento delle attività predette;

    h) i terreni agricoli….;

    i) gli immobili utilizzati da enti pubblici e privati, diversi dalle società, residenti nel territorio dello Stato, che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciali, destinati esclusivamente allo svolgimento di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche (risoluzione ministeriale n. 66/E del 23 maggio 2000), ricettive, culturali, ricreative, sportive ed attività dirette all’esercizio del culto e alla cura delle anime, alla formazione del clero e dei religiosi, a scopi missionari, alla catechesi e all’educazione cristiana, così come stabilito dalla lettera a) dell’articolo 16 della legge 20 maggio 1985, n. 222.

    Il punto è: si vuole mettere l’ICI sulle case religiose, le chiese e gli oratori? Lo si dica chiaro. Io sono contrario, mi sembrerebbe una guerra alle varie istituzioni religiose. E la dovrebbero pagare anche gli atei se si organizzassero in modo simile ossia con istituti appositi dedicati all’ateismo o a riti laici (credo lo faranno in futuro).

    Si vuole denunciare degli abusi? Che le case religiose fungono da alberghi, ossia sono attività commerciali camuffate? Lo si denunci. Di certo questo abuso è presente e a occhio è macrospico, se non dilagante. A me è capitato più volte in passato viaggiare in Italia (e anche in Francia, a dir il vero) senza prenotare e, non trovando alberghi economici in centro, alloggiare in case religiose molto molto economiche (che non erano segnalate con una o due stelle ecc. ma erano pur sempre segnalate negli uffici del turismo). Per non dire delle colleghe docenti precarie siciliane, calabresi, campane e pugliesi che ho conosciuto in questi anni a Milano e che alloggiano in pensionati religiosi super economici. (Va da sè che fare una battaglia contro questo abuso non arrecherà danno solo alla Chiesa cattolica e mi chiedo, visti i prezzi degli alberghi in Italia, se non sia da rivedere tutta la questione dell’ICI nel suo complesso, comunque…).

    Purché si faccia chiarezza! Delle due l’una: o la battaglia per estendere l’ICI a ogni tipo di immobile di chicchessia al di fuori dello stato (distruggendo così il mondo no profit e le chiese) o la battaglia per denunciare gli abusi. Ma non la confusione mistificatoria del: la Chiesa può fare quel che vuole nei suoi immobili senza pagare l’ICI, facciamogliela pagare. Perché c’è già le legge che le impone di pagarla, per le attività commerciali. Come sempre, il problema in Italia è applicare le leggi, non farle.

  14. giuliomozzi il 8 dicembre 2011 alle 17:49

    Ma il fatto che un albergo funzioni come un normalissimo albergo non comporta necessariamente che si tratti di un’azienda “profit”.

    “Una organizzazione non a scopo di lucro (denominazione legale) è una organizzazione che, non avendo scopi di lucro, e non essendo destinata alla realizzazione di profitti, reinveste gli utili interamente per gli scopi organizzativi” (Wikipedia).

    Dopodiché, anche qui le vie per l’abuso sono evidenti: l’associazione X mette in piedi un albergo; l’albergo non distribuisce profitti ai soci ma investe parte del profitto in azioni (cosa di per sé lecitissima); le azioni sono di una società controllata dai soci dell’associazione, che fa allegramente profitti (e li redistribuisce, questo è il punto). Eccetera. Tenendo conto che non serve nemmeno che a controllare la società profit siano i soci dell’associazione: basta che sia gente dell’ambiente, amici, amici di amici…

    Sospetto che non ci sia niente di illegale, o almeno di immediatamente illegale. Per provare che un’esenzione Ici è abusiva bisogna ricostruire tutto il castello societario.

  15. andrea barbieri il 8 dicembre 2011 alle 19:04

    Giulio, la Corte di Cassazione da una storica sentenza del 2004 (n. 4645) dice che esercitare le attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, ricettive ecc in “forma commerciale” fa venire meno uno dei requisiti per ottenere l’esenzione ICI.
    Le suore condannate a pagare nel 2009 per la struttura “Casa di Cura Congregazione delle Suore Infermiere dell’Addolorata” non credo usassero gli utili per loro stesse.

    A mio parere (come se contasse qualcosa) e credo per la maggior parte dei cittadini, è giusto non far pagare l’ICI agli edifici di culto e in genere alle attività meritevoli non svolte in forma commerciale, ma insomma, quando si sta sul mercato no. Chiaramente quei soldi possono ritornare al cosìddetto terzo settore attraverso il finanziamento pubblico, che significa programmare tra pubblico e terzo settore-volontariato gli interventi che servono sul territorio. Mi sembra una cosa di buon senso, che evita discriminazioni e violazione della par condicio nella concorrenza.

  16. andrea barbieri il 8 dicembre 2011 alle 19:20

    Appunto Lorenzo, Tarquinio scrive:
    “…se qualcuno cercasse di non pagare il dovuto su attività a fini di lucro riconducibili alla Chiesa, violerebbe la legge e meriterebbe di esser san­zionato…”

    Il periodo ipotetico (che implicitamente ci dice: nessuno finora ha violato la legge) è smentito dai fatti, dalle condanne confermate in Cassazione.

  17. franco buffoni il 8 dicembre 2011 alle 23:11

    Ieri sera, a Ballarò, Giovanni Floris ha chiesto ad Antonio Catricalà, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio, come mai il governo non avesse imposto l’Ici anche alla Chiesa. E la risposta, ineffabile come si addice a un successore di Gianni Letta, è stata: “Non abbiamo avuto tempo di pensarci e di studiare la questione”.

    Eppure, le telecamere hanno seguito Monti ogni domenica mentre andava a messa. Un buon numero di ministri, da Balduzzi e Ornaghi e Passera e Profumo, sono dei notori baciapile. Questo governo fa una tale confusione fra Stato e Chiesa, che un sottosegretario si è addirittura fatto il segno della croce al momento del giuramento. E ci vengono a dire che non hanno avuto tempo di pensarci, e di studiare la questione?

    Tra l’altro, non è che il problema dei costi della Chiesa si sia posto solo ora. A pensarci hanno avuto tempo proprio tutti, a parte il governo. Persino il faccendiere Denis Verdini, coordinatore del Pdl, ha dichiarato a Un giorno da pecora che sarebbe giusto che l’Ici fosse estesa agli immobili della Chiesa. E Maurizio Crozza ha notato a Ballarò che questo sarebbe un modo per rendere la manovra più equa, visto che il cardinal Bagnasco aveva pontificato che non lo era.

    Quanto a studiare il problema, ci ha pensato proprio in questi giorni l’Uaar, che ha pubblicato sul portale http://www.icostidellachiesa.it i risultati. La cifra documentata e annotata, voce per voce, è di almeno 6 miliardi di euro. In difetto, ovviamente, visto che ad esempio l’esenzione dall’Ici viene valutata solo mezzo miliardo, mentre la stima di Ballarò era di 700 milioni, per un capitale immobiliare valutato a 1.200 miliardi!

    Ma se quello con la Chiesa è il conflitto di interessi più evidente del governo, quello con le banche non è meno reale, nonostante tutte le assicurazioni di Passera, ripetute ancora ieri sera a Porta a porta. Ad esempio, l’Ici per gli edifici di proprietà dei comuni cittadini sarà rivalutata del sessanta per cento, ma quella per gli edifici di proprietà delle banche no. E, come se non bastasse, sarà lo Stato a garantire le loro passività, con scadenze fino a cinque anni, e le obbligazioni da loro emesse, fino a sette.

    Per par condicio, visto che un ministro banchiere lavora per le banche, un capo di stato maggiore della difesa lavorerà per la difesa degli interessi dello stato maggiore. Puntualmente, l’ammiraglio Gianpaolo di Paola ha escluso stizzito che si possa pensare di congelare e annullare le commesse del centinaio di cacciabombardieri F35, e del centinaio di caccia Eurofighter Typhoon, ammontanti a 25 miliardi di euro.

    Non c’era dunque bisogno di chiedere piangenti sacrifici ai cittadini normali. Bastava imporli sorridenti a preti, banchieri e militari, per ricavare molto di più non solo in termini finanziari, ma anche di credibilità e di equità. Ma per poterlo fare, al governo ci sarebbero dovuti essere cittadini normali, e non bigotti, banchieri e militari, in continuità con la politica dei conflitti di interessi che ha caratterizzato l’ultimo ventennio.
    Piergiorgio Odifreddi su “Repubblica” 07/12/11

  18. lorenzo galbiati il 9 dicembre 2011 alle 02:36

    E’ difficile commentare questo scritto di Odifreddi.

    Estendere una tassa odiosa a tutti come l’ICI agli immobili della Chiesa cattolica (anche le chiese?), farla pagare solo a preti e religiosi vari (purché cattolici) evitando gli altri cittadini. Festeggerebbero gli ebrei, i musulmani, i valdesi ecc. Festeggerebbero anche, che so?, i metalmeccanici: pagano solo i preti,non noi! Festeggerebbero anche e soprattutto gli atei militanti, già: perché non farla pagare solo agli iscritti all’UAAR? Perché sono pochi e suppongo il patrimonio immobiliare dell’UAAR non esiste – ma diamo tempo al tempo, anche gli atei militanti avranno i loro istituti…
    Insomma, proporre una discriminazione contro la Chiesa cattolica non sarà certo un modo efficace per fare battaglie di laicità e democrazia. Battaglie che ancora stentano a decollare più che altro per la propaganda e la pochezza degli argomenti che si portano a loro sostegno – chi le fa invece imputa al presunto, tentacolare, imperante potere della Chiesa i suoi fallimenti.

    Francamente, non ha molto senso prendere sul serio questo ragionamento.

    Per non parlare del fatto che Odifreddi pare dia per scontato ci sia un “conflitto di interessi” tra governo e Chiesa cattolica perché Monti e altri ministri sono cattolici praticanti.
    Semplicemente, sta argomentando a caso, e pare non sappia usare le parole.
    Peccato, perché in questo modo ha buttato nel cesso insieme alla sua inutile propaganda anticattolica e antibancaria l’unico argomento forte del suo ragionamento: i tagli alla spesa militare, quelli sì tagli veri e possibili e legittimi dato che si fanno su spese dello stato, e non dei privati. Tagli che da soli varrebbero una finanziaria.
    Si legga infatti “Un’altra manovra è possibile” sul blog di Gilioli, Espresso:

    “Quindi, ricapitolando.
    Solo i famosi 131 cacciabombardieri F35 (non c’è stata ancora la firma del contratto, quindi potremmo disdirli senza penali) fanno 16 miliardi.
    La dismissione di una parte delle caserme rimaste semivuote dopo la fine della naia obbligatoria consentirebbe di incassare rapidamente almeno altri 4 miliardi.
    La rinuncia all’acquisto di due sommergibili e due fregate (anche loro già a bilancio) farebbe risparmiare un altro mezzo miliardo (abbondante).
    Un accordo con la Svizzera sui capitali esportati clandestinamente – sulla falsariga di quello fatto dalla Germania – permetterebbe di incassare almeno 5 miliardi di euro.
    Poi ci sarebbe il Vaticano: lasciandogli intoccato il suo otto per mille, i contributi alle sue scuole e tutto il resto, basterebbe abolire le esenzioni Ici, Ires, Iva e Irap, più i contributi regionali e quelli comunali per portare a casa un altro miliardo e mezzo.
    Quindi ci sono le frequenze: 5,5 miliardi di euro sono una stima molto prudente di quello che si incasserebbe se le si vendesse anziché regalarle alle aziende tv e di telecomunicazione.
    Infine, un taglio ai costi della politica non avrebbe solo un alto valore simbolico: tra riduzione dei rimborsi elettorali ai partiti, degli stipendi e dei vitalizi degli eletti (il presidente della Provinca di Bolzano guadagna più di Obama), delle auto blu etc, un altro mezzo miliardo verrebbe fuori facilmente.
    Fanno 33 miliardi. Cioè di più di quello che con cipiglio sofferente il governo Monti sta chiedendo ai lavoratori, ai pensionati, ai cittadini.
    Certo: ci diranno che così è troppo semplice, che non si può, che è più complicato, che noi siamo solo dilettanti e dobbiamo lasciar fare a loro.
    Ma non potranno mai dirci che un’altra manovra è impossibile.”

    Da qui
    http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2011/12/07/unaltra-manovra-e-possibile/

  19. maria il 9 dicembre 2011 alle 09:00

    La superficialità di Odifreddi al solito è sconcertante e meno male che è un matematico.

    La distinzione tra cittadini “normali” e cittadini “bigotti” è quanto di più generico ci sia e che dire di banchieri, preti e militari citati in modo da confondere ancor di più le acque come se l’elusione e l’evasione fiscale fossero soltanto di questi soggetti, ovviamente da deprecare, e non un sistema in cui vengono impigliati anche altri , tipo il lavoro sommerso che in italia ammonta a miliardi di euro.

    Un articolo del tutto inutile se non dannoso per l’affermazione di una laicità distinta dal sentimento banalmente antireligioso.

    Maria M.

  20. giuliomozzi il 9 dicembre 2011 alle 09:07

    Andrea, ho il sospetto che un problema stia nelle espressioni “a scopo di lucro”, “in forma commerciale”, “stando sul mercato”: che non si ricoprono né si negano perfettamente.

    Esistono imprese commerciali non a scopo di lucro. Ad esempio il consorzio Ctm Altromercato (vedi). Che, appunto, sta sul mercato, realizza profitti, non li distribuisce ai soci, ecc.

    Un albergo per pellegrini costituito come Onlus, dove si paga un prezzo congruo ai servizi, lavorano frati non remunerati e volontari altrettanto non remunerati, ma i cui profitti vengono regolarmente donati – guarda caso – alla comunità dei frati, che cos’è? Formalmente, un ineccepibile no profit. Sostanzialmente, un profit. La mia sensazione (che non sono in grado di argomentare, se non così: sono cose facilissime da farsi, quindi immagino che tutti le facciano) è che questa sia la norma.

  21. ULTRARIBBELLE il 9 dicembre 2011 alle 11:06

    NON HO AMICI DICI BIKOTTI BANKIERI E MILITARDI SUL FACEBOOk E ME NE VANTO!!!!ALORA KOSA FACIAMO LIELE PREDIAMO LE KASE???? QUANTO???

  22. lorenzo galbiati il 9 dicembre 2011 alle 16:27

    Quel che dice Mozzi sul commerciale no profit complica ulteriormente la situazione.

    Si potrebbe pensare, se ha ragione lui, che una possibile ICI su tutte le attività commerciali no profit della Chiesa cattolica o di chicchessia distrugga praticamente tutto il mondo no profit.

    Tuttavia l’ipotesi di Mozzi è ancora da dimostrare perché non ci spiega il motivo per cui le suore di cui sopra hanno perso il ricorso.

    Temo ci sfugga ancora qualcosa di questo complicato discorso.

  23. giuliomozzi il 10 dicembre 2011 alle 16:47

    Lorenzo, la sentenza l’ha citata Andrea Barbieri. La trovi in rete in pochi secondi: basta usare un motore di ricerca, vedi.

  24. […] Bagnasco dice che la Chiesa è disposta a discutere sull’Ici. Soprattutto il fatto che la Chiesa e alcuni enti siano esenti dal pagamento dell’Ici scatena discussioni e una petizione; proteste […]

  25. andrea barbieri il 13 dicembre 2011 alle 12:20

    Per chi vuole approfondire la questione dell’esenzione ICI sul no profit, qui c’è la circolare 2/2009 del Dipartimento delle Finanze, che dà, tra l’altro, dritte per quanto riguarda l’attività commerciale/non-commerciale rilevante ai fini dell’esenzione.
    http://www.finanze.gov.it/export/download/altri2/circolare_n2DF.pdf