Articolo precedentePotere alla parlantina
Articolo successivoQuesto è un sito in costruzione

Marmellata di merda

di Aldo Nove

Vi mando il sunto di quel che ho capito io di queste votazioni.
Dopo due giorni di intense simultanee visioni di telegiornali e televideo ho capito che il centrodestra ha vinto in tutta Italia perché il centrosinistra dice che ha vinto lui per colpa di Prodi che manovrando le trame del comunismo internazionale plagia Fassino (che in fondo è di destra moderata, è un bravo ragazzo) e vuole fare i soviet in Italia con quel bolscevico di Ciampi.

La vittoria di Forza Italia è stata schiacciante a parte i risultati elettorali chiaramente truccati da D’ambrosio e Prodi. Il caso di Roma è già sotto inchiesta. Sono stati trovati delle cassaforti in Svizzera dove i comunisti Bocassini e Ciampi hanno nascosto 789.500 voti a favore del centrodestra. Berlusconi ha già mandato a Berna una commisione formata da Dell’Utri, Riina e Lando Buzzanca per recuperare le schede trafugate.

Gli italiani che hanno festeggiato nelle strade la (finta) vittoria del centrosinistra sono stati pagati da Leonida Breznev su assegni girati tramite la banca maoista di Reggio nell’Emilia a Armando Cossutta che ha poi distribuito i fondi rossi nelle sedi dei Ds che li hanno spesi frequentando donne di mal’affare (russe). Scoperti collegamenti tra Al Qaida e il movimento per il referendum sull’articolo 18. Nuova perizia su Carlo Giuliani: è morto di sars, Placanica il giorno dell’omicidio non era a Genova, le finte foto dello scontro armato sono state fornite alla stampa da quello stalinista di Aurelio Ciampi.

Soddisfatto Gianni De Michelis: netta la vittoria dei socialisti in tutta Italia. Stefania Craxi, piangendo, ha ricordato che suo padre è il vero vincitore di queste consultazioni elettorali, è sotto gli occhi di tutti anche se i telegiornali, in mano alle lobby rosse, dicono altre cose depistando i cittadini ignari

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Le “Nughette” di Canella: Wunderkammer di una civiltà idiota

di Leonardo Canella
1) pensavo che potevi spararmi prima di leggere le tue poesie. Mentre la Polly chiama il centodiciotto che facciamo un bel pubblico letterario, e la Dimmy dirimpettaia che grida e Bruno Vespa che ride, in TV.

Genocidio in Libia – Eric Salerno

Genocidio in Libia Le atrocità nascoste dell’avventura coloniale italiana (Manifesto Libri)   INTRODUZIONE ALLA TERZA EDIZIONE   Nel 1979 Genocidio in Libia fece conoscere...

Mistica cannibale/ ॐ – una sillaba per mondo scritto e mondo non scritto Intervista ad Aldo Nove

di Marco Zonch Questa intervista si colloca all’interno di un più ampio progetto di ricerca che ha lo scopo di...

20 luglio 2001, Genova, Carlo Giuliani

""Dall'interno del veicolo un carabiniere - identificato come Mario Placanica secondo le sue stesse dichiarazioni - dopo aver estratto...

Una malinconia inconsistente

di Helena Janeczek (Nazione Indiana ha compiuto quindici anni a marzo, da allora molte persone e molte cose sono cambiate;...

Critica del lavoratore culturale

di Andrea Inglese Aspirazioni politiche del precariato intellettuale La prima considerazione che vorrei fare riguarda l’attualità “politica” del lavoratore culturale. Si...
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: