Articolo precedenteLe scimmie… (13)
Articolo successivoBiennale Architettura: ultimi giorni

Le scimmie… (14)

di Dario Voltolini

[Mi rendo conto di poter stare sulle palle a qualcuno, però continuo: tutto sommato è il mio blog! E poi a Biondillo piace leggere le scimmie ad alta voce. Saluti a tutti.]

uomini con bagagli pronti per il volo camminano
lungo quei corridoi
verso la luce in fondo
la tana del barbiere
come deve sentirsi ridotto un uomo
un uomo belga finlandese
un uomo mesopotamico ugandese
un giapponese
per finire così abbandonatamente in tutto quel corridoio
per camminare con la valigia in mano
persino pronto per addirittura
un volo!
inoltrarsi là sotto
avvicinarsi alla luce terminale della bottega del barbiere
barbiere avventizio
barbiere stanziale
un uomo tutto ben vestito
che sta per partire
un uomo milanese
un uomo indocinese
di tutto il mondo è finito là dentro
e continua a camminare
ormai ci siamo
il barbiere l’ha visto
abbandona la rivista e fa posto sulla poltroncina
all’uomo bengalese
al filippino messicano italocileno livornese
finito malamente in fondo all’aeroporto
quell’uomo che starebbe per volare
è giù nel cunicolo
adesso
la totalità delle strade possibili
comprensiva di quelle reali
è perduta ormai
non resta che qualche
incrocio di corridoi sotterranei
magari qualche shop
prima di partire
con quell’odore di barbiere sotterrato
sulla faccia
lui vede pensa
soprattutto vuole aperture
di orizzonti lavati dal vento
ma io mica mi pento
forse tu
vedi pensi soprattutto temi
impervi muri chiusi
ripide pareti buie
di basalto
non sono un uomo particolarmente alto
perché non ha
un’urgenza che pesa
solo il compito non banale di abitare
tra i colonnati
bianchi dell’attesa

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. Sgrunt, Tergo taci, i pezzi di Dario sono sempre una festa.
    A proposito, oggi entro nell’ufficio della responsabile dell’unità che mi dice come prima cosa: Sto leggendo Primaverile, bello!

  2. Sono due giorni che declamo scimmie ad alta voce: rallenta, che ho la gola secca. Così il triumvirato dei fans voltoliniani è al completo… bella lì, come direbbe mio figlio!

  3. Io sto studiando come stamparmele. Però mancano le immagini in queste ultime scimmie.
    Uhm, sono piene di barbieri eh.

  4. occupare tutta la propria rivista con i propri vaneggiamenti é proprio il massimo del buon gusto. Ma l´egolatria non ha limiti. Non vuole essere una critica ma una considerazione. Avanti con le scimmie
    leo

  5. Leo, se ho capito l’andazzo ho paura che Dario possa andare avanti per mesi.
    Che vuoi, ce vo’ pazienza!

  6. La considerazione, ce fa sto caribbi, sto carubba, qua. Ma varda te. Er buon gusto, i vaneggiamenti… Ma va a produrre quarcosa te, va. E’ facile criticà, ve vojo vedè a voi carubba, massa de pelandroni. Pe me Voltolini po’ annà avanti ancora pè mesi co’ scimmie oranghi e quello che je pare. Lui puo’. E’ chiaro o ve devo fà un disegno? O ve devo menà? Scegliete voi, pe mme è uguale.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Nella città più fredda, di Elisa Davoglio

Ho in mano un libro sul collasso del clima, sul crollo di un mondo personale, sullo straniamento emergenziale, sull'alienazione da conformismo, sulla scrittura? Prose in prosa dell'apocalisse? Cosa è accaduto alla città morbida, al suo tepore?

ALICE VENTURA morta il 5.3.1945 a Ravensbrück “… per il suo ideale partigiano“

di Orsola Puecher
... è una storia piccola, di un piccolo eroismo, un piccolo gesto di normale umana solidarietà, che la portò a esaurire al Campo di Concentramento di Ravensbrück i giorni di una vita bellissima e inconsueta.

L’Anno del Fuoco Segreto: L’Ombelico dell’Arno

La descrizione del progetto L’Anno del Fuoco Segreto, si può leggere QUI. di Andrea Zandomeneghi Conoscevo crackomani che si preoccupavano (seriamente) per la mia...

Da “solchi”

di Jacopo Mecca
Alcuni testi tratti dalla plaquette d'esordio "solchi" (Fallone editore, 2021).

Fotoromanzo urbano

di Gianni Biondillo
Il racconto di un piccolo desiderio, forse un po' puerile, nato dopo aver visto e ammirato le bellissime fotografie di Sofia Mangini.

Quella violenza non la dimenticheremo mai – Peter Genito

di Peter Genito
Timore, paura, terrore. Ma siamo sicuri che la nostra paura sia del virus? Siamo sicuri che sia stato così sin dall'inizio? E non di chi, in quel momento e ora, comandava e comanda il gioco?
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: