La parte del cardinale

di Tiziano Scarpa

Nelle scorse settimane, a Genova, c’è stata una splendida rassegna teatrale, d.verse, il Primo Festival Internazionale del Teatro per le Diverse Abilità, con attori e danzatori disabili.
Venerdì ho partecipato al convegno di chiusura. L’ideatrice e organizzatrice della rassegna, la psichiatra Maria Paola Ferrigno, ha aperto il suo intervento raccontando quel che è successo poco prima di uno degli spettacoli.

Si trattava dell’Anima buona del pianeta Sezuan, un “adattamento fantascientifico-musicale per ragazzi” di Alberto Nocerino e Lidia Pastorino, tratto dall’Anima buona del Sezuan di Bertold Brecht.

I giovani attori erano già in costume e truccati, in attesa di andare in scena.

Dietro le quinte è arrivato il cardinale arcivescovo di Genova, monsignor Tarcisio Bertone, che era venuto ad assistere allo spettacolo e ha colto l’occasione per dare un saluto alla compagnia.

Uno degli attori, un ragazzo affetto da sindrome di Down, indossava una tunica rossa. Anche il cardinale era in tunica, vestito di porpora dalla testa a piedi.

Il ragazzo down lo ha guardato e gli ha detto: “E tu che costume hai? Che parte fai?”

Print Friendly, PDF & Email

articoli correlati

Carmelo Bene e Luisa Viglietti: una storia estromessa

  di Alessio Paiano     Quando si tratta del fenomeno Carmelo Bene ci si trova sempre di fronte a due poli che...

Come un teatro illimitato. ØNAR e Lilith

  di Leonardo Recanatini Satriano     Se è lontano il tempo delle stimmati e dei metronomi, se ogni tempio è rovinato in mare,...

Io resto a casa – Aspettando

di Antonella Falco Non avremmo potuto attraversare primavera più cupa e malinconica di questa appena finita, e tuttavia il dolore,...

I fumi della fornace (primo quaderno dei contributi)

    Occorre inventare la città come manifesto sussultorio, per rompere i programmi da troppo tempo fissati nel cemento. Occorre pensare...

Consigli ai principi vittoriosi

(post pubblicato da Tiziano Scarpa il 20 aprile 2003) di Niccolò Machiavelli Vale davvero la pena di raccontare questa cosa, anche...

Performative arts today – parte seconda


di Giorgiomaria Cornelio

seconda parte

Un secondo momento della giornata è stato dedicato al teatro come studio della polifonia scientifica e come passe-partout a rimedio delle mortificazioni settoriali. L’incontro, tenuto dal regista e direttore del Minimo Teatro Maurizio Boldrini a partire dalla sua “Lezione su Carmelo Bene” (Nazione Indiana si era già occupata di questo volume), è stato introdotto da un intervento di Gianluca Pulsoni (ricercatore e giornalista del Manifesto) indirizzato a restituire il timbro degenere di Carmelo Bene oltre le demarcazioni geografiche.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: