Flag

di Mattia Paganelli

Print Friendly, PDF & Email

12 Commenti

  1. Ecco come cade un deltaplano

    Ecco come mi tolgo l’asciugamano

    Ecco come muore un samaritano

  2. “W.i.p. flag, stiamo sbandierando per voi”?
    Oppure: sbandierate voi adesso, noi basta.
    Oppure: non esiste (più?) “nessun noi”.
    Oppure: Spazio alla vostra immaginazione.
    Oppure: metteteci voi i colori presunti “veri”,

    “se ne siete capaci”.

  3. “Flag” induce a pensare e a parlare. Vuole, presuppone che chi guarda pensi o parli.
    Intende mostrare un pensiero dissacrante e vuole far dire cose irriverenti, dissacranti.
    Naturalmente contiene e dichiara di contenere anche altri significati. Più cupi, quasi tragici.
    Ma l’azione principale resta quella di far pensare e dire. Anche far pensare e dire cose ovvie, scontate, prevedibili (incluse le mie).
    Ovvi e prevedibili sono del resto anche il silenzio compìto e l’“oh” di meraviglia indotti da opere di altro tipo, quelle dall’aria davvero “artistica” e “seria”.
    Intravedo sullo sfondo la mannaia unilaterale di Wovoka.

  4. ok.
    roba concettuale.
    fa appello al formarsi di concetti nella mente di chi guarda (er fruidore?), come bolle di purea o di fango: plop.
    io penso all’idea di rosso, verde, bianco e a wittgenstein, per esempio (agisce in me il liceo, si scatena).
    dei colori non si può parlare.
    forse del bianco sì, come mescolanza di ogni colore, ma della sensazione di “bianco” no, perché ognuno c’ha la sua.
    però qui sono tirate in ballo la bandiera e la patria, come a dire “fate un po’ voi”.

  5. credo che sia semplicemente l’italia nella sua astratta effige. tolti i colori, restano solo parole… ad ogni modo l’opera è riuscitissima, perchè dice molto di più di quello che mostra.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Quella violenza non la dimenticheremo mai – Peter Genito

di Peter Genito
Timore, paura, terrore. Ma siamo sicuri che la nostra paura sia del virus? Siamo sicuri che sia stato così sin dall'inizio? E non di chi, in quel momento e ora, comandava e comanda il gioco?

SÀDEQ HEDÀYAT: una civetta cieca

di Luca Vidotto
Hedàyat ci narra questa storia dando voce a un io perverso che si rivolge alla sua ombra e che prende le sembianze di una civetta cieca – nella cultura persiana simbolo di sventura, di mala sorte, di un che di maligno.

La Genova di quattro scrittori liguri

di Marino Magliani, Laura Guglielmi, Guido Festinese e Emilia Marasco
Perché in fondo Genova è un isola, sotto il doppio assedio del sale e della pietra, assedio perso in entrambi casi, e chi scrive da Genova è un isolano.

La vita sfilacciata

di Francesco Segoni
Io, se dovessi compilare la lista dei miei Works, la dividerei in quattro tappe: il manager, l’omino del gas e della luce, lo pseudo-giornalista e l’operatore umanitario. Nessuna di queste definizioni mi sta bene a dire il vero, ma sono quelle che si capiscono più facilmente.

Su “Solenoide” di Mircea Cărtărescu

Fabio M. Rocchi
Come opera una delle logiche di racconto preponderanti nell’ultimo fluviale romanzo di Mircea Cărtărescu, Solenoide? La storia si concentra sulle ossessioni e sulla non-vita del protagonsita, un anonimo professore di scuola secondaria che presta servizio nella Romania degli anni Ottanta...

L’uomo post-storico

Lewis Mumford
L’uomo post-storico ossessiona da molto tempo l’immaginazione moderna. In una serie di romanzi sui possibili mondi futuri Jules Verne e il suo successore H.G. Wells hanno descritto come sarebbe una società se una tale creatura, fanaticamente votata alla macchina, fosse al posto di comando.
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: