TBIMK

di Mattia Paganelli

tbmik

26 Commenti

  1. Perfetto cortocircuito. Anche se mi piacerebbe sapere da Mattia perché ha scelto questa versione e non quella “the koran is my bible”.

    Versione italiana: il vangelo è il mio corano (o a scelta: il corano è il mio vangelo)

  2. Il cerchio contiene molte possibilità di lettura, da quella letterale (terra-terra, quasi neutra), a quella enfatica (ispirata, fondamentalista), a quella sarcastica (atea – un ghigno seppellirà tutte le religioni).

    Però a rincorrersi in tondo ci potrebbero essere le parole: MY BIBLE IS MY KORAN IS…
    Perfetta reciprocità. E perfetto muro contro muro.

  3. Faccio fatica a capire il senso di questo timbro, Inglès.
    Vuole forse dire che un libro sacro vale l’altro?
    Che in fondo quello che conta è avere una religione?
    Che il nemico vero sono i laici?
    Gli atei?
    I pagani?
    Vuol dire che il nostro rapporto con la Bibbia è lo stesso rapporto che i musulmani hanno col Corano?
    E che perciò occorre comprendersi e venirsi incontro?
    Vuol dire: cristiani relativizzatevi e immedesimatevi nell’altro?
    Cosa vuol dire?
    Della serie SCC (Siamo Circondati dai Credenti).

  4. a tash
    1) vedi biondillo+emma
    2) ma prima ancora di andare alle domande, m’interessa l’operazione di Mattia che è eminentemente poetica. Ovvero lavorare sugli automatismi della lingua, creare interferenze, macchine che cortocircuitano il senso;

    il primo livello è, la frase idiomatica: questo libro è diventato il mio vangelo/la mia bibbia. Frase innocua. Poi si va a prendere il corano, che in termini connotativi non ha più niente di innocuo. Tutta la malafede politica occidentale lo usa come metonimia di fondamentalista, che è sinonimo di terrorista. Allora prendiamo la frase innocua: “il libro X è la mia bibbia” e ci mettiamo “il corano è la mia bibbia”; ma cosi probabilmente è un passaggio ancora troppo “scoperto”, e quindi Mattia lo rovescia: assumendo il punto di vista musulmano (laicizzato): “il libro x è il mio corano”; e a questo punto: “la bibbia è il mio corano”; e i parametri di orientamento adesso sono davvero saltati.

  5. sarà anche poetica e salteranno anche i parametri d’orientamento, ma non tanto, inglès.
    la Comunità di Sant’Egidio per esempio fa convegni su convegni dove mette assieme vescovi e imam islamici e dove si dice che il vero nemico da battere è comune ed è il mondo secolarizzato, sono i laisci, gli atei, la scienza, i comunisti.
    per dire.
    quindi a me questo timbro poetico suona un po’ sinistro, inglès.

  6. In effetti lo è, ma non nel senso che dici tu. Non è un timbro (paurosamente) buonista, insomma. Semmai disinnesca in “buon senso” comune e ci lascia in mano la bomba, ma senza che possa esplodere.

    O no?

    Che ne dici, Mattia? ;-)

  7. Potrebbe esserci cortocircuito (sarcastico?) anche fra:
    – la materia che si tratta (questioni “archeologiche”, per una certa mitologia del moderno e del progresso, e che ora rischia di passare *lei* [la mitologia] [ahinoi] per reperto archeologico);
    – la forma (linguaggio quotidiano e usuale della contemporaneità globalizzata, ammiccamento a simboli e loghi analoghi, ricerca dell’acronimo [meglio se impronunciabile], tutto rigorosamente in inglese…).

  8. no tash, va bene la scuola del sospetto, ma qui prendi lucciole per lanterne, o santi per magnapreti; non mi sembra proprio lontanamente che ci sia, in questo lavoro di Pganelli, un qualsivoglia alito di ecumenismo

    (che ci vogliono fa fuori, poi, tutti quanti uniti, i pretoni della terra, questo è un altro e assai amaro discorso)

  9. scuola del sospetto no, o almeno non sospetto di questo timbro cortocircuitante.
    ma non mi interessa più di tanto, lo confesso.
    come confesso di non riuscire a trattare con ambuiguità, leggerezza, eccetera, temi riguardanti visioni teiste del mondo, “da qualsiasi parte provengano”.
    io ho paura di questa gente, più che altro.
    non mi importa come gli adepti della bibbia e quelli del corano si considerano reciprocamente, so solo che gli uni e gli altri, hanno un unico scopo: imporre la loro visione, la loro etica, a tutti noi.

  10. Allora, a me interessano i ribaltamenti, le contraddizioni che entrano in stallo. Per far questo mi approprio di ogni materiale possibile. La lettura di A Inglese mi pare chiarissima (grazie).

    Quanto alla raffica di domande, posso rassicurare: questa é un’operazione quantomai anticlericale, provocatoria, proprio volta a resistere con l’assurdo a quel ‘SCC’ piu’ sopra. É un’idea nata prima delle famose vignette, ma anche un modo di rispondere a chi si scandalizza perché gli altri si sono scandalizzati… scandalizzare (e scandalizzarsi) non é solo negativo.
    Il cerchio per me era solo un espediente visivo, ma non discordo con i commenti al riguardo.

  11. complimenti per la grafica. noi a milano distribuiamo un badge con il triangolo/occhio di dio. al posto della pupilla c’è l’hot-dog pop di Liechtenstein, e sui 3 lati le 3 parole: GOD HOT DOG

    un altro badge reca scritto speculare: MONOTHEISM? / STEREOTHEISM!

    arroma siamo scoperti…

  12. passerò nolente dall’egolatria al noslatrato. siamo in 4, pollivalenti.
    io linguadsciolta
    Giacomo Spazio picisciolto (airstudio)
    Hans Ebner orecchiosciolto (mythorecords)
    Pietro Spica manosciolta. costui è in USA dipinge e parla al contrario (ha vinto una barca di soldi a Portobello) il ritratto gliel’ha fatto De Carlo (penso in 2 di 2, quello con un occhio azzurro e uno marrone, e Spike si è incazzato perché non gli aveva detto niente e lo “studiava”) PS è il vero anarchico, continua a fare i ritratti di cafiero, malatesta ecc, ci tessera alla FAI da te ecc. a cavallo tra ’70 e ’80 eravamo il Gruppo Sanguigno (poi assorbito dai GS supermarket): lui padre fondatore, io sommo pontefice e Ravezzoli Budda perché non parlava mai né agiva. facevamo roba falsa: manifesti, inviti a manifestazioni culturali, comunicati RB, anche un appello del pope: sorelli delle RB. roba così insomma
    la maglietta con la madonna tipo quelle sopra il letto matrimoniale che in braccio sta cullando un kalashnikov…
    a 0 euro abbiamo rilevato una vecchia tipografia col tirabozze ecc. e facciamo libretti di 44 copie. insomma…

  13. dio mio dio mio perdona l’oro perchè non sanno quanto vale

    Da ateo integralista scrivo che questo circolo chiuso (quello di Paganelli) è molto rappresentativo di questa nuova ricerca di dogmi, nonostante gli stessi siamo ridotti a semplici strumenti di comunicazione, anzi di trasmissione diretta rispondente alla ricerca d’una speranza (concetto quasi mai positivo) vacua e religiosa, quanto impossibile e priva di fondamenta.
    Non è il caso che affermia ovvietà. Rispetto (soprattutto) alla fittizzia e massmediatica proposizione di presunti valori di fedi.

    Il compito degli autori letterari, mi permetto di dire, è quello di creare piacere da contrapporre alle stronzate che i dominatori del Pianeta hanno pensato di buttare nei nostri piatti. Il piacere di leggere è quello di vivere, nonostante le tematiche. E nonostante l’odio assurdo che sta crescendo intorno a tutto il concetto d'”edonismo”, mai raccontato da angolature esiliate dal pregiudizio.

    b!

    Nunzio Festa

  14. http://nochiesa.blogspot.com/

    tash, non so se ti vanno bene anche gli axtei… ;-)

    ecco, vorrei spezzare un’arancia a favore di una persona che troverete in questo blog: Vittorio Giorgini. Compirà 80 anni il 13 maggio. Se vi convince quello che scrive, fategli gli auguri e-mail! (nel ’67 scappo’ dall’Italia, era un neoarchitetto con Michelucci: doveva stare a NY 2 mesi, e ci è rimasto 35 anni – cominciò lavorando con Rauschenberg, poi insegnò sempre al Pratt Institut. In tutta la vita, ha costruito una fabbrica di ceramiche, una casa-balena e una scuola / ecc. ecc. blabla) “Le religioni plagiano” l’ha scritto al ritorno in Italia, dallo choc… Ora non ci vede più, e per un architetto, vero tash? Ma l’ultima volta che l’ho incontrato m’ha fatto una capatanta sul ponte di Messina, nel senso che lo sta progettando da solo, ed è in contatto con Ciampi (!?). Lui dice: sono contrario, ma se si deve fare, allora farlo bene!

  15. no comment.

    anzi, no. sul ponte c’è sempre bisogno di parlare, e dire che una grossa catastrofe in embrione. Certo, non si farà, nonostante Giorgini. ma già arrivare a pensare a una cosa del genere vuol dire aver giocato a tressette e perso i neuroni. E averli dati via tutti.
    Comunque, essere ottantenni e tosti non è una giustificazione quando ci sta di mezzo il fatto di sporcarsi le mani, e la coscienza.
    quindi, chi dice “si – ma – però” è Colpevole.

    Ultimo: per tashtego, se la cosa ti può “rincuorare” sono ateo militante e integralista.

    b!

    Nunzio Festa

  16. per me ateo teo o tao vuol dire poco. Difatti di tre ateisti in fila qui sopra, scommetto che non uno andrebbe d’accordo con un altro. Ergo…

    PS NF però dovrebbe almeno levarsi la gomma prima di parlare…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

LETTERA AL PRESIDENTE DELLE FERROVIE

di Paolo Codazzi
Caro Presidente, mi conceda il tono affettuoso e confidenziale apprendendo di recente che pure lei è originario della mia terra nella quale ancora serenamente vivo

Etty Hillesum: rose malgrado tutto

di Lorenzo Orazi I Una fede totale nei maestri Amsterdam, 1942: ottenere un impiego presso il Consiglio Ebraico rappresenta, per molti, la...

Il revival del teatro dell’assurdo nell’Italia contemporanea

di Giorgio Mascitelli Attualmente il dibattito pubblico del paese è saldamente incistato in una situazione nella quale una minoranza definisce...

Inavvertita luce

di Annachiara Atzei Dopo aver tentato tutto simulare la neve – essere neve. L’unico tuo segreto è fare a pezzi, asportare fegato rene cuore: qualcuno verrà a riconoscerti.

Luigi Ballerini, teorico e critico della poesia

di Giorgio Patrizi
Questo saggio è tratto da Il remo di Ulisse. Saggi sulla poesia e la poetica di Luigi Ballerini, a cura di Ugo Perolino, Marsilio, 2021.

Dioniso e Adorno. La musica e il dominio

Di Daniele Barbieri. Ho comperato La vendetta di Dioniso. La musica contemporanea da Schönberg ai Nirvana, di Marco Maurizi (Jaca Book 2018), non tanto un libro di musicologia, quanto un libro di filosofia nella tradizione di Adorno: perché mi ha dilettato, perché mi ha irritato.