Go Nagai alla Sapienza!!!

250px-fanart-goldrake.png

Dopo Sud e Nord, Go Nagai accontenta anche i fan del Centro Italia con un incontro presso il prestigioso ateneo! Non capita tutti i giorni di avere Go Nagai in Italia e per l’occasione gli staff di Comicon e di d/visual hanno voluto farsi in tre per accontentare tutti i fan della penisola! E questa volta lo fanno grazie alla partecipazione di un nome d’eccezione, quello dell’Università degli Studi di Roma che ha offerto il prestigioso spazio dell’Aula Magna per l’incontro col Maestro! Merito anche delle radici “fumettistiche” della facoltà di Studi Orientali dell’ateneo: la prof. Maria Teresa Orsi è una delle massime autorità italiane sul manga sin dai tempi in cui la maggior parte degli italiani credeva che fossero una sorta di frutto tropicale; in particolare il suo studio sul fumettista Yoshiharu Tsuge rimane una pietra miliare della saggistica relativa ai fumetti giapponesi.
Inoltre, Gianluca Di Fratta, che presenterà una relazione in testa all’incontro, oltre ad essere ricercatore presso la facoltà, vi tiene anche lezioni su manga e anime. La schiera degli autorevoli presentatori dell’incontro si completa con Matilde Mastrangelo, professore associato di lingua e letteratura giapponese, e Federico Colpi, responsabile anime e manga di Granata Press e Dynamic Italia prima e di d/visual oggi. L’incontro si terrà martedì 24 aprile nell’Aula Magna della Facoltà di Studi Orientali dell’Università degli Studi di Roma – La Sapienza (Via Principe Amedeo, 182/b) dalle 14.00 alle 16.00. Il tavolo dei relatori sarà composto, oltre che dal maestro Nagai su cui sarà incentrato l’incontro sia dal punto di vista dei contenuti sia dal punto di vista formale, dai già citati conferenzieri:
– Maria Teresa Orsi (La Sapienza – Università di Roma): presentazione
– Matilde Mastrangelo (La Sapienza Università di Roma): moderatrice
– Gianluca Di Fratta (La Sapienza – Napoli COMICON): relazione
– Federico Colpi (d/visual inc.): relazione

Nel cordo della medesima giornata è anche in programma una conferenza stampa di Go Nagai con alcune autorità italiane, che sarà confermata nei dettagli durante i giorni immediatamente precedenti l’avvenimento. Si comunica che, come per l’incontro veneziano, Go Nagai NON concederà autografi. Chi desideri un autografo del Maestro è pregato di visitare il sito www.comicon.it per scoprire i dettagli delle due sessioni di autografi che si terranno a Napoli.
Ulteriori informazioni sull’avvenimento possono essere richieste all’organizzazione del Comicon, mediante l’home page sopra indicata.
Informazioni relative alla conferenza stampa possono essere richieste a d/visual all’indirizzo goldrake@d-world.jp.
L’Aula Magna può essere raggiunta a piedi dalla Stazione Termini uscendo sul lato di Via Giolitti. Via Principe Amedeo è la seconda laterale di Via Giolitti dopo Via Turati. A chi viene da Roma città in metropolitana, consigliamo di scendere a Vittorio Emanuele, sul lato di Via Napoleone III. Via Principe Amedeo è la prima laterale e l’Aula Magna si trova tra Via Mamiani e Via Ricasoli.

D/VISUAL INC. – TAKADANOBABA 1-25-34, SHINJUKU KU, 169-0075 TOKYO
WWW.D-WORLD.JP

immagine: wikipedia

12 Commenti

  1. Mi sa che qui gli estimatori del genere sono pochini. Un tempo i bambini mi avrebbero costretto in coda per gli autografi con sacco a pelo e thermos, ma ora che sono un po’ cresciuti è solo un souvenir e chi gli opressi difenderà più?

    da DJ così&come

    Mazinga Z! Mazinga Z!

    Quando udrai, un fragor, a mille decibel
    su dal ciel, piomberà, Mazinger!
    Veloce e distruttore come un lampo, non dà scampo
    Odia la paura non conosce la pietà!

    Altolà, falsità, fermati malvagità
    su di voi, avvoltoi, c’è Mazinger!
    C’è Mazinger…si!!!

    Con gli occhi può incendiare un’astronave che va!

    Quando tu, soffrirai, sotto la schiavitù
    su dal ciel, piomberà, Mazinger
    Col cuore fermo nell’immenso vuoto
    va contro l’ignoto se lassù lo incontrerà!

    Ama la verità, gli oppressi difenderà
    per la tua libertà c’è Mazinger!

    Mazinga Z! Mazinga Z!
    Mazinga Z! Mazinga Z!

  2. sono di una generazione precedente a Goldrake, però mi sarebbe piaciuto vedere la così&come con i bambinelli e il thermos e i sacchi a pelo. a.

  3. grazie, grazie, grazie!
    sai, la mia tesi è sui manga ma non abbiamo ancora definito bene l’ipotesi da verificare, quindi praticamente mi apri una porta magica con questa notizia!

  4. Capuccetto dica un po’ alla sua mammina Carla di comprarle l’album di Heidi da colorare, che del resto è di un’altro grande del genere Hayao Miyazaki, di cui, caro Antonio, son sicura non ti dispiacerebbero affatto “La città incantata” e “Il castello errante di Howl” che si posson vedere anche senza bambini e sacco a pelo. Un thermos di té verde però non ci starebbe male…

  5. Visto che fra gli autori citati qui credo sia quello meno noto in Italia, consiglio di cercare (almeno in rete) qualcosa su Tsuge Yoshiharu, è un autentico genio.

  6. Ami ou ennemi

    Comme une sentinelle dans la nuit
    Je suis debout, je vis ma vie
    Et je crie “Qui va-là, ami
    ou ennemi ?”
    Je marche au hasard dans la ville
    Et d’orage en file de taxi
    J’passe à l’orange je crie “Ami
    ou ennemi ?”
    Y a ceux qui vous disent “You and me”
    Qui vous passent sur le corps et puis
    Vous laissent de jolies cicatrices
    Les amis, les ennemis

    Comme une sentinelle dans la nuit
    Je suis debout, je vis ma vie
    Et je crie “Qui va-là, ami
    ou ennemi ?”
    Je chante pour passer les envies
    Je chante d’avis, ça change la vie
    Quand ils sont sales, je change d’amis
    Ou d’ennemis
    Ceux qui m’ont aimé en sourdine
    Ceux qui m’ont tuée d’un souriré
    Car parfois parfois c’est bien pire
    Un ami qu’un ennemi

    Comme une sentinelle dans la nuit
    Je suis debout, je vis ma vie
    Et je crie “Qui va-là, ami
    ou ennemi ?”
    Voisin, voisine, les bonnes copines
    Reviennent pour souffler les bougies
    Au loin famine, conseil d’amies
    Ou d’ennemies…
    Avec le vent, les allergies
    S’envolent, pourquoi revoir le film ?
    Tais-toi, c’était un muet… ami
    Mon ami, mon ami, mon ami.

    Mauranne

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Hollywood contro Orson Welles, la storia continua?

Sul film "Mank" di David Fincher, candidato a dieci premi Oscar, Paolo Mereghetti ha pubblicato un articolo su "Gli Asini"

Il cinema russo a Firenze: i film čechoviani di Konstantin Chudjakov e Svetlana Proskurina

di Giulia Marcucci La seconda edizione del Festival di cinema russo contemporaneo nella cornice di NiceFestival (Direttrice artistica Viviana Del...

Cinema e Pandemia: diario sfilacciato di una nuova immagine

  di Mario Blaconà   Ashes, Apichatpong Weerasethakul   “Fino a ora abbiamo detto, da un punto di vista storico, che esistono due tipi di registi...

Pandemia e sacralità

    Una conversazione con Adriano Ercolani a cura di Francesco Bove   Trinità (Andrej Rublëv)   Adriano Ercolani è uno scrittore e un critico letterario...

Mauro Santini: di tutto il trucco, solo una lacrima

  in collaborazione con La Camera Ardente     Incrinare la sistemazione dello sguardo, ma come chi non se ne accorge. Farlo magari...

cinéDIMANCHE #31: Vertov, Frampton, Gioli

  Cineocchi, per uomini senza macchina da presa       1. “Vertov: lo sguardo e la pupilla" di Mariasole Ariot     https://www.youtube.com/watch?v=cGYZ5847FiI   “Un cineocchio”, un manifesto, una dichiarazione:...
Avatar
Andrea Raos
andrea raos ha pubblicato discendere il fiume calmo, nel quinto quaderno italiano (milano, crocetti, 1996, a c. di franco buffoni), aspettami, dice. poesie 1992-2002 (roma, pieraldo, 2003), luna velata (marsiglia, cipM – les comptoirs de la nouvelle b.s., 2003), le api migratori (salerno, oèdipus – collana liquid, 2007), AAVV, prosa in prosa (firenze, le lettere, 2009), AAVV, la fisica delle cose. dieci riscritture da lucrezio (roma, giulio perrone editore, 2010), i cani dello chott el-jerid (milano, arcipelago, 2010), lettere nere (milano, effigie, 2013), le avventure dell'allegro leprotto e altre storie inospitali (osimo - an, arcipelago itaca, 2017) e o!h (pavia, blonk, 2020). è presente nel volume àkusma. forme della poesia contemporanea (metauro, 2000). ha curato le antologie chijô no utagoe – il coro temporaneo (tokyo, shichôsha, 2001) e contemporary italian poetry (freeverse editions, 2013). con andrea inglese ha curato le antologie azioni poetiche. nouveaux poètes italiens, in «action poétique», (sett. 2004) e le macchine liriche. sei poeti francesi della contemporaneità, in «nuovi argomenti» (ott.-dic. 2005). sue poesie sono apparse in traduzione francese sulle riviste «le cahier du réfuge» (2002), «if» (2003), «action poétique» (2005), «exit» (2005) e "nioques" (2015); altre, in traduzioni inglese, in "the new review of literature" (vol. 5 no. 2 / spring 2008), "aufgabe" (no. 7, 2008), poetry international, free verse e la rubrica "in translation" della rivista "brooklyn rail". in volume ha tradotto joe ross, strati (con marco giovenale, la camera verde, 2007), ryoko sekiguchi, apparizione (la camera verde, 2009), giuliano mesa (con eric suchere, action poetique, 2010), stephen rodefer, dormendo con la luce accesa (nazione indiana / murene, 2010) e charles reznikoff, olocausto (benway series, 2014). in rivista ha tradotto, tra gli altri, yoshioka minoru, gherasim luca, liliane giraudon, valere novarina, danielle collobert, nanni balestrini, kathleen fraser, robert lax, peter gizzi, bob perelman, antoine volodine, franco fortini e murasaki shikibu.