Articolo precedenteIl trono di Grazia
Articolo successivoDiorama dell’est #6

Gomorra e dintorni: Giovanni Meola

estratto da “LO SGARRO”
di
GIOVANNI MEOLA

Bello Pulecenella, l’avarrìa voluto fa’ comme mestiere ; invece i’ tengo ‘a guerra ‘ncapa, cu mme e cu ll’ati, e mi si deve portare rispetto per questo.
Voi pensate che è facile ?
Non è facile uccidere una persona dopo l’altra e farne uccidere altre, tante altre.
Ogni sbaglio punito con la vita, ogni sgarro pagato con la morte.
Io sono il giudice, il boia e il becchino : songo ‘nu boss in piena regola !

E la storia mia non è diversa da quella di tutti gli altri mariuoncelli ca se so’ fatti boss e capitani di squadra e di morte.
Sulo ca po’ uno sulo, sulamente uno addiventa ‘o rre !

Uno ti vede in mezzo alla strada a iuca’ a ‘o pallone e a fumma’ spinielli, e si ricorda di te, quando cercano a un minorenne che deve fare un servizietto particolare, un trasporto pericoloso.
Si informano della famiglia e più è povera la famiglia, più facile è l’arruolamento.
Io giocavo a pallone e fumavo ‘e spinielli già a unnic’anni.
Mammà me vuleva fa’ studia’, ma ‘na vota ‘nce dette ‘nu buffo e ‘a storia d’ ‘a scola fernette llà.
I’ ‘a vulevo bene a mammà, ma pe’ se fa’ rispetta’, s’aveva fa’ accussì.
Facevo ridere, facevo ‘o Pulecenella, perciò mi avevano notato, ma quando mi presero me facettero fa’ cierti cose che mi cambiarono.
Tutti ‘e guaglioni a quattordici anni cambiano se si ritrovano una pistola in mano e tanti soldi nell’altra.

Diventavo padrone di pezzi di nulla ogni giorno che passava ; terreni senza nessuna costruzione diventavano il centro delle mie operazioni, delle mie imprese, e poi diventavano miei, immensi cimiteri abusivi sui quali cominciai a vent’anni a costruire, a guadagnare…e a seppellire morti uccisi.
Tante famiglie per bene vivono, mangiano, pisciano e cacano su centinaia di morti ammazzati e se i morti ritornano, come dicono, figuratevi comme so’ chelli case.
E i’ me so’ fatto ricco, ricco e rispettato, pecché nun faccio rirere cchiù a nisciuno, anzi ‘a faccia mia appaura ‘a ggente.

Ma fare il boss di provincia, in provincia, è diverso che farlo in città.
Là stanno tanti divertimenti e se ti vai a fare una vacanza, te ne puoi andare al mare con la barca, paghi, ti porti le belle donne e pure la droga e nisciuno te sturzella ‘a capa.
Dint’a ‘sti paesi ‘e sfaccimma, invece, inciuciano, parlano male assaje e ‘o mare nun ce sta.
I’ nun tengo ancora trent’anni e già so’ viecchio, aggio fatto ‘o tiempo mio, me vonno fa’ fora, ‘o saccio.
E invece aggio passa’ ‘e juorni miezo a’ ‘e campi a costrui’, accidere e a me guarda’ ‘e spalle.
‘A pruvincia : facimmo schifo, a’ pruvincia, facimmo ‘e buffuncielle, a’ pruvincia, facimmo ‘e padruni, ma simmo ‘a scomma ‘e ll’uommene.
‘E femmene, passati ‘e vint’anni, s’hanno chiudere dint’ ‘e case ; si ‘na femmena nun è vergine, nun pò manco parla’, pecché nun vale niente.
‘E guagliuni ? O accidono, o se ne vanno a ‘o Nord.

E i’ facevo rirere, facevo ‘o Pulecenella : ma ca ce steva ‘a rirere ?

‘Sta pruvincia ‘e mmerda è sulitaria, quannno he acciso all’amici rimani tu sulo, perché quelli dei paesi vicini so’ nemici a forza : ‘a malatia d’ ‘a preta e ‘a smania d’ ‘o campo, nun ponno crea’ amicizie,sulo guerra.
Se perde cchiù tiempo a vendicare gli sgarri, che a farli.
Dovunque ti giri, c’è uno dei tuoi che ha fatto uno sgarro, una stronzata.
E i’ l’aggio puni’ tutti quanti, ‘e sgarri, pecché si no succede ‘o lutto, ‘o burdello.
I’ aggio essere inflessibile, per questo sono solo.
Song’ addiventato ‘o BOSS, ma song’ ‘o BOSS d’ ‘e muorti, d’ ‘e muorti accisi !

Ma comme vulesse turna’ a pazzia’ e a me fumma’ spinielli a undici anni, d’estate, cu ‘o cavero, e forse, pace all’anima ‘e mammà, me ne jesse pure a scola,
pe’ studia’.
I’ tengo ‘e sordi, ma nun tengo amici, ‘nu svago, ‘nu divertimento…non vivo !
E Pulecenella mio nun faceva rirere proprio cchiù a nisciuno, nun aveva maie fatto rirere a nisciuno.

Nota
di Giovanni segnalo
Giovedì 25 Ottobre 2007, ore 21.00
al teatro ‘Scaramouche’ – Aversa (CE)
(Viale Kennedy,6 – trav.Brodolini)

“L’INFAME”
scritto e diretto da GIOVANNI MEOLA
con LUIGI CREDENDINO

La serata è inserita nella

prima ‘Settimana dell’Impegno e della Memoria’

(Aversa 20-26 ottobre 2007)

organizzata da

Comitato Don Peppe Diana | LIBERA Ass.ni Nomi e Numeri contro le mafie e ass.ni culturaliScaramouche | Accademia It. D.CImarosa | Fotosciò

http://www.dongiuseppediana.it/

8 Commenti

  1. dire molto bello sembra un macabro scherzo, sarebbe da dire molto triste, ovviamente. Il problema è sempre come trovare almeno l’inizio di una strada per portarci fuori da quest0: pe’ se fa’ rispetta’, s’aveva fa’ accussì..

  2. Dolore che esce della maschera, gioco con la vita, gioco della miseria. Gioco mortale. Il teatro è nella strada, un luogo squallido, un corpo nel lago di sangue, la morte è come un gioco, un uome cade, una stella brucia nel cielo di Napoli, il murmuro del dialetto piange nella bocca, la parola esce del buio, attraversa la paura.

    Grazie effeffe, ho sempre un cuore a Napoli, un cornetto di cuore che si è fermato là.

  3. Con tutto il rispetto, davvero, per i Comitati che hanno organizzato la serata, ma a me il lamento del sacco di m… fa un effetto esilarante. mi ricorda guerre stellari: nei sotterranei di Jabbah il pianto dell’aguzzino cui è morto il mostro. A questo qui invece il mostro non è ancora morto, è malato. Lui deplora la provincia, pover’anima, ‘o mare nun ce stà, non si può neanche andare in barca a farsi una striscia con due puttane. E il cruccio di dover rimanere nei campi a sotterrare tutti quelli che hai ucciso? ma credete che sia facile uccidere tutta questa gente? Ah! io credevo di sì, cazzo. Come vorrebbe tornare bambino. Dategli un’altra possibilità (se volete ottenere un numero doppio di morti). Il peggior Mario Merola non avrebbe potuto fare di meglio. Come si fa a lottare contro questo mondo in questa maniera, cosa si rappresenta? di che stiamo parlando?
    Una cosa da morir dal ridere… se si potesse rimanere svegli.

  4. Caro O. C ,
    Basta è per me? Lascio perdere. Voglio dire che il Sud mi tocca, niente di più.
    Se il mio commento non ti piace, evita di leggermi…

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Memorie – Vincenzo Consolo

Memoria, memorie Introduzione di Claudio Masetta Milone al libro "Memorie" di Vincenzo Consolo (Dante & Descartes, 2020) “Avrei potuto, o potrei, giunto...

Le anime dei ragazzi a Napoli: un colloquio con Maurizio Braucci

di Mario Schiavone Quanti grammi pesa il cuore di un ragazzo di vita a Napoli? La domanda, forse poco...

Fare ciò che è Giusto

di Gianni Biondillo Date le polemiche che leggo in queste ore, mi piacerebbe per una volta non buttarla in politica...

Ricordi della natura umana. The last Saul

Presentiamo un saggio contenuto in L’albero del romanzo. Un saggio per tutti e per nessuno in uscita per Effigie...

Sistema #2

di Antonio Sparzani Dunque la nozione di sistema rigorosamente isolato è del tutto inutile per qualsiasi ragionamento fisico, dato che...

Metamorfosi del ricordo ai tempi dei social

  di Ornella Tajani Scopro oggi che non esiste più il rinnovo del passaporto: dopo dieci anni lo si cestina e...
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux