La strada

cormac_mccarthy.jpg

di Gianni Biondillo

Cormac McCarthy, La strada, 2007, Einaudi, traduzione di Martina Testa, 218 pag.

Non sono un capolavorista e Cormac McCarthy non ha certo bisogno dei miei peana per trovare nuovi lettori. Stiamo parlando di un autore che è riconosciuto, da decenni, come uno dei più lucidi e meglio rappresentativi della narrativa statunitense; il Pulitzer vinto proprio con questo romanzo, La strada, lo sta a dimostrare. Ma fatico davvero a non elogiare in modo esagerato questo libro che rasenta per me la perfezione.

Un padre, un figlio, in un mondo postapocalittico, con un sole pallido, un’aria irrespirabile, una terra arsa, senza più vita – né animale, né vegetale – se non qualche sparuto disperato sopravvissuto, pronto a tutto per prevaricare, per continuare ad esistere, non ostante tutto, non ostante la evidente, disperata, devastazione. In questa terra desolata nulla ha senso se non la flebile speranza di un viaggio, verso sud, verso l’oceano. Il racconto è tutto qui.

Ma è, soprattutto, nelle cose e negli atti di quotidiana sopravvivenza: nello snervante cammino, nella ricerca del cibo, dell’acqua, del fortunoso riparo notturno. È nell’amore inviolabile, sacro, che lega l’uomo al bambino. È nel fuoco che portano con loro, che scalda le loro anime alla deriva. E il padre, che è tutti i padri del mondo, si fa latore di un’etica, di una indefessa, irredimibile, volontà d’esistere; che non potrebbe resistere se non fosse insistentemente alimentata dall’obbligo morale di mantenere accesa la fiamma nel cuore del figlio. Lui è il cucciolo da proteggere sotto l’ala, ma è anche la divinità a cui sacrificare la propria, altrimenti insensata, esistenza.

La strada è un romanzo levigato, asciutto, dove non esiste parola fuori posto, inutile, ricattatoria. Un romanzo glaciale eppure profondamente emotivo, commuovente, che è riuscito a rendere opaca ogni scrittura che m’è capitato di leggere in questi mesi. Una metafora eterna dell’esistenza umana, crudele eppure inevitabilmente inarresa. È la vita che guarda ogni giorno in faccia la morte e che, cocciuta, non spegne mai la fiammella flebile della speranza.

[pubblicato su Cooperazione, n° 45 del 6 novembre 2007]

gianni biondillo

GIANNI BIONDILLO (Milano, 1966), camminatore, scrittore e architetto pubblica per Guanda dal 2004. Come autore e saggista s’è occupato di narrativa di genere, psicogeografia, architettura, viaggi, eros, fiabe. Nel 2011 il romanzo noir I materiali del killer ha vinto il Premio Scerbanenco. Nel 2018 il romanzo storico Come sugli alberi le foglie ha vinto il Premio Bergamo. Scrive per il cinema, il teatro e la televisione. È tradotto in varie lingue europee. 

Tags:

  16 comments for “La strada

  1. beccalossi
    8 dicembre 2007 at 17:38

    concordo. dopo questo libro ho sentito per la prima volta la sensazione che potrei decidere di non leggere più niente, nè di scrivere più niente.
    ‘La strada’ è necessario e sufficiente.

  2. Plessus
    8 dicembre 2007 at 18:14

    Una grande opera letteraria. Uno dei romanzi più disperati che abbia mai letto. In realtà non ricordo nella prosa un aggettivo che possa aver illuminato la lettura con una luce di speranza. Che sono riuscito ad intravedere, limitata ad uno dei due protagonisti e non certo all’umanità intera, solo alle ultimissime pagine. Alcune scene della storia si sono annidate nella memoria e camminano, con me, per la strada.

  3. Capuche
    8 dicembre 2007 at 18:31

    un libro che dà tanto
    non ci sono parole a spiegarlo
    la sua poesia tocca il sangue .

  4. davide vargas
    8 dicembre 2007 at 20:24

    Sono un grande appassionato di Cormac McCarthy è questo libro è tanto più bello se collocato alla fine del percorso dello scrittore che storia dopo storia, dal west fino ai nostri giorni e poi ad un futuro forse non tanto lontano, diventa sempre più essenziale. Come qualcosa che si prosciuga progressivamente. Nella scrittura e nei sentimenti. Che proprio per questo emergono dal superfluo giganteschi.

  5. 8 dicembre 2007 at 21:58

    Non so.
    L’ho letto in un fiato e l’ho trovato molto bello. Quando trovano il bunker pieno di scatolette mi sono quasi commosso e quando il babbo perlustra la nave sono rimasto col fiato sospeso. Certo il livello della scrittura è eccelso. Però è dura, ogni volta che ci si muove nel post apocalittico, uscire dai cliché. A ogni collina viene inevitabile aspettarsi di veder sbucare lord Homungus di Mad Max o i biker punk al servizio di Shin (Hokuto no Ken).

    sarmigezetusa

  6. 9 dicembre 2007 at 01:00

    non esiste parola fuori posto, inutile, ricattatoria

    Esatto.

  7. Tino S. Fila
    9 dicembre 2007 at 02:01

    In compenso c’è qualche refuso di troppo nella recensione…

  8. Nina
    9 dicembre 2007 at 14:36

    Questo è il passo, nella recensione, che più mi lega..

    ‘Ma è, soprattutto, nelle cose e negli atti di quotidiana sopravvivenza: nello snervante cammino, nella ricerca del cibo, dell’acqua, del fortunoso riparo notturno. È nell’amore inviolabile, sacro, che lega l’uomo al bambino…’

    Benedico Cormac
    per questa scrittura meravigliosa!
    Nina

  9. Tino S. Fila
    9 dicembre 2007 at 19:41

    “Benedico Cormac
    per questa scrittura meravigliosa!”

    Quale? Quella di Biondillo?

  10. 10 dicembre 2007 at 09:58
  11. Sandrosky
    10 dicembre 2007 at 15:37

    Scusi, sig. Tino, ma dove sono i refusi che io non li ho visti?

  12. Tino S. Fila
    10 dicembre 2007 at 17:05

    Allah è grande, tovarich Sandrosky: ha già provveduto a umettar di virtute e canoscenza l’egregio scritto del Biondìl profeta.

  13. Nina
    10 dicembre 2007 at 19:32

    di Cormac ce n’è solo uno.
    McCarthy, naturalmente.
    Scriverò anch’io sul suo (mio)
    sentire…

  14. 11 dicembre 2007 at 17:23

    Dicono che McCormac sia uno scrittore poco amato dalle donne.
    Dicono che ne fa sempre ritratti abbastanza meschini e marginali.
    Quando ho letto La strada ho pensato che ciò era vero.
    Però mi è piaciuto lo stesso.
    Sono troppo contraddittoria?

  15. 11 dicembre 2007 at 17:24

    McCarthy ovviamente. Volevo dire.

  16. 12 dicembre 2007 at 12:12

Comments are closed.