Photoshoperò #10 – detto anche dei due e più mondi

immagine di copertina: Philippe Schlienger

Print Friendly, PDF & Email

21 Commenti

  1. chereffeffe,
    sono appena rientrato a casa, e subito mi fai ripartire!
    che bel voyage au bord du train!
    vado alle porte del sonno con un pò di grazia, grazie a te!
    un abbraccio
    g.c.

  2. Ogn’or mi meravigli, tu effeffe
    sia treno, sia trina di vento
    o, sguincio, un pavimento
    dove posano, calando come beffe

    le tue scarpe guarnite da un merletto
    mentre osservi naso all’aria oppure cerchi
    nei visi della gente sentimenti parchi
    e ristauri in questo mondo disastrato

    piccoli paesi in photoshop, però
    porzioni di città esistenti
    e tutti sanno che non menti

    dicendo, lieve, live: “ Vedenti
    osservate la vita, però
    guardate al margine del mo’.”

  3. Mi ero dimenticato: una domanda:
    l’immagine di copertina di Philippe Schlienger
    l’ahi scelta perché in primo piano c’è
    il nostro comune amico Franz?

    G.C.

  4. tanti mondi e modi de passà.
    treni soffitti binari e sfere
    ‘sta geometria acustica de parole mi è piaciuta assai

    fem

    (gravitate de profondeur…)

  5. Che bellezza! Ho l’impressione di ritrovare un lembo d’infanzia,
    un velo delicato, un tempo poetico,
    un tempo di storia raccontata in murmuro,
    il tuo murmuro,
    vedo sul finestrino il tuo sguardo
    di bambino attraversare campo di neve,
    nella corsa del treno le tue parole cantate
    hanno la perfezione dell’aurora;
    mi rammento come bambina cantavo
    storie in murmuro mentre la corsa del mondo
    galoppa;
    la luna dei viaggiatori nasce e scompare,
    scompare e nasce
    sento il tuo fischio allegro e sospeso
    per fare tornare la memoria.

    Grazie per questo viaggio con te e altri commentatori,
    è bello come quando sei alla cima di albero
    e vedi il mondo.

    Posso prendre un altro biglietto?

  6. Cose.-Oasi- Non so. Lepri alla luce dei fari. Un’unghiata di gelo. Voci.Verba,una babele. Bello. Cha cha cha


  7. y los pies suben por calles de fatigas y dolores,
    cunas de fango ayer
    por los perdidos ideales se despiertan hoy
    mientras que tus sueños
    todavía nos trazan combinaciónes de líneas
    de blanca y negra humanidad …

    en los pasos nudos de tus pies
    todo el encanto de una voz antigua

  8. to Cream or not to cream?
    ho sentito annarella per stasera
    appuntamento confermato se parte il treno stop
    musica dottor Zivago e colbacco stop
    col bacco col tabacco e colla venere stop
    navigli al Bart via casale 6 angolo naviglio grande stop
    bottiglia di calvados per Grog (sex, grog and rock and roll)
    nous sommes tous des reversables
    effeffe

  9. notevolisssimo, mi pare che si va raffinando ulteriormente il linguaggio. da segnalare in particolare: le immagini in incipit; la sbellicante filastrocca del trenino; i lirici, emozionanti, vertiginosi decalage vocali, quasi simulazioni di gallerie o di interferenze del segnale.
    cito il soldato blu: ogn’or mi meravigli, tu effeffe

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Eppure, tutto ciò mi sembrava banale e normale: a lungo la scambiai per fortuna, ma avrei potuto giurare che non sempre era stato così; tuttavia, non saprei dirvi quando ho cominciato a notare che al mio passo, qualsiasi direzione io prendessi, i semafori diventavano verdi: solo di recente ho cominciato a notare gli anelli di quella catena che mi facevano essere inesorabilmente al posto giusto al momento giusto.

Te Diegum, Bolaño

di Giovanni di Benedetto
Nella sala d’attesa, mentre stavo consultando un catalogo, ricevetti un messaggio di mio padre in cui mi annunciava la morte di Diego Armando Maradona.

Radio days: Mirco Salvadori, Arlo Bigazzi & Vittorio Nistri

di Mirco Salvadori
Non c'è gusto in Italia ad essere felici ovvero come parlare e scrivere di musica, perduta indipendenza, tenebra e rivoluzione Pt. 2. facendo finta di esser sani. Mirco Salvadori in conversazione con Arlo Bigazzi e Vittorio Nistri

Diario di Saragozza: forever Jung

di Francesco Forlani
In queste nuove pagine, un valzer in tre tempi, si racconta di una magnifica impresa nata nel cuore della periferia della città grazie a due compagnie “Teatro del Temple” e “Teatro Che y Moche” che nel 2012 inventarono un progetto ambizioso e sociale, Il Teatro de Las Esquinas di Saragozza. E di Don Carlos liberador de las mariposas

Breaking women

di Sorour Kasmaï
Stigmatizzate dal 1979, le donne iraniane dimostrano attraverso le proteste per la morte di Mahsa Amini di essere la forza vitale del Paese, secondo l’analisi della scrittrice e curatrice editoriale franco-iraniana Sorour Kasmaï.

Latin Connection

di Gigi Spina
La lettura del testo di Apuleio in traduzione, con confronti continui con l’originale, mi portò a ricordare quasi automaticamente Fuori orario di martin Scorsese, per nulla in particolare se non per le numerose peripezie e forse per qualche metamorfosi del protagonista.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: