Photoshoperò#12- sed ent aria

Print Friendly, PDF & Email

15 Commenti

  1. Spero vedere nella giornata. Per il momento la salle multimédia è occupata da un professore. Allora aspetto…
    E’ come un dolce, si aspetta, e troppo lunga l’attesa…

  2. apro la finestra a volte vedo il sole
    altre un gran nuvolone

    qui non arriva la neve a piovere
    ch’é di sabbia
    l’acqua affonda le radici
    e il sale insaporisce il mare.

    bellello, bellello.

  3. nel senso contrario delle cose si rivela la luce della poesia di Francesco
    il colore cupo di chi sa andare oltre la semplice visione proprio come l’immenso Caravaggio
    ogni volta che appare sullo schermo il piccolo filmato ripreso con due cuori e molti occhi mi accorgo che molto spesso la bellezza è come un cielo azzurro
    non ha proprietà privata
    si trasmette a tutti
    con un soffio
    attraverso le parole
    come queste
    c.

    grazie @ effeffe

  4. Il labrinto dei viaggi, tornare, tornare,
    Il Visuvio, rassicurante volto,
    perché sono due ombre
    che ti salutano,
    il blu grigio

    – pericoloso da sporgersi nel
    labirinto dei sentimenti-

    incontrare nella luce interiore
    la pittura contemplata con il dorato
    della candela, di bocca a bocca,
    in un tempo eterno.
    Una grazia,
    un’offerta

    tornare alla riva amata,
    dal senso contrario
    al cuore

  5. Spesso Effeffe parte
    ma poi non parte
    Resta

    Quindi se parte
    e non s’arresta
    è festa

    Mesta sarebbe
    la giornata
    senza Effeffe

  6. per rispondere a Lucia
    sono d’accordo sulla narratività delle immagini al punto che tra le due narrazioni, quella visiva e quella testuale passa sempre un po’ di tempo. come dice un comune amico, la pittura, la pittura (sospiro) è difficile (da accompagnare)

    a Natalia
    a volte penso che dovrei incorporare certe tue riflessioni nei photoshoperò

    a Verò
    (la meme chose)

    a soldato blu
    ( avrei dovuto ringraziarti per aver usato la tua camera dal maestro caravaggio e per avermi poi spedito il filmato) e infatti ti ringrazio
    :-)

    a sparzo
    che vedrò tra meno una settimana dico solo di preparare casa e librerie alla mia venuta ( informali che li filmerò)

    a carmine
    vale quello che ho detto a Natalia e a verò. quando non vi sentirò più accanto significherà per me tempo di smettere (cioè passare ad altro)

    a marco
    ti ho mandato le splendide tavole che Otto Gabos ha fatto della nostra canzone la comunarda

    effeffe

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Les nouveaux réalistes: Giovanni Palilla

di Giovanni Palilla
Eppure, tutto ciò mi sembrava banale e normale: a lungo la scambiai per fortuna, ma avrei potuto giurare che non sempre era stato così; tuttavia, non saprei dirvi quando ho cominciato a notare che al mio passo, qualsiasi direzione io prendessi, i semafori diventavano verdi: solo di recente ho cominciato a notare gli anelli di quella catena che mi facevano essere inesorabilmente al posto giusto al momento giusto.

Te Diegum, Bolaño

di Giovanni di Benedetto
Nella sala d’attesa, mentre stavo consultando un catalogo, ricevetti un messaggio di mio padre in cui mi annunciava la morte di Diego Armando Maradona.

Radio days: Mirco Salvadori, Arlo Bigazzi & Vittorio Nistri

di Mirco Salvadori
Non c'è gusto in Italia ad essere felici ovvero come parlare e scrivere di musica, perduta indipendenza, tenebra e rivoluzione Pt. 2. facendo finta di esser sani. Mirco Salvadori in conversazione con Arlo Bigazzi e Vittorio Nistri

Diario di Saragozza: forever Jung

di Francesco Forlani
In queste nuove pagine, un valzer in tre tempi, si racconta di una magnifica impresa nata nel cuore della periferia della città grazie a due compagnie “Teatro del Temple” e “Teatro Che y Moche” che nel 2012 inventarono un progetto ambizioso e sociale, Il Teatro de Las Esquinas di Saragozza. E di Don Carlos liberador de las mariposas

Breaking women

di Sorour Kasmaï
Stigmatizzate dal 1979, le donne iraniane dimostrano attraverso le proteste per la morte di Mahsa Amini di essere la forza vitale del Paese, secondo l’analisi della scrittrice e curatrice editoriale franco-iraniana Sorour Kasmaï.

Latin Connection

di Gigi Spina
La lettura del testo di Apuleio in traduzione, con confronti continui con l’originale, mi portò a ricordare quasi automaticamente Fuori orario di martin Scorsese, per nulla in particolare se non per le numerose peripezie e forse per qualche metamorfosi del protagonista.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: