Articolo precedenteIRRESPONSABILE
Articolo successivoRyoko Sekiguchi ::: Apparizione :::

Il ritorno della munnezza

Questo video che documenta il primo carico di rifiuti tal quale finito nell’inceneritore di Acerra, mi è stato segnalato da Maurizio Braucci. Il movimento campano Rifiuti Zero da appuntamento per il 25 e 26 marzo affinché la truffa non si consumi in silenzio. hj

4 Commenti

  1. Già troppe volte la nostra gente ha subìto la repressione feroce di chi pretende di usare le nostre vite per i suoi sporchi affari. Abbiamo resistito sempre, e le nostre sommosse sono state gli scoppi di rabbia che salgono dalla dignità schiacciata impossibile da far tacere. Abbiamo agito per vie legali, per vie democratiche, col dialogo e la richiesta, sperando che la legge imparziale fosse semplicemente applicata. Delusi dal vuoto in cui hanno ricacciato le nostre giuste richieste, siamo straripati nelle strade. E lì ad attenderci c’era solo la repressione organizzata del braccio armato dello Stato. Adesso è troppo. Dobbiamo dimostrare a chi verrà nelle nostre terre per conferirsi meriti e glorie guadagnati sul nostro sangue che siamo ancora vivi e sappiamo ancora cos’è la dignità. Dobbiamo urlare e urtare contro la forza che ha segnato il destino di morte della nostra terra, con una forza altrettanto implacabile e feroce. Dobbiamo scoprire dentro noi stessi l’inestinguibile volontà di vivere in un luogo salubre, prospero, felice, dove il futuro ha la forma che NOI gli daremo. Dobbiamo far capire allo Stato, all’Italia, alla gente comune e ai potenti che il nostro destino non può essere segnato con un tratto di penna sul piano gestione rifiuti. Dobbiamo portare all’attenzione di tutti che le discariche abusive e gli scarichi tossici della Montefibre hanno già avvelenato le fonti primarie dell’esistere, e che è venuto il momento di bonificare e pulire, di rendere vivibile e BELLO il nostro paese, degno del sorriso di un bambino. Dobbiamo rifiutare l’ennesimo atto di stupro della nostra terra e dei nostri corpi. Per tutto ciò, il 26 marzo lotteremo. Per riavere ciò di cui ci stanno rapinando. La nostra vita.

    CHI NON AMA LA PROPRIA TERRA È FIGLIO DI NESSUNO

  2. Salvatore,

    Il mio cuore è con te. Ho l’immagine del film Gomorra, le mele rosse portando il veleno dentro. Paesaggio sradicato.

  3. @salvatore
    “…dove il futuro ha la forma che NOI gli daremo…”.
    temo che già il presente abbia la forma che VOI gli avete dato.
    e anche il passato.

  4. Troppo umili o troppo arroganti, troppo servi o troppo autonomi, troppo VOI o troppo NOI.

    Critiche prive di costruttività come un terreno intossicato, da cui germina solo sottrazione.

    Quando il senso civico e di appartenenza è secco e morto la chiamata all’azione deve ridare un posto nel mondo troppo a lungo obliato. Essere di nuovo fautori della storia equivale a percepirla come cosa propria. E dà forza. Infine, si agisca o no, la storia travolge chiunque, anche chi dal basso della sua ignavia era troppo occupato a fare distinguo.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Le anime dei ragazzi a Napoli #2: un colloquio con Giulia Sagliocco

di Mario Schiavone Quanti grammi pesa il cuore di un ragazzo di strada a Napoli? mi sono chiesto nel primo...

Le anime dei ragazzi a Napoli: un colloquio con Maurizio Braucci

di Mario Schiavone Quanti grammi pesa il cuore di un ragazzo di vita a Napoli? La domanda, forse poco...

Sul Vulcano: intervista al regista Gianfranco Pannone.

Igiaba Scego Sul vulcano, l'ultimo film documentario di Gianfranco Pannone, oltre a continuare il tour nelle sale cinematografiche di...

Gangs of Naples (with a little padan-green)

di Maurizio Braucci Il filosofo francese Henri Lefebvre scriveva già nel 1968 che l’automobile a benzina era un mezzo ormai...

Un po’ per uno

di Helena Janeczek Prima di dare il mio contributo minimo alle piazze di Roma o Milano, mi sono trovata turista...

Per la chiusura del CIE di Santa Maria Capua Vetere

firmato da Maurizio Braucci, Goffredo Fofi, Alessandro Leogrande, Roberto Saviano, Petizione al Ministero dell’Interno del Governo Italiano per la chiusura...
helena janeczek
Helena Janeczek è nata na Monaco di Baviera in una famiglia ebreo-polacca, vive in Italia da trentacinque anni. Dopo aver esordito con un libro di poesie edito da Suhrkamp, ha scelto l’italiano come lingua letteraria per opere di narrativa che spesso indagano il rapporto con la memoria storica del secolo passato. È autrice di Lezioni di tenebra (Mondadori, 1997, Guanda, 2011), Cibo (Mondadori, 2002), Le rondini di Montecassino (Guanda, 2010), che hanno vinto numerosi premi come il Premio Bagutta Opera Prima e il Premio Napoli. Co-organizza il festival letterario “SI-Scrittrici Insieme” a Somma Lombardo (VA). Il suo ultimo romanzo, La ragazza con la Leica (2017, Guanda) è stato finalista al Premio Campiello e ha vinto il Premio Bagutta e il Premio Strega 2018. Sin dalla nascita del blog, fa parte di Nazione Indiana.