Articolo precedenteIl ritorno della munnezza
Articolo successivoAnima latina

Ryoko Sekiguchi ::: Apparizione :::

A Roma, mercoledì 18 marzo 2009, alle ore 20:00

presso il Centro culturale
La Camera Verde
(via G. Miani 20)

presentazione del libro felix

APPARIZIONE 

(studi vapore) / indagine sul vapore

di Ryôko Sekiguchi

edizione trilingue (giapponese, francese, italiana)
a cura di Andrea Raos

Sarà presente l’autrice, che leggerà alcuni brani

Interventi di Andrea Raos e Marco Giovenale


*

Ryôko Sekiguchi è nata a Tokyo nel 1970, vive a Parigi. Scrive in giapponese e in francese. Sei libri in giapponese, sette in francese. Tra gli altri: CalqueHéliotropesDeux marchésde nouveau (presso POL), Adagio ma non troppo (Le Bleu du Ciel)Série Grenade suivi de Etudes Vapeur (Le Bleu du Ciel / Les Comptoirs de la Nouvelle B. S.). Ha tradotto Jean Echenoz, Atiq Rahimi, Pierre Alferi, Gozo Yoshimasu e Yoko Tawada.

*

a differenza di una posizione lirica del testo, è il movimento contrario a brillare (e convincere) nei testi di Ryôko Sekiguchi: la lirica della posizione del testo. quindi la collocazione geometrica dei blocchi di prosa. il loro reorientamento. così come il colore non è l’oggetto dell’innamorarsi dello sguardo autoriale, ma il soggetto di quella azione percettiva, di quel guardare. lo agisce, gli dà orizzonte.
[ m.g. ]

 

 

* * *

 

::: Collana FELIX :::

La Camera Verde
via G. Miani 20 – 00154 Roma
tel. 3405263877

3 Commenti

  1. fossi a Roma, verrei su una gamba sola in quella deliziosa camera verde, ma così non è, purtroppo. Perché non fate un filmato da youtube o simili? Grazie e ciao.

  2. Complimenti. La traduzione di Andrea Raos è sempre cesellata nel ritmo, il murmuro. E’ nella bellezza pudica, delle cose furtive. Ho già letto poesia di Ryoka Sekiguchi in una prosa poetica splendida, perfezione della lingua e della sintassi. Per me è solare, acquatico: mi fa pensare a un giardino minuzioso.

    Condivido la proposta di Sparz.
    E’ quando una visita in Francia, Andrea?

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Poesia e perdita. Un’intervista di Gilda Policastro a Franco Buffoni

L'intervista-dialogo che segue nasce da un incontro di poesia, tenuto presso la scuola Molly Bloom nel 2017.   Poesia e perdita:...

Dante in love

di Marino Magliani
Se mi chiedessero di far tornare Dante da qualche parte su questa terra, mi piacerebbe fosse in Liguria, il luogo preciso non importa ...

Confini. Intervista a Francesco Tomada

di Claudia Zironi   Francesco Tomada, poeta, insegnante di materie scientifiche nella scuola superiore, abita una terra di confine, in senso...

Anatema

di Rosaria Lo Russo I miei sogni erotici sono stati ammalati dal potere   nonostante il non potere   nonostante il bello del settantasette i...

Fly Mode: Gabbia azzurrina

La prospettiva del libro Fly Mode di Bernardo Pacini è assai singolare - non appartiene a un essere che...

Francesco Brancati: “che cosa resta nascosto nel sangue”

  di Francesco Brancati     I nomi (da L'assedio della gioia)   1. Hanno tutti un nome, gli individui che conosce e che incontra ogni giorno; le...
Avatar
Andrea Raos
andrea raos ha pubblicato discendere il fiume calmo, nel quinto quaderno italiano (milano, crocetti, 1996, a c. di franco buffoni), aspettami, dice. poesie 1992-2002 (roma, pieraldo, 2003), luna velata (marsiglia, cipM – les comptoirs de la nouvelle b.s., 2003), le api migratori (salerno, oèdipus – collana liquid, 2007), AAVV, prosa in prosa (firenze, le lettere, 2009), AAVV, la fisica delle cose. dieci riscritture da lucrezio (roma, giulio perrone editore, 2010), i cani dello chott el-jerid (milano, arcipelago, 2010), lettere nere (milano, effigie, 2013), le avventure dell'allegro leprotto e altre storie inospitali (osimo - an, arcipelago itaca, 2017) e o!h (pavia, blonk, 2020). è presente nel volume àkusma. forme della poesia contemporanea (metauro, 2000). ha curato le antologie chijô no utagoe – il coro temporaneo (tokyo, shichôsha, 2001) e contemporary italian poetry (freeverse editions, 2013). con andrea inglese ha curato le antologie azioni poetiche. nouveaux poètes italiens, in «action poétique», (sett. 2004) e le macchine liriche. sei poeti francesi della contemporaneità, in «nuovi argomenti» (ott.-dic. 2005). sue poesie sono apparse in traduzione francese sulle riviste «le cahier du réfuge» (2002), «if» (2003), «action poétique» (2005), «exit» (2005) e "nioques" (2015); altre, in traduzioni inglese, in "the new review of literature" (vol. 5 no. 2 / spring 2008), "aufgabe" (no. 7, 2008), poetry international, free verse e la rubrica "in translation" della rivista "brooklyn rail". in volume ha tradotto joe ross, strati (con marco giovenale, la camera verde, 2007), ryoko sekiguchi, apparizione (la camera verde, 2009), giuliano mesa (con eric suchere, action poetique, 2010), stephen rodefer, dormendo con la luce accesa (nazione indiana / murene, 2010) e charles reznikoff, olocausto (benway series, 2014). in rivista ha tradotto, tra gli altri, yoshioka minoru, gherasim luca, liliane giraudon, valere novarina, danielle collobert, nanni balestrini, kathleen fraser, robert lax, peter gizzi, bob perelman, antoine volodine, franco fortini e murasaki shikibu.