Articolo precedenteDa presso alla bellezza
Articolo successivoViaggiare per non arrivare mai

Mia madre

donald-judd-six-aquatints-nos118-23-1980

di Christophe Tarkos

(da : Oui, Al Dante Marseille, 1996, ristampato in Id., Écrits poétiques, POL, Paris, 2008)

traduzione di Italo Testa

Mia madre è un uomo è falso. Mia madre non è un uomo. Mia madre è una donna. Una donna non è un uomo. Mia madre è una donna, mia madre non è un uomo. Una madre è una donna. Mio padre è una donna è falso. Mio padre è maschile. Mia madre è femminile. Mia madre è una donna. Mia madre è mia madre. Mia madre è una madre per me. Mia padre è madre. Io sono suo figlio. Io sono una donna è falso. Io sono il figlio di mia madre. Io sono figlio, mia madre è madre. Mio padre è padre. Io sono il figlio di mia madre e di mio padre. Mia madre non è un uomo, mia madre non è una donna e mio padre non è una donna. Io non sono una donna. Io non sono una donna. Mia madre è una donna. Una donna non è un uomo. Un figlio non è una donna. Un padre è un uomo, un padre non è una donna. Mia madre è madre. Una madre è una donna e un padre è un uomo. Io sono il figlio di mia madre. Mia madre è una donna e mio padre è un uomo. Io sono il figlio di mia madre. Mia madre è una donna e mio padre è un uomo. Io sono il figlio di mia madre. Mia madre è una donna e mio padre è un uomo. La donna è la madre e l’uomo è il padre. Il padre non è madre, Il padre è maschile, la madre è femminile. La figlia è femminile. Il figlio è maschile. Mia madre ha un figlio. Io sono il figlio di mia madre. Io sono anche il figlio di mio padre. Mio padre è padre. Mio padre è un uomo. Mia madre non è mio padre. Mia madre è una donna e mio padre è un uomo. Io non sono mia madre. Mia madre. Mia madre è una madre e io sono suo figlio. Mio padre è mio padre. Io sono il figlio di mio padre. Mia madre non è un uomo.

[immagine: Donald Judd: Six aquatints, 1980]

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. Strana questa poesia con affermazioni incerte.
    Il potere della poesia è di fare sentire il contrario dell’affirmazione.
    Mia madre è un uomo, mia madre non è una donna.
    Non sono il figlio di mio padre.
    Il potere di creare un ingarbuglio delle affirmazioni.
    Dentro la mente la confusione si oppone al perfetto verso.

    Ringrazio Ni par il viaggio frequente nella poesia francese.

  2. Borghezio è un suino è falso. Borghezio non è un suino. Borghezio è una politico. Una politico non è un suino. Borghezio è una politico, Borghezio non è un suino. Borghezio è una politico. Il suino è una politico è falso. Suino è animale. Borghezio è uomo. Borghezio è una politico. Borghezio è Borghezio. Borghezio è Borghezio per me. Suino non è Borghezio. Io sono un suo elettore. Io sono una politico è falso. Io non sono un elettore di Borghezio è falso. Io sono un elettore, Borghezio è Borghezio. suino è suino. Io non sono un elettore di Borghezio ed è mio il suino . Borghezio non è un suino, Borghezio non è una politico?, allora anche il mio suino non è una politico!. Io non sono una politico. Io non sono un suino. Borghezio è una politico. Una politico non è un suino. Un elettore non è una politico. Un suino è un suino, un suino non è una politico. Borghezio è Borghezio. Borghezio è una politico e un suino è un suino. Io sono un elettore di Borghezio. Borghezio è una politico e il mio suino è un suino. Io sono un elettore di Borghezio. Borghezio è una politico ed il suino è un suino. Io sono un elettore di Borghezio. Borghezio è una politico e il mio suino è un suino. Il politico è Borghezio e il suino è il suino. Il suino non è Borghezio, Il suino è animale, Borghezio è umano. Il suino è animale. l’elettore è umano.Borghezio ha un elettore. Io sono l’elettore di Borghezio. Io sono l’elettore del mio suino. Il suino è suino. Il suino è un suino. Borghezio non è mio suino.Borghezio è una politico e il mio suino è un suino. Io non sono Borghezio, Borghezio è Borghezio e non un suino e io sono suo elettore. Suino è il mio suino. Io sono l’elettore del mio suino. Borghezio non è un suino. Il mio suino l’ho però eletto il miglior suino tra i miei suini.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Mots-clés__Coniglietti

di Orsola Puecher
"... questa lettera gliela invio a causa dei coniglietti, mi sembra giusto che lei ne sia al corrente; e perché mi piace scrivere lettere, e forse perché piove."

Distopia del ritorno

di Lisa Ginzburg
C'è in ogni ritorno un moto circolare; quasi, verrebbe da dire, è essenza del rivolgersi all'indietro, sua prospettiva obbligata, una geometria concentrica

Apocalisse e altre visioni

Maria Grazia Calandrone scrive dell'ultimo libro di Alessandro Celani, archeologo, studioso e poeta prematuramente scomparso, del desiderio di "abitare un’unica realtà, che abbracci ogni elemento vivo e morto, conosciuto e sconosciuto".

L’Anno del Fuoco Segreto: Su Monomeri e Futuro

di Gabriele Merlini «E comunque, se ti interessa, lascia perdere e ascolta me.» Vicino al materasso la lampadina ha la silhouette della befana e il telefono trasparente, nel caso provi a inclinarlo, emette ancora quello strano rumore di oggetti che scoppiano per inattese pressioni dei polpastrelli.

Storie di Fiorino: lago in collina

(l'ultima storia di Fiorino è qui) “Paolaaa!” “Sì, bestia?” Ecco, era quello che lo colpiva di lei, di quella ragazzina di tredici...

Mots-clés__Latte

di Enrica Maria Ferrara
Il giorno che sono arrivato qui. Mi hai detto che ti hanno rubato il latte. Prima non sapevo che cos’era che l’aveva sconvolto. È stato quello, credo. Sapevo solo che c’era qualcosa che l’aveva fatto a pezzi.
andrea inglese
Andrea Inglese (1967) originario di Milano, vive nei pressi di Parigi. È uno scrittore e traduttore. È stato docente di filosofia e storia al liceo e ha insegnato per alcuni anni letteratura e lingua italiana all’Università di Paris III. Ora insegna in scuole d’architettura a Parigi e Versailles. Poesia Prove d’inconsistenza, in VI Quaderno italiano, Marcos y Marcos, 1998. Inventari, Zona 2001; finalista Premio Delfini 2001. La distrazione, Luca Sossella, 2008; premio Montano 2009. Lettere alla Reinserzione Culturale del Disoccupato, Italic Pequod, 2013. La grande anitra, Oèdipus, 2013. Un’autoantologia Poesie e prose 1998-2016, collana Autoriale, Dot.Com Press, 2017. Prose Prati, in Prosa in prosa, volume collettivo, Le Lettere, 2009; Tic edizioni, 2020. Quando Kubrick inventò la fantascienza. 4 capricci su 2001, Camera Verde, 2011. Commiato da Andromeda, Valigie Rosse, 2011 (Premio Ciampi, 2011). I miei pezzi, in Ex.it Materiali fuori contesto, volume collettivo, La Colornese – Tielleci, 2013. Ollivud, Prufrock spa, 2018. Romanzi Parigi è un desiderio, Ponte Alle Grazie, 2016; finalista Premio Napoli 2017, Premio Bridge 2017. La vita adulta, Ponte Alle Grazie, 2021. Saggistica L’eroe segreto. Il personaggio nella modernità dalla confessione al solipsismo, Dipartimento di Linguistica e Letterature comparate, Università di Cassino, 2003. La confusione è ancella della menzogna, edizione digitale, Quintadicopertina, 2012. La civiltà idiota. Saggi militanti, Valigie Rosse, 2018. Con Paolo Giovannetti ha curato il volume collettivo Teoria & poesia, Biblion, 2018. Traduzioni Jean-Jacques Viton, Il commento definitivo. Poesie 1984-2008, Metauro, 2009. È stato redattore delle riviste “Manocometa”, “Allegoria”, del sito GAMMM, della rivista e del sito “Alfabeta2”. È uno dei membri fondatori del blog Nazione Indiana e il curatore del progetto Descrizione del mondo (www.descrizionedelmondo.it), per un’installazione collettiva di testi, suoni & immagini.
Print Friendly, PDF & Email