Articolo precedentePremio Stephen Dedalus 2009
Articolo successivoAntiLars [cinema sho(r)t #1]

Art. 67 Il bambino comunista dandy: alimentare what’s on?

articolo dedicato al PCD (poeta comunista dandy) Andrea Inglese che compie gli anni. E al 1967, la belle époque.
effeffe

andriu

Quando il bambino comunista dandy ha fame sono cazzi. Per evitare assalti frontali alla tranquillità domestica è opportuno che l’entourage rispetti una dopo l’altra le regole che seguiranno, con una coscienza assoluta del rischio in cui si incorre nel caso in cui non fossero rispettate, come quello di ritrovarsi un adulto in casa o peggio ancora un bimbo democristiano.

Il bambino comunista dandy e gli omogeneizzati
Essendo di natura anticonformista e panico, il bcd messo di fronte a una simile poltiglia reagirà con una contaminazione, pollockiana, via sputo, della carta da parati appena sistemata, manifestando una predilezione per quella liberty del salone ma senza trascurare quella finto social democratica, apposta in cucina a fasce regolari. A nulla servirà riprodurre allora fantasiosi aeroplanini wroom wroom con volo in picchiata del cucchiaio né tanto meno l’odiatissimo seppur gettonato elicottero. Accade infatti inspiegabilmente che parta la musica di Apocalypse Now, e in quella nuova, tutta moderna cavalcata delle valchirie il bambino comunista dandy cominci dapprima con rigurgito e poi con eccessi di vomito a bombardare velivolo e mano del pilota con la stessa perizia di un’antiaerea israeliana.

9783822826195_2

Regola detta della Marie Antoinette: Mai dire ” che si mangi delle brioches”
Pronto a prendere le armi sotterrate in giardino non appena subodori vento di rivolta, il novello sans-culotte posto di fronte a un atteggiamento parentale troppo snob, stabilirà immediatamente una graduatoria del tipo di brioches secondo cui si potranno negoziare o meno minuti di tranquillità e tregua dello spirito.
Se le preferenze dei bambini italiani vanno alle merendine del Mulino Bianco, simbolo di un’utopia buonista e tutta moderna, il bambino comunista dandy gli preferirà di gran lunga il buondì motta, per la sua componente neorealista e pre industriale. Ai biscotti Athena da lumpenproletariat e in vago sentore di Arcadia, essendo il bambino comunista dandy, decisamente spartachista, preferirà gli Oro Saiwa sia perché ricorda il famoso fiume yugoslavo e i suoi partizan sia per l’impiego improprio fatto dalla sua sorella maggiore Rosaria, con crème anglaise e Vermouth.

Il bambino comunista dandy e i ricostituenti
Decisamente refrattario seppure controvoglia all’invenzione totalitaria e orwelliana del Be-total, il bambino comunista dandy rifiuterà altresì quella forte della tradizione nostrana, detta anche la bomba, con omaggio a Bartali e Coppi e simpatia maggiore verso quest’ultimo, che consiste nel nutrire l’infante con un melange da arma impropria: latte, uovo sbattuto, biscotti plasmon, e polvere di cioccolato. Avendo subito almeno una volta questo tipo di trattamento che annovera tra le controindicazioni quella di percorrere tutto il tratto da casa a scuola scoreggiando e ruttando, il bambino comunista dandy si sottrarrà con ogni mezzo al trattamento nutrizionista. Al Nesquik in netta contraddizione con il suo spirito slow food, il bambino comunista dandy preferirà ovomaltina anche per la sobrietà della confezione e dell’aspetto colonna militare fallica. va comunque registrata una naturale avversione alle marche tarocche. Mai e poi mai somministrare al bambino comunista dandy della simil Nutella, o peggio ancora della simil Coca Cola, perché renderà quasi immediatamente infernale l’operazione successiva di poco del cambio del pannolino e degli abiti in generale.

Bavaglio sì ma da rapina
Avendo il bambino comunista dandy una naturale avversione all’esercizio della parola durante i pasti bisognerà provvedere a fornire al piccolo, un bavaglino con a seconda delle stagioni, Lenin, Marx (brothers), Che Guevara, e al grande bavaglio modello bande à Bonnot, o Joe Strummer che impedisca ai parenti di sparare cazzate durante l’ennesima rapina di tempo ai danni del piccolo, che non avendo ancora esperito le virtù dell’alcol riterrà superflua quell’attività dell’alimentarsi rispetto ai giochi. Cui dedicheremo il prossimo articolo.

Print Friendly, PDF & Email

17 Commenti

  1. Essendo io stata una bambina comunista dandy del 1967 non posso che applaudire e riconoscermi e pure far gli auguri all’Ingles! Un solo dubbio un po’ dandy: come porsi davanti ai Bucaneve Doria? (ovviamente inseriti nel loro comodo pacchetto a tubo)

  2. Ohibò, le gaff via gmail. Auguri, Andrea. Mi faccio perdonare l’ignoranza allegando una poesia che – si vocifera in certi corridoi – sia la tua preferita. Voilà:

    Ad una misteriosa commessa della Camera

    Dolente fulgore
    Mite regina
    Misteriosa malia
    Polvere di stelle

    (S. Bondi)

    Hail!

  3. Auguri al grande Andrea Inglese nato in 1967 ( anno della mia nascita e puro nel mese di Luglio, come lui, dunque cancro e capra)…

    Complimenti a effeffe, prima per l’immagine con il bebè carino e l’idea…
    Il testo è superbe, nella lingua, l’idea ( cibo e attegiamento del bambino comunista)

    Non so se ero una bambina comunista come Maria Luisa :-)

    Le delizie dell’infanzia:

    Berlingots de lait sucré avec des arômes divers, sachets de poudre sucré pétillante à mettre sur la langue, nutella,
    barquettes à la fraise, petits beurre, liquirizia…. e altre invenzione che hanno i bimbi per la cucina…

    Mi piaceva decorare con petali le torte.

    Un paradiso. Quando gustavo un lembo di questo paradiso, mi sembrava lungo il tempo di piacere gustativo. Ora un delizio mi pare di sapore fuggitivo.

    Sarebbe una bell’idea dedicare un articolo sul tempo del bambino comunista.

  4. “Mi piace l’odore del Napalm al mattino…” sa di poesia (dandy)
    (liberamente tratto da Apocalypse Now)

    Auguri sinceri all’amico Inglese (bravissimo poeta) da un poeta poco comunista e molto dandy (del 65).

    Un abbraccio ad FF

    PVita

  5. la parola bambino mi affascina l’undici luglio è un giorno speciale per l’altra parte di me insomma auguri
    c.

  6. faccio anch’io gli auguri comunisti al mio coetaneo Inglese. in quanto ai dandy come ai radical chic, francamente non li ho mai sopportati.

  7. Se, in qualità di padre di una bambina comunista dandy, dovessi aggiungere un contributo alla fenomenologia del tipo, credo che scriverei qualcosa a proposito dell’acqua: al b.c.d. piace molto nuotare, va matto per la piscina e attraverserebbe certamente a nuoto il Fiume Giallo, ma esprime una brechtiana avversione per il bagnetto: preferisce deturnare situazionisticamente paperelle, pettini, detergenti e la stessa acqua del rubinetto scagliando e spruzzando il tutto in giro per casa.

  8. per i libello in corso sarai citato
    per questa annotazione doppiamente vera
    primo perché vitale due perché marina
    che come si sa adottava il famoso principio
    Femmes et enfants d’abord
    la bcd , alfabeta del partito, sarà dunque la primissima
    ad abbandonare la nave
    effeffe

  9. gentile effeffe, mi scusi, ma alla fin fine, alla luce anche dei commenti quissù: è proprio sicuro che trattasi di bambino-comunista-dandy e non di bambino-comunista-denty?

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

La vie en bleu ( France): laboratorio di scritture

di effeffe
Dossier a cura di Giulia Molinarolo, Patrizia Molteni, Francesco Forlani, Wu Ming 2, con la partecipazione degli “scrittori” dell’atelier condotto da Wu Ming 2 e sostenuto dalla Consulta per gli emiliano-romagnoli del mondo su un progetto di Alma Mater, UniBo. Racconto fotografico di Sergio Trapani

Colonna (sonora) 2023

di Claudio Loi
Come ogni anno eccoci alle solite classifiche, un’operazione che non serve a nulla e proprio per questo indispensabile. Un giochino che serve – così spero - a tenere viva una passione che a sua volta ci tiene vivi e a continuare a divertirci ascoltando musica, cercando di cogliere i nuovi fremiti che arrivano dalle diverse parti del mondo conosciuto.

Lost in translation

di Francesco Forlani
Manuel Cohen che mi aveva voluto nell'antologia mi chiese di provvedere alla traduzione in italiano dei testi scritti in furlèn, nel mio idioletto come del resto ogni poeta aveva fatto per le proprie composizioni in dialetto. È stata la sola volta in cui ho tentato di autotradurmi e sinceramente non so se l'esperimento sia andato a buon fine

Così parlò Malatestra

di Errico Malatesta
Ma è possibile abolir la famiglia? È desiderabile? Questa è stata, e resta ancora, il più gran fattore di sviluppo umano, poiché essa è il solo luogo dove l'uomo normalmente si sacrifica per l'uomo e fa il bene per il bene, senza desiderare altro compenso che l'amore del coniuge e dei figli.

Diaporama

di Enrico De Vivo
La sera del 15 settembre 2022 Salvatore Cuccurullo, maestro di pianoforte di Angri ed emigrato in Veneto circa vent’anni fa per insegnare, stava morendo in un ospedale di Vicenza. Dopo aver ricevuto la notizia, ho trascorso la serata fino a tardi a guardare le sue foto

Limina moralia: Méli Mélo

di Francesco Forlani
Com’è possibile che tra il XIX e il XX secolo, mentre in tutta Europa nascevano i grandi classici, in Italia esce solo un romanzo considerato degno di nota, "I promessi sposi" di Manzoni? Si parte da questa affascinante anomalia per ricostruire il complesso rapporto tra letteratura e musica, delineando i contorni d'una invenzione made in Italy: il melodramma.
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
Print Friendly, PDF & Email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: