Zoo

di Davide Racca

Stessa faccia stessa razza – dice il greco.

La scimmia dello zoo – con la mano
al mento, si concentra, si gratta,
si spaventa …

ZOO

Arm Macht Reich[1]

Dal nido alla cella – un uovo morto.

Disabitata – la voliera
sotterra
la testa del condor.

*

Il sonno – più forte

del leone

spalanca
– lisergiche
– le fauci.

*

Nel deserto – estinto –
sotto grasse piogge di mani
– dietro rumori attutiti – e
nessuna uscita – il pitone
– scorsoio – si fa un nodo
alla gola.

*

Artrosi nell’aria – L’aquila
reale mette gli occhi
alla grata …

Dal trespolo obeso –
rimpicciolisce
sullo stomaco
la portata del becco.

*

Istinti –
incellofanati …

Uno sputo di oceano
mette in fuga lo squalo.

*

Trenta pollici di foresta
amazzonica
per la vedova nera.

Gli amanti – si sposano –
si massacrano –
in una nuova dimora.

*

Guardandosi – da dentro
specchi agli specchi …

Dai copertoni –
scimpanzé – ieratici –
al parco giochi –
ondeggiano.

*

L’esemplare di panda
– è finito.

Resta
una tavola di legno,
briciole – la sua ultima
cena per terra …

La fotografia di lui – buddha
– che sorride e di lontano
comprende …

Una cartolina alle spalle –
tanti baci
dalla terra natale.

*

Dementi,

se ne stanno
dietro i muri – nascosti –
camuffati da pecore –
duri come il freddo –
battendosi il capo …

Gli elefanti – fuori
d’equatore – fuori
misura –
occhieggiano
atterriti –

Quando si chiede a una zolla
di sole
di resistere
al ghiaccio.

*

I piranha – in terapia
di gruppo – hanno
ammorbidito
i metalli – compreso
la dignità del pesce rosso
– la ruota improba del caso
– il complesso profondo
degli offesi.

*

O la borsa o la vita …

Il destino incoraggia
– al quieto Lete –
l’alligatore.

*

Dietro le grate – nero –
dal suo angolo zen – la lingua
slogata – zampe pese –
si appanna distante
il puma.

Attraverso
le strette fessure
– dal giallo
torbido degli occhi –
salgono odori pungenti
di pisciato.

Refrattario – a lui si chiede
di dimenticare – con un tenero
numero da circo – sulla schiena …

– ora che è calmo, mettigli la mano

*

Un urlo dal fossato
senza rete …

Patina di peli –
muffiti –
sullo stomaco dell’orsa.

Ghiaccia –
madre
isterica – prosciuga
il latte dalle sue mammelle

– inventa – schifata
– nere
favole.

*

Il rospo – fermo – testa
alta – occhi
al soffitto …

L’acqua del ruscelletto
scorre – La diga amniotica
dei girini controlla
le nascite

Niente di nuovo – non c’è
neanche il sole

L’acqua
continua a girare – Il rospo
– di sale – aspetta
il diluvio.

*

– Impagliate nostalgie
di lontana sete …

Dall’aspetto coloniale
– le zebre – in tenuta
di ostaggio – sono
vicine –

– ben puntate.

*

– Istinti interrati …

Zoccoli ammassati
di montone – su montoni
di fango –

Sterco – a testa bassa –  raspa
la terra – ipnotica …

*

Il camaleonte – botanico
– in un piccolo cerchio
di rami – percorre
il suo buco di mondo –
barbaro – che
a un  tratto
scolora – scompare


[1] Povero Rende Ricco, frase che ho trovato scritta sui muri nei pressi dello Zoo di Berlino

7 Commenti

  1. bellissimo. tremendo. una rappresentazione della crudeltà degli zoo, con questi animali che somigliano per qualche verso a uomini o a “cose degli uomini” (es. le zebre coloniali). insomma, applaudo a questo poemetto di grande forza e maturità espressiva.

  2. Le qualità distorte, ridotte, ritorte dalla cattività. Una lingua anch’essa interrotta, come la visione – esterna – da sbarre. E l’allegoria profilata bene, perspicua. Sono versi splendidi,

    complimenti.

  3. Grazie, in particolare mi fa piacere che Franz abbia colto un elemento fondamentale del poemetto, e l’esempio della zebra dall’aspetto esotico-imperialistico-coloniale coglie l’origine ottocentesca dei giardini zoologici. La razionalizzazione della natura, il progresso umano inconciliante, portano inevitabilemente a uno stato di prigonia.
    Nel periodo in cui l’ho scritto imperversava l’orsetto bianco Knut: una mostruosità mediatica.

  4. Ciao Davide, i tuoi versi sono molto belli… finalmente dopo anni leggo qualcosa di tuo e in un certo modo mi tolgo anche la curiosità su cosa stessi combinando…
    ciao, spero che non passino altre ere geologiche prima di riacchiapparci

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Mi piacciono molto i documentari di Netflix

di Andrea Inglese
I documentari più belli di Netflix sono le storie di successo, le storie vere di successo, ma raccontate...

Su «Campi d’ostinato amore» di Umberto Piersanti

di Alberto Bertoni
Capita, nella storia d’un poeta, che un unico libro ne condensi temi, implicazioni storico-letterarie e Leitmotive formali

Da “Il tempo che trova”

di Pierluigi Lanfranchi
Didascalia per un quadro di Mark Rothko Occhio che passi, fissa questa tela, tuo autoritratto fedele, mia stele tombale. Ascolta bene ciò che dice: non c’è nient’altro, solo superficie.

Luigi Di Ruscio e il paradigma del dubbio

La tesi di laurea di Niccolò Di Ruscio dedicata al suo omonimo marchigiano. La lezione etica e politica di un poeta.

Nosferatu non esiste

di Andrea Accardi
. NI presenta alcuni testi tratti da "Nosferatu non esiste", Arcipelago Itaca, 2021.

Da “Betelgeuse e altre poesie scientifiche”

di Franco Buffoni
Circola un'arietta leopardiana, ironica e frizzante, a tratti glaciale, nell'ultimo libro di Franco Buffoni, BETELGEUSE e altre poesie scientifiche, Mondadori, 2021. Un'arietta rara nei libri di poesia contemporanea A. I.]
domenico pintohttps://www.nazioneindiana.com/
Domenico Pinto (1976). È traduttore. Collabora alle pagine di «Alias» e «L'Indice». Si occupa di letteratura tedesca contemporanea. Cura questa collana.