Articolo precedente
Articolo successivo

due passi (fare)

Bianca

(Per le spose suicide di Kabul)
Siamo gli oscuri fiori affilati cresciuti all’ombra delle chiesefabbriche di bambole, piedi nudi su strade scoscese.

Ascolta le nostre preghiere nell’ora in cui il tuo nome è invocato,
concedici oggi di morire a Kabul, città di poeti e di vergini suicide
polvere tra le macerie del mondo, ceneri in un letto di sale.

Dacci la chiarezza massima, concedici il fuoco,
perché noi ardiamo dal desiderio di vedere,
ardiamo dal desiderio di non sopravvivere
ardiamo di buio nel buio verso il buio.

Dacci oggi il kerosene della nostra morte
amen

small75

Fabio

Figure di soltanto epitèli, corticali
queste ai margini dell’occhio
mobili, agli angoli d’asfalto
dove squallide le ecchimosi:
allumini uomini, storte stagnole,
buste lacere di scarti inabili a
rifarsi suolo, almeno questo, falde
di fossili, di scuri scisti quando qui rinuoteranno
orche e cetacei, le mante immense,
fra i pilastri delle tangenziali
le meduse come folli
fosfori d’abisso

Print Friendly, PDF & Email

22 Commenti

  1. Grazie Francesco, mi interessa molto il variare delle illustrazioni che proponi, e questa ha un tono di grande intimità che mi sembra rispecchi bene l’accordo trovato con Fabio. Tango milonghero, sì, abbraccio e camminata. Due passi che andavano fatti.

  2. Complimenti per questo tuo testo, Bianca. … segno del miserrimo e quanto mai crudele integralismo, che induce addirittura all’autocombustione le donne di Kabul…

  3. Bianca.
    ho subito pensato a tutti gli insetti notturni che si avvicinano alla luce delle candele e ne muoiono.
    Il sacrificio estremo per la luce e per la verità.

  4. Io ringrazio Stefano e Jacopo, ma non posso fare a meno di sottolineare la bellezza dell’insieme, il passo doppio. Non dovrei essere io a dirlo, ma sono rimasta veramente incantata dall’accostamento.

  5. Due testi che compongono una danza macabra di sangue e sudore, testi di cui affamarsi gli occhi, le orecchie, fino a urlare l’anima dell’essere uomini e non sapere ancora come.

    grazie, natàlia.

    ___

    cadeau: In bianco e nero.

    È inutile come il mattino
    dopo un sonno senza riposo
    rincorrere l’ombra d’un sentiero di cipressi lividi
    infilando perline ad una collana spezzata
    intorno al collo della negligenza.
    Succube di parole morte nella notte senza afa
    la fede spezzata in un crocicchio di quesiti
    senza attese si deforma
    nello specchio di mille maschere di zucchero e sale.

    ***
    – Se la luce è trasparenza a cosa serve questa patina dorata?
    ***
    In bianco e nero amo guardare il vero delle cose
    nel grigio smorto delle nebbie al camminare
    degli scarponi antinfortunio detratti a rate
    dallo stipendio aziendale.
    ***

    Alle cinque cantava la sirena il richiamo delle anime
    che evaporavano odori di letto e figli.
    La osservavo passare in fretta e sognavo un avvenire
    che mi facesse ricordare il suo nome,
    ma una mano scrisse una legge, poi perì nel sangue.

    ***
    Nessuna luce ancòra è degna dei colori del reale
    ***
    Si mischiano le pelli dei sottopagati nel sudore appeso
    a mezz’aria dal suolo senza funi né ripari.
    Cartellini da timbrare con contratto interinale
    e domani un nuovo mestiere per bestiario di pretese.
    ***
    La preghiera del padre si disegna agli angoli d’una bocca da sfamare
    nei crampi d’uno stomaco vuoto d’amore
    che brama leccornie da consumare in fretta
    per mondare gli interstizi dei denti dagli avanzi di fragole mature,
    lievi – come il mulinare del vento per un marinaio nato in camicia
    che mille lidi attraversa sempre appeso alla sua rammendata tela
    che perde il tempo dalle toppe dei suoi miseri inganni.

  6. Grazie a Francesco per la proposta e l’intreccio, a Bianca per la più o meno macabra intesa, a chi ha voluto commentare, a Natalia per l’interessante cadeau.

    “Se la luce è trasparenza a cosa serve questa patina dorata”? Esatto.

    Un saluto,

    F.T.

  7. Sone le nozze della morte,
    in un passo vergine
    bruciato, esploso
    come dice Jacopo in una bellissima
    metafora dell’insetto all’utima luce
    si intrappola per morire di bellezza
    intravista.

    Crudele tango di Bianca e Fabio
    quando il dolore sovrasta i corpi nell’estasi.

    La creazione di effeffe è bella per i colori, l’incontro tra la scarpa
    elegante femminile e le scarpe dell’uomo come dominate.
    E’ la danzatrice che guida…

    Sono oggetti testimonianza del corpo a corpo,
    quando vestiti cadono a terra
    e nudi i corpi danzano,
    le scarpe dopo l’amore sono rimaste strette.

  8. Grazie a tutti, e in particolare a Natalia per il dono inaspettato, ma anche per la visione di Veronique. E vedo che sulle scarpe preparate per me e Fabio da Francesco abbiamo avuto la stessa impressione. :)

  9. Mi associo ai complimenti. Eleganza, bellezza, forza, intensità. Le poesia di Bianca Madeccia e Fabio Franzin ne sono pervase. E non potevano essere sottolineate dall’eguale eleganza della fotocomposizione di Effeffe, che ce le ha proposte. Commovente per dedizione e capacità di penetrazione il commento di Véronique, come sempre dolce e ipersensibile ai testi.
    Natàlia ha fatto un bel regalo-commento. Ogni tanto la seguo sui suoi blog e dico che meriterebbe altra e maggiore attenzione anche qui, su nazione Indiana. Per me è una vera artista /poeta. Apprezzo molto anche le sue traduzioni e cose dialettali. Chapeau!

  10. Pardon, rettifico, voglio dire Fabio Teti. Comunque lapsus appropriato, perchè amo e stimo molto anche Fabio Franzin. Inconsciamente pensavo a lui, mentre vergavo il commento. Evidémment, come chioserebbe il furlèn.

  11. non si intersecano, non si toccano, non si avvicinano, neppure viste con il wide angle più ampio. è come accostare una foto delle higlands alla foto di un paradiso del sud est asiatico, ma come sono belle tutte e due.

  12. Mi piace la forte denuncia di Bianca. Lei sa come la penso… Siamo donne viscerali che adottano la scrittura, e nel mio caso – ma penso anche in Bianca – il tentativo, seppur esile ma urlato, di agire nel “concreto”.
    Intenso e bellissimo il testo di Bianca. Passo di danza sciamanica – voglio vederla-sentirla-coglierla così- insieme a Fabio Teti.
    A entrambi, un grazie di cuore.

I commenti a questo post sono chiusi

articoli correlati

Buena Vista Social: Alessandro Trocino

di Alessandro Trocino
Janek Gorczyca è uno scrittore. C’è il suo nome in calce alla copertina di «Storia di mia vita», appena uscito da Sellerio. Che effetto t'ha fatto? «Boh». È uno scrittore ma anche una persona che ha vissuto per anni per strada, dormendo nelle tende, sulle panchine, nelle strutture abbandonate.

Les nouveaux réalistes: Gennaro Pollaro

di Gennaro Pollaro
Il signor Aiello mi spiega - senza aprire bocca - in quale luogo sarebbe sensato trovarsi l’origine delle mie preoccupazioni. Muove le mani sulla sua testa come a formare un cerchio e poi tira fuori ancora quel maledetto pendolo.

Rêveries

di Mirco Salvadori
Il diario di bordo di una due giorni dove è questione di pratica di gioventù e di trasmissione generazionale. Un'esperienza tradotta in uno scritto che speriamo incontri con piacere i lettori di Nazione Indiana. M.S.

Memento Moro

Poesie di Alida Airaghii
Come nei Sillabari di Goffredo Parise, dove sono i luoghi a fare le persone e le persone i titoli dell'abécédaire in questa raccolta è il tempo a definire l'ordine, e la storia a sconvolgere la cronologia mutando la semplice successione degli anni- le poesie sfilano come date precise, giorno, anno...

Les nouveaux réalistes: Luigi Macaluso

di Luigi Macaluso
Narrano le cronache non scritte di Trizzulla, paese dell’entroterra madonita, che all’indomani della legge Merlin l’arrivo del nuovo parroco don Basilicò fu accompagnato dalla presentazione d’un prodigio: la nipote Lina, meglio nota alla memoria dei fedeli come l’Ovarola o la Moglie del Serpente.

Avanguardia Vintage: l’intervista

a cura di di Nadia Cavalera
"C’è un brano di Kafka che dice che la scrittura deve essere come un’ascia, che rompe uno strato di ghiaccio. Per cui, sostanzialmente, al povero lettore gli diamo, come dire, delle botte sulla testa."
francesco forlani
francesco forlani
Vivo e lavoro a Parigi. Fondatore delle riviste internazionali Paso Doble e Sud, collaboratore dell’Atelier du Roman . Attualmente direttore artistico della rivista italo-francese Focus-in. Spettacoli teatrali: Do you remember revolution, Patrioska, Cave canem, Zazà et tuti l’ati sturiellet, Miss Take. È redattore del blog letterario Nazione Indiana e gioca nella nazionale di calcio scrittori Osvaldo Soriano Football Club, Era l’anno dei mondiali e Racconti in bottiglia (Rizzoli/Corriere della Sera). Métromorphoses, Autoreverse, Blu di Prussia, Manifesto del Comunista Dandy, Le Chat Noir, Manhattan Experiment, 1997 Fuga da New York, edizioni La Camera Verde, Chiunque cerca chiunque, Il peso del Ciao, Parigi, senza passare dal via, Il manifesto del comunista dandy, Peli, Penultimi, Par-delà la forêt. , L'estate corsa   Traduttore dal francese, L'insegnamento dell'ignoranza di Jean-Claude Michéa, Immediatamente di Dominique De Roux
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: