L’estate di Simone sbarca a Lecce con la CAROVANA ANTIMAFIA

“L’Italia è una Repubblica fondata sul LAVORO. Cioè?”
Rappresentazione Teatrale operai cassintegrati Radicifil di Pistoia “L’ ESTATE DI SIMONE”

venerdì 4 dicembre 2009
ore 19.30

sabato 5 dicembre 2009
ore 09:30 riservato agli studenti

Lecce – Cineteatro Don Bosco, Via dei Salesiani, 4
tel.+39 0832 390 557

“L’estate di Simone”, spettacolo teatrale scritto e diretto da Marta Quilici e Lorenzo Gori e interpretato dagli operai della Radicifil di Pistoia , sbarca a Lecce presso il Cineteatro Don Bosco all’interno della manifestazione Carovana Antimafie.
Alfredo Bani filatore, Marco Begliuomini elettricista, Leonardo Mati informatico, Simone Zini cernitore, dipendenti Radicifil in cassa integrazione a zero ore dallo scorso primo maggio interpretano “L’estate di Simone”, che invita a riflettere su una situazione economica e finanziaria nazionale e globale i cui risvolti sono tuttora presenti nella vita quotidiana di chiunque. Il lavoro, la crisi, le lotte sindacali e anche i problemi locali del lavoro in nero e le angosce personali per la perdita dell’occupazione. Punto di forza dello spettacolo, il fatto che a rappresentare il problema della cassa integrazione siano gli stessi operai che la vivono in prima persona. Elaborati nello studio della Cucca e Racha, gli effetti sonori hanno la firma di Marco Fioretti.

articoli correlati

Shelter in place (l’Italia in una stanza)

di Sara Marinelli Nove ore di fuso non sono niente. Se dormo di giorno e sto sveglia di notte, sono in...

Il lavoro negli scritti di Gadda

di Alba Coppola Il tema del lavoro è nodale nell’opera di Gadda, sì che, anche quando non sia l’argomento specifico, ma...

Fuori dal raccordo c’è l’Italia

di Gianni Biondillo E così, anche in questo nuovo romanzo, non ho parlato del Duomo. Sono anni che scrivo di...

Più dolore, più violenza in questa città

di Carola Susani Non so se ho tenuto bene il conto. Il Baobab ha subito a mia memoria 22...

Se il futuro del lavoro assomiglierà alla gig economy, siamo spacciati

di Davide Orecchio Stiamo diventando “tutti più poveri”. È questo il sottotitolo di Lavoretti, l’ultimo libro (pubblicato da Einaudi a...

Aprite i porti: manifestazioni nelle città d’Italia

Con la vicenda della nave Aquarius assistiamo alla negazione dei diritti umanitari internazionali,  che sta mostrando una faccia dell'Italia...
francesca matteonihttp://orso-polare.blogspot.com
Sono nata nel 1975. Curo laboratori di tarocchi intuitivi e poesia e racconto fiabe. Fra i miei libri di poesia: Artico (Crocetti 2005), Tam Lin e altre poesie (Transeuropa 2010), Acquabuia (Aragno 2014). Ho pubblicato un romanzo, Tutti gli altri (Tunué, 2014). Come ricercatrice in storia ho pubblicato questi libri: Il famiglio della strega. Sangue e stregoneria nell’Inghilterra moderna (Aras 2014) e, con il professor Owen Davies, Executing Magic in the Modern Era: Criminal Bodies and the Gallows in Popular Medicine (Palgrave, 2017). I miei ultimi libri sono il saggio Dal Matto al Mondo. Viaggio poetico nei tarocchi (effequ, 2019), il testo di poesia Libro di Hor con immagini di Ginevra Ballati (Vydia, 2019), e un mio saggio nel libro La scommessa psichedelica (Quodlibet 2020) a cura di Federico di Vita. Il mio ripostiglio si trova qui: http://orso-polare.blogspot.com/